LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Crolla il tetto del Palaexp. Strage sfiorata
A. Mas.
Il Manifesto, 15/09/2004

Un peso eccessivo, 60 quintali di pannelli in cartongesso sul soffitto, a 23 metri d'altezza dal suolo, e tutto venuto gi, come ha raccontato un operaio polacco riuscito a sfuggire alle macerie. 8,30 di ieri mattina a Roma, al Palazzo delle esposizioni si lavora come tutti i giorni perch tutto sia pronto per l'inaugurazione, il prossimo 21 dicembre, con una mostra sul rock. Una gru comincia a poggiare i pannelli sul tetto del retro del palazzo, sulla parte che affaccia su via Piacenza, a pochi metri dal comando dei vigili del fuoco. Un operaio li sta sistemando quando improvvisamente il soffitto crolla, sfondando anche quello del piano intermedio e schiacciando quattro operai che stavano imbiancando una sala espositiva. Tre di loro rimangono feriti gravemente, anche se non in sono in pericolo di vita, altri due meno seriamente, tanto che saranno dimessi dall'ospedale gi in mattinata. Al lavoro ci sono in tutto una sessantina di persone, lavoratori di un'associazione temporanea di imprese di cui fanno parte la Sac spa e la Igit spa. Si sentito un fortissimo rumore, come una bomba, un boato e tutti siamo scappati, uscendo dall'edificio. Poi ci siamo accorti che ne mancava uno, un rumeno che precipitato per 16 metri, racconta ancora Jerzy Sobeniak. Sar estratto dalle macerie e portato in gravi condizioni all'ospedale San Camillo. Gli altri due feriti sono ricoverati al Policlinico Umberto I. Ho visto una voragine aprirsi dentro al fabbricato, improvvisamente si alzata una gran massa di polvere. Mi sono reso conto che franato il solaio e il tetto di piano terra. Uno strapiombo di pi di dieci metri, dice un altro operaio, mi trovavo sulla parte del tetto che non ha ceduto. Sono scappato dalle scale di emergenza e sono sceso. Sono vivo per miracolo. Ho visto una massa di calcinacci e sentivo persone che si lamentavano, ma l'intervento dei pompieri e delle ambulanze stato immediato.

Le prime ricostruzioni dei vigili del fuoco parlano di quel carico eccessivo come probabile causa del crollo. A rafforzare l'ipotesi arriver poi il verdetto del responsabile del dipartimento di prevenzione dell'Asl Rma Umberto Bacchiarotti, che spiegher come nel cantiere le norme di sicurezza fossero rispettate e che la colpa fosse da attribuire esclusivamente al peso dei pannelli. La scena del crollo come quella di un bombardamento: il solaio che crollato misurava 90-100 metri quadri e ora ci sono ovunque macerie e travi pericolanti, ha raccontato ai giornalisti Bacchiarotti. Sul posto arriva anche il sindaco Walter Veltroni, insieme agli assessori Giancarlo D'Alessandro e Gianni Borgna, che annunciano l'avvio di un'inchiesta amministrativa da parte del comune per accertare le cause del crollo. Nel frattempo i tecnici del comando provinciale effettuano un sopralluogo e la procura di Roma apre a sua volta un fascicolo con l'ipotesi di reato di lesioni personali colpose, comincia a interrogare i responsabili dei lavori e alcuni operai, sequestra tutti i documenti dei lavori e l'intero complesso almeno finch non verr scongiurato il pericolo di ulteriori crolli.

Un po' tutti ammettono che nel cantiere non c'erano mai stati particolari problemi di sicurezza. I controlli al cantiere erano rigorosi e il coordinatore della sicurezza veniva almeno tre volte alla settimana, dice un altro operaio, Pietro, mentre un terzo, Aldo, spiega come fossero richiesti il casco, le scarpe antinfortuni e il cartellino di riconoscimento. Il cantiere era stato controllato nel febbraio scorso dall'Osservatorio comunale sulle condizioni del lavoro a Roma ed era risultato tutto in regola, dice il direttore dell'Osservatorio Sandro Cossetto.

Il segretario regionale della Fillea Cgil sostiene invece che bisogna prendere atto che non bastano pi gli ispettori del lavoro e i tecnici delle Asl ma le imprese dovrebbero assumere nei contratti la responsabilit di convocare i cosiddetti comitati tecnici paritetici in grado di stabilire, attraverso tecnici e ingegneri, le condizioni di sicurezza dei luoghi di lavoro. Anche per il segretario della Filca Cisl bisogna intensificare l'attivit ispettiva e preventiva, le garanzie per gli operai edili e i meccanismi di sicurezza, anche perch nonostante la firma, due mesi fa, del protocollo per i controlli nei cantieri tra sindacati e comune, continuano ad accadere incidenti sul lavoro. Se cantieri come quello del Palazzo delle Esposizioni sono sulla carta quelli pi organizzati e controllati, preoccupa immaginare le condizioni di migliaia di altri cantieri aperti a Roma e provincia e le condizioni dei lavoratori che vi operano, denuncia il verde Angelo Bonelli.

Il soffitto crollato non era stato comunque toccato dalla ristrutturazione del palazzo, cos come nell'intera ala non erano in corso cambiamenti strutturali ma solo opere di tinteggiamento e il rifacimento degli impianti. L'edificio, che ha ospitato eventi, mostre, incontri, festival di cinema (come quello asiatico) e finanche feste elettorali del centrosinistra era chiuso al pubblico dalla fine del 2002. I lavori, costati 20 milioni di euro, riguardano tra le altre cose l'ampliamento della superficie espositiva, l'installazione di una grande serra in vetro, con un ristorante e un roof garden, che dovr coprire proprio l'ala in cui si verificato il crollo, e una copertura a botte bioclimatica. L'apertura del palazzo destinata inevitabilmente a slittare, come conferma il presidente dell'azienda comunale Palaexp Raffaele Ranucci, anche perch i lavori sono sospesi almeno fino al dissequestro dell'area.




news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news