LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

UDINE - Da caserma fantasma a polo culturale
15/08/2010


Siamo stati alla "Osoppo" di Udine, da oltre 12 anni in uno stato di totale abbandono. Un'area desolante, grande come il quartiere di una citt. Che forse sta per rinascere.

Il cortile centrale dell'ex caserma Osoppo, a Udine, ormai completamente invaso dalle erbacce. Forse diventer una nuova piazza al centro di un'area residenziale, ristrutturata partendo dai caseggiati militari.
Il cortile centrale dell'ex caserma Osoppo, a Udine, ormai completamente invaso dalle erbacce. Forse diventer una nuova piazza al centro di un'area residenziale, ristrutturata partendo dai caseggiati militari.


Udine, agosto 2010

Questo un reportage da un luogo fantasma, inquietante, buono per girare un disaster movie, un film apocalittico, ai confini con l'horror. Siamo entrati nellex caserma Osoppo di Udine, una delle glorie dell'Esercito Italiano, dove sino a met degli anni Novanta era di stanza il 27 Reggimento Artiglieria Pesante Semovente "Marche", inquadrato nella terza Brigata Missili Aquileia. Il motto: Semper audere. E infatti oggi ci vuole un certo coraggio per entrare, o per rimettere piede, qui dentro.

Chi scrive ci ha fatto la "naja" nel 5 scaglione '81-'82. Ci sono tornato dopo quasi trent'anni e ho trovato la desolazione pi assoluta, senso di smarrimento, angoscia, e anche un po' di paura. Quella che una volta era una delle caserme pi vive e attive della "cortina di ferro" italiana - ad appena 25 chilometri dal confine della Slovenia, a Nova Gorize, che sino al 1991 era ancora parte della Federazione Jugoslava - oggi un'enorme e allucinante area dismessa, abbandonata da anni all'incuria, alle erbacce, alla vegetazione disordinata che ha ormai conquistato ogni spazio libero tra i caseggiati un tempo destinati alla vita militare.

A pochi passi c' un'altra storica caserma di Udine, la gigantesca "Spaccamela", ancora in servizio per qualche centinaia di militari professionisti, visto che la leva obbligatoria finita ufficialmente dal 1 gennaio 2005. Alla Osoppo, che invece in uno stato di totale abbandono, siamo entrati dal portone principale: via Brigata Re 33, a Udine, indirizzo che certo migliaia di "giovani" ricordano con nostalgia... o con terrore.

Per chi 30 anni fa ha passato qui dodici lunghi mesi della sua vita, l'impatto devastante gi dall'ingresso, chiuso soltanto con una catena e un lucchetto, unico baluardo che resiste dove una volta c'era il servizio di guardia. Un semplice lucchetto, di quelli che si usano per le cantine o per proteggere la moto in strada. E spesso forzato da bande di teppisti che di tanto in tanto entrano per rubare ci che rimane, praticamente nulla: fili elettrici, rame, legna. Hanno aperto tutti i tombini della caserma, tanto che occorre camminare con estrema attenzione per non finirci dentro e rimanere intrappolati nel buio e nel silenzio; hanno divelto i serramenti, distrutto completamente i bagni delle camerate, dato fuoco a parti della vegetazione.

All'interno, lo spettacolo desolante. All'entrata il posto dell'ufficiale di picchetto sventrato. Gli alberi e le erbacce hanno preso possesso di tutto: tra i due caseggiati che separavano la settima e l'ottava Batteria, la natura ha creato quasi un bosco impenetrabile: per passare da una scala all'altra bisogna farsi largo tra una fitta vegetazione. Sono entrato nei caseggiati, ho camminato tra i corridoi abbandonati dall'Esercito: non c' pi niente, le intemperie hanno spalancato porte e finestre, le foglie degli alberi hanno invaso le camerate.

Il grande cortile centrale - dove si svolgevano marce ed esercitazioni, e dove i congedanti ascoltavano il "Silenzio", l'ultima notte prima di abbandonare per sempre la naja - sembra un prato in aperta campagna. Dell'infermeria rimane solo il simbolo della croce sulla porta. crollato il tetto della mensa, l'edificio pi disastrato di tutta l'ex caserma Osoppo. Di fronte, la cosiddetta "Bcs", la Batteria comando e servizi, dove c'era anche l'Ufficio vettovagliamento, ormai interamente nascosta dagli alberi e le erbacce crescono sul marciapiede.

La palestra ha il tetto bucato, sono rimasti solo i tabelloni del basket, come due giganti, testimoni silenziosi del nulla. Lo spaccio per la truppa abbandonato e completamente buio, rimane il lungo bancone di legno, sporco e ricoperto di polvere: su uno dei muri del locale, l'unico luogo di svago per chi rimaneva in caserma e non andava in libera uscita, abbiamo fotografato un disegno con la scritta " finita!", lasciato dai congedanti del 6 scaglione 1996. Certo una delle ultime "annate" di naja presenti alla "Osoppo", caserma che andata spopolandosi un po' alla volta, parallelamente alla progressiva fine della leva obbligatoria. L'ultima riduzione fu fatta nel 1997, da 12 a 10 mesi. L'abolizione (o meglio la sospensione a tempo indeterminato) avvenuta definitivamente dal gennaio 2005.

Ma gi dal 1998 la "Osoppo" di Udine (che soltanto una delle gigantesche caserme non pi utilizzate in Friuli e ha vissuto il suo massimo momento di splendore nel '76, durante il terremoto) ha iniziato a essere abbandonata. Da circa due anni e mezzo completamente fuori dall'amministrazione militare, assegnata al Comune di Udine. Prima c' stato un lungo periodo in cui la struttura rimasta in carico all'Agenzia del Demanio, che l'ha consegnata al Comune di Udine nello stato di totale abbandono in cui versa ora (come potete vedere dalla fotogallery allegata a questo articolo). E prima ancora, per un altro lungo periodo dopo la dismissione dal ruolo di caserma vera e propria, rimasta in carico al 12 Dipartimento infrastrutture dell'Esercito italiano, senza essere minimamente utilizzata.

Sono molti i Comuni friulani che hanno ricevuto dallo Stato beni un tempo utilizzati a scopi militari: circa 36 tra caserme dismesse e terreni, per un valore di alcune decine di milioni di euro. Migliaia di metri quadrati che ora potranno essere riqualificati. Ammesso che le amministrazioni trovino fondi pubblici e privati disposti a investire in interessanti affari immobiliari. Nel caso di Udine, la donazione riguarda circa 16 ettari, quelli sui cui sorgono la ex caserma Piave (dov'erano di stanza gli autieri) e, appunto, la "Osoppo", tra le prime opere militari edificate dopo la riunificazione del regno d'Italia. Secondo alcune valutazioni, corrispondono all'incirca a 16 milioni di euro, calcolati su un prezzo al metro quadro di 100 euro.

Per la "Piave", zona a sud-ovest di Udine, secondo l'indirizzo indicato dall'amministrazione attuale, gi stato disegnato un futuro certo di recupero da parte del Comune: siccome nelle vicinanze c' una struttura di eccellenza nella riabilitazione, il Gervasutta, si pensato di creare un secondo polo medico. C' gi un protocollo dintesa con l'Azienda servizi sanitari e al posto dell'ex caserna sorger una struttura pubblica, spiega Claudio Smedile, del servizio Demanio e gestione immobili di Udine. Poi verr realizzato anche l'hospice di una fondazione che partecipata anche dal Comune; e infine, l'area rimanente sar adibita, sempre a fini sanitari e assistenziali, a edilizia finanziata da privati. Noi abbiamo fatto una ricerca di mercato e abbiamo ricevuto gi alcune adesioni da parte di operatori privati e dovremo perfezionare, entro l'anno, la suddivisione delle aree e la cessione dei lotti. Quindi, nel caso della "Piave" i progetti di riqualificazione sono gi molto bene avviati.

Per quanto riguarda invece l'ex caserma Osoppo, i progetti sono ancora in via di definizione. Si tratta in questo caso di un'area enorme, come abbiamo detto in stato di drammatico abbandono, ma grande quanto un quartiere della citt, che stato sempre precluso alla frequentazione degli abitanti di Udine, almeno dalla fine dell'Ottocento. L'orientamento di insediare attivit, mestieri, esercizi commerciali, popolazione, in modo da rivitalizzare un intero ambito demografico.

Il Comune di Udine non rimasto a guardare, aggiunge Smedile. In base alla professionalit dell'Ater, l'Azienda che gestisce l'edilizia sovvenzionata, stato commissionato un progetto di fattibilit per la "Osoppo" - con rilievi, planimetrie, studi di urbanistica - per ripensare a quel territorio e concepire quell'area come uno spazio nuovo, destinato alla residenza e a tutto ci che necessario per rendere migliore la qualit della vita di una parte di Udine un po' decentrata e sino a 15 anni fa "ostaggio" delle grandi caserme, quindi con negozi, parchi, giardini, musei, piazze, parcheggi.

Insomma, un volto diverso per Udine con un nuovo quartiere cittadino, "strappato" all'incuria della caserma Osoppo attraverso la riqualificazione urbanistica. Anche se nel progetto dell'amministrazione c' la volont di mantenere, a memoria delle future generazioni, almeno le parti dell'ex area militare che hanno una loro qualit edilizia. Per esempio, la palazzina sulla destra dell'ingresso, che ospitava il circolo ufficiali, dove di recente sono state girate alcune scene del film "Missione di pace", con Silvio Orlando, che uscir nel 2011: si sta pensando di ristrutturare il fabbricato e ospitare le associazioni di Udine, sodalizi tra cittadini che rappresentano un arricchimento per la citt, quindi con una connotazione di polo culturale, biblioteche, archivi, centri multimediali.

Gli altri caseggiati in stato di abbandono all'interno della caserma, che ospitavano le camerate della truppa, saranno oggetto di interventi per la riditribuzione degli spazi, mantenendo la fisionomia degli immobili e creando abitazioni residenziali di varie metrature intorno alla grande piazza d'armi centrale, che era appunto il cortile della caserma Osoppo, oggi completamente invaso dalle erbacce, che potrebbe quindi essere finalmente vissuto come una nuova piazza di Udine, forse la piazza del mercato, le ipotesi sono ancora allo studio. Qualcuno ha anche ipotizzato che il muro di recinzione - che per anni stato considerato dagli abitanti un po' come un "muro di Berlino", impenetrabile, che divideva la citt dall'area militare - venga ovviamente demolito ma che se ne conservino alcuni tratti, a memoria della destinazione militare originaria.

La vecchia caserma Osoppo, quindi, come un'importante scommessa di federalismo demaniale che diventa nuovo tessuto urbano: cadr il muro di cinta, forse ci saranno giardini, fontane, e intorno case, appartamenti, negozi, supermercati, musei, scuole, con un polmone verde (quello che divideva il comando dalle camerate) che diventer sicuramente un parco pubblico. Da un esempio di grave degradazione post-militare a un tessuto vivibile e che guarda al futuro. Dall'artiglieria pesante a una nuova vita pienamente "civile", un quartiere nuovo di zecca con orizzonti residenziali e culturali. Che la gente finalmente potr vivere mentre per anni ne stata esclusa.

Anche se ancora oggi alcuni abitanti di Via Brigata Re a Udine ricordano con simpatia la caserma "vera": Era meraviglioso vedere passare tutti quei giovani di leva in libera uscita, invadere la citt, salire gli autobus di servizio, riempire le pizzerie, le nostre osterie. Oggi la caserma Osoppo soltanto una targa sopra un muro di cinta sbrecciato. I militari l'hanno lasciata cos, abbandonata, e nel tempo diventata una vergogna, una ferita nella nostra citt, il degrado si vede anche dai satelliti: dia un'occhiata a Google Earth, su Internet, c' da rabbrividire. Speriamo che il Comune intervenga presto. Qui dentro ci sono soltanto silenzio e desolazione.

http://www.famigliacristiana.it/Informazione/i-grandi-servizi/articolo/da-caserma-fantasma-a-polo-della-cultura.aspx


news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news