LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TAORMINA chieder alla Regione la gestione del Teatro Antico
Emanuele Cammaroto
Messina (17/08/2010) GAZZETTA DEL SUD




Stessa cosa il sindaco Passalacqua vuole fare per l'Isolabella

Il Comune di Taormina vuole fare la voce grossa sui principali beni culturali della citt. Gi nei prossimi giorni potrebbe partire da Palazzo dei Giurati una richiesta ufficiale alla Regione di ottenere la gestione del Teatro Antico. un'intenzione che da tempo va maturando nell'Amministrazione comunale e che senza dubbio destinata ad incontrare un consenso trasversale tra le varie forze politiche locali e nei cittadini.
L'Esecutivo pronto a rompere gli indugi, e adesso punta al riconoscimento della propriet del principale monumento storico di Taormina e della Sicilia, per il quale addirittura Taormina per diversi anni non ha potuto introitare nemmeno l'attuale 30% che le spetta in base alle ripartizioni degli incassi derivanti dal biglietto d'ingresso al sito. L'intenzione del sindaco Mauro Passalacqua viene condivisa anche dai colleghi di Giunta, ed in particolare dall'assessore al Turismo, Italo Mennella, e da quello al Commercio, Nunzio Corvaia. Certamente si apre una prospettiva del tutto nuova, lontana dai tradizionali equilibri e rapporti di forza. Non difficile immaginare quali vantaggi avrebbe Taormina da una gestione con il Comune finalmente attore principale, gestore diretto del Teatro. un'idea che consentirebbe alla casa municipale, se mai dovesse realizzarsi, di fare ragionamenti diversi sul bilancio comunale. Avere le chiavi in mano del Teatro e non dover pi aspettare il "contentino" sui proventi, determinerebbe enormi riflessi positivi sulle casse comunali sino ad oggi interessate da una pesante situazione debitoria.
Logico che, almeno in una prima fase, non ci sarebbe la volont di cercare uno scontro o un braccio di ferro, ma a Taormina l'ipotesi di una gestione diretta del Teatro Antico piace e incontra il consenso di parecchie persone. La strategia potrebbe svilupparsi intanto in una richiesta immediata di ridiscussione delle percentuali sugli introiti dei proventi del Teatro. Taormina percepisce sinora il 30%: una somma modesta, insufficiente. Sui proventi del Teatro il Comune di Taormina sta riavendo in questi mesi soldi del periodo 2004-2009 e che nell'arco di un quinquennio hanno sfiorato i 2 milioni di euro. Con un ritardo "biblico" sono state versate, ad esempio, 24 rate da 73 mila euro che erano dovute al Comune per le annualit pregresse, somme inerenti un periodo che andava dal 24 agosto 2004 al 31 dicembre 2006. O dal 15 aprile 2003 al 20 agosto 2004 per un totale di 450 mila euro. Cifre che l'Amministrazione taorminese ha dovuto sudare sette camicie prima di poter avere: quote che spettavano di diritto al Comune di Taormina e che erano state bloccate perch - secondo Regione e Sprintendenza - Taormina non aveva previsto e specificato un adeguato piano di reinvestimento dei fondi.
inevitabile chiedersi, invece, come sia stato esattamente utilizzato sull'asse Messina-Palermo il 70% di quei fondi in questi anni. Al momento, i fondi spettanti al Comune, in base alla convenzione stipulata con la Soprintendenza, dovrebbero servire a potenziare e migliorare la fruizione dei monumenti ed effettuare interventi di riqualificazione sul patrimonio culturale. La convenzione prevede la seguente ripartizione: 47% in conto capitale; 53% per servizi. Nel capitolato in oggetto figurano spese per manutenzione delle strade d'accesso ai monumenti; investimenti per i servizi della biblioteca comunale; illuminazione e miglioramento del verde nei pressi dei beni culturali. Il Comune non vuole pi sentirsi ospite in casa propria, ma legittimamente, padrone di quei beni ubicati sul proprio territorio e sinora rimasti in mani altrui.
Taormina, da anni ormai, si vede imporre i concerti ed eventi vari di privati che utilizzano Taormina come location e che poi non portano nulla alle casse comunali, causando anzi disagi e disservizi. Analoga la volont a Taormina di prendere in mano Isolabella, che dal 2006 non ha pi un ente gestore e che il Comune vuole sovrintendere avvalendosi di Radio Valle Alcantara, la locale Protezione Civile. La Regione fa orecchie da mercante sia su Isolabella che sul Teatro Antico. Ora per Taormina vuole fare una battaglia che vale la pena intraprendere, per una giusta causa. Addirittura c' chi spinge in municipio per intentare un'azione legale.





news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news