LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze alla guerra del David: nostro e non dello Stato
ilgiornale 15-08-2010






I Beni culturali, carte e perizie alla mano, contendono la propriet del capolavoro di Michelangelo al Comune. E scoppia la lite
Domizia Carafli C i mise tre anni Michelangelo - dal 1501 al 1504 - per estrarre da quellimmane blocco di marmo delle Apuane la statua del giovane fromboliere colto nella vittoriosa e giovanile arroganza. Ci avevano gi provato Agostino di Duccio e Antonio Rossellino, due scultori di tutto rispetto, ma soltanto il Buonarroti riusc nel cimento e in tre anni, lavorando nel cortile dellOpera del Duomo, cre il Davide, quattro metri e dieci centimetri di immortale capolavoro. Accanto al bellissimo adolescente, ancora di pi avrebbe sfigurato la goffa statua del Nettuno sulla vicina fontana in piazza della Signoria, opera di Bartolomeo Ammannati ( Ammannato, Ammanato, che bel marmo hai rovinato, dicevano i fiorentini). Ma che il Davide avrebbe provocato una disputa fra lo stato italiano e la sua Firenze, questo Michel- angelo proprio non se lo sarebbe potuto immaginare.
La disputa verte sulla propriet della statua, oggi conservata alla Galleria dellAccademia dove qualche anno addietro stata sottoposta ad accurato restauro (la scultura in piazza della Signoria soltanto una copia). Lo Stato, per bocca del ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi, sostiene che il Davide gli appartiene, Firenze, per bocca sindaco Matteo Renzi, risponde inviperita che il Davide suo e che nessuno osi toccarlo. Non soltanto una querelle ferragostana, ma un vero casus belli basato sulle rispettive competenze su opere darte di altissimo valore. Ma c qualcosa di pi che spiega lo sviscerato amore del comune fiorentino per il capolavoro michelangiolesco: trovandosi allinterno di un museo civico, il giovane riccioluto, che guarda il mondo con un certo sprezzo, rende al comune un sacco di bei soldini in biglietti di ingresso alla Galleria, per la precisione 8 milioni di euro allanno pagati dai turisti di tutto il mondo.
E rinunciarci per un comune, affamato come tutti i comuni, un sacrificio dolorosissimo.
La richiesta del Ministero dei Beni Culturali si basa su una dettagliata relazione scritta dagli avvocati dello Stato Maurizio Raugei e Luigi Andronio per conto del ministero stesso. I due legali del ministero hanno ricostruito la storia del David partendo da un primo punto: il Comune di Firenze, che nasce in epoca granducale, tra il 1771 e il 1783, non pu essere considerato lerede diretto della Repubblica fiorentina che nel 1504 pag i 400 fiorini per saldare il debito contratto con Michelangelo dagli operai dellopera del Duomo e dai Consoli dellArte della Lana che lo avevano commissionato per la cattedrale. Si tratterebbe, dunque,di uneredita tra Stati,fino alla riunificazione nel Regno dItalia che-scrivono i legali-non lascia spaz- io alla sopravvivenza di alcuna autonomia locale. Replica del sindaco Matteo Renzi, disturbato nei preparativi del Ferragosto: Con buona pace degli avvocati romani, i documenti inoppugnabili in possesso dellamministrazione comunale e dello Stato sono chiari: il David della citt di Firenze.
Ma non detto.C un altro passaggio nella lunga relazione ministeriale, che, secondo i due avvocati, taglia definitivamente la testa al toro: quando il David fu trasferito nel 1872 dall- arengario di Palazzo Vecchio allAccademia, il Comune non avrebbe rivendicato alcuna propriet. Per quanto riguarda latto del 1871 che certificava il passaggio di propriet al Comune dellintero palazzo e di tutte lestatue presenti nellarengario, nella loro relazione i due legali citano un rogito notarile del 9 novembre 1871 con il quale si procedeva alla consegna del solo edificio del Palazzo con tutti i suoi annessi, infissi ed affissi e con tutti gli oggetti mobili tassativamente indicati in apposito inventario sottoscritto dalle parti . Ma sia nella legge delega, sia nel verbale di consegna non si parla affatto della statua del David che pur aveva assunto nel frattempo enorme valore anche simbolico. Unimperdonabile distrazione?
Ovviamente il sindaco Renzi di parere assolutamente contrario. Per sostenere che il David non appartiene a Firenze - proclama - non basta arrampicarsi sugli specchi e credo che un Ministero tutto potr fare tranne che ignorare una disposizione di legge, aggrappandosi alle dichiarazioni di un delegato comunale. Certo, questo Governo capace di sorprenderci su tutto, ma spero non varcheranno almeno questo limite. Detto questo, visto che Ferragosto, eviterei polemiche sterili. Poi, dopo aver lanciato la pietra politica, ripone la fionda, ci ripensa e lancia invece un invito al dialogo: Le Istituzioni - dicenon bisticciano come bambini, ma trovano le soluzioni pi opportune. Chieder al ministro Bondi un incontro, appena sar rientrato in Italia, per fare il punto su tutte le questioni ancora aperte nei rapporti tra Firenze e il Governo centrale: dal David ai Grandi Uffizi, dal Maggio alla Pergola fino alla legge speciale. Molto pi cauta sugli ultimi sviluppi, la sovrintendente del Polo museale fiorentino, Cristina Acidini Luchinat, che a suo tempo sovrintese anche al restauro della statua (realizzato non senza critiche e polemiche fra gli stessi restauratori) e che oggi dice: Seguo con attenzione levolversi della vicenda .
Che rimanga di propriet fiorentina o che passi allo Stato, limportante, per un capolavoro di interesse mondiale com il David, che sia conservato nel modo migliore, come pare che sia attualmente. Quando Michelangelo pose mano alla titanica opera, quello che si trov di fronte era un gigantesco blocco di marmo grossolanamente abbozzato e il David che si era negato agli altri scultori, sbocci dalle sue mani. Fu una commissione e apposita composta fra gli altri da Cosimo Rosselli, Botticelli, Giuliano da Sangallo e Leonardo da Vinci (difficile, in epoche successive, riunire in una sola commissione tanti artisti e di tale valore, ma quello era il Rinascimento) a decidere la sistemazione della statua, che nel frattempo aveva ass- unto un significato civile e repubblicano, davanti a Palazzo Vecchio. Nel 1527, durante una rivolta popolare, il braccio sinistro fu spezzato in tre parti. Il David rimase ancora 350 anni a presidiare la piazza, mentre il candido marmo si copriva di incrostazioni.
Nel 1873 si decise di spostato alla Galleria dellAccademia dove si trova tuttora, collocato alla fine di un corridoio prospettico illuminato da un lucernario, nell apposta tribuna costruita da Emilio De Fabris nel 1882. Come tutte le opere darte che esercitano sugli osservatori unattrazione quasi morbosadalla Gioconda leonardes- ca al ritratto funebre di Ilaria del Carretto, tanto per citarne due fra i moltianche il David corse i suoi rischi: fu danneggiato volontariamente per la prima volta nella sua storia il 14 settembre del 1991 da un certo Pietro Cannata che, mischiato tra il pubblico, colp con un martello la punta del secondo dito del piede sinistro. Ma il David comunque sopravvisse. Simbolo delleternit dellarte. Sopravviver anche a questi litigi agostani.



news

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

16-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 agosto 2019

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news