LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CALABRIA - Il Piano casa licenziato dalla Regione disastroso
Fernanda Gigliotti
7 agosto 2010 - Il Quotidiano della Calabria -




Il nuovo consiglio regionale calabrese ha dimostrato che, quando vuole, il coraggio se lo fa venire anche nei primi 100 giorni. In poche ore ha licenziato un Piano casa disastroso facendolo passare come uno strumento di rilancio delleconomia edilizia e una risposta alle esigenze abitative dei calabresi.
Una grande falsit, un insulto alle intelligenze delle persone. Come se ledilizia e la ripresa economica fosse possibile solo con una nuova colata di cemento e non anche con la riqualificazione del territorio e la conversione e trasformazione del nostro decrepito parcheggio delle terze e delle quarte case, in una decorosa residenza popolare, in ricettivit diffusa, in B&B, in ostelli per la giovent, in alberghi diffusi.
In realt la legge approvata un condono edilizio senza precedenti cha ha radici lontane e che diretta esclusivamente a sanare gravi abusi gi compiuti, ferite urbanistiche gi inferte sul territorio. La legge consentir, inoltre, una nuova premiale cementificazione selvaggia, perch il tutto si inserir su costruzioni gi abusive e gi oggetto di pregresse sanatorie. Tutto questo in una delle regioni italiane che tra le prime al mondo nel rapporto tra abitanti ed edificazioni e per aver consentito la cementificazione di paesaggi, di luoghi, di storia, sottraendo ai cittadini calabresi un patrimonio che non potr essere mai recuperato.
Da oggi, quindi, tutto potr ancora accadere visto che le nuove costruzioni potranno realizzarsi sulla base di una semplice Dia (unautocertificazione), senza il coinvolgimento e la responsabilit di un professionista, con la sicura e gi sperimentata inerzia della polizia locale e degli Uffici tecnici comunali calabresi, troppo spesso complici consapevoli o impotenti, dello scempio urbanistico che in Calabria grida la vendetta dei mari, dei monti, delle coste, dei terremoti, degli smottamenti, delle alluvioni. Non un solo cenno a prescrizioni di responsabilit ambientale e di opportunit economica. Nemmeno un suggerimento. Eppure si poteva utilizzare questa occasione legislativa per rifare il look alla nostra regione, per iniziare anche qui da noi, al Sud, un vero recupero abitativo e residenziale dei centri storici da vivere e non solo da visitare nel loro desolante abbandono, lungo 11 mesi allanno.
Oppure si poteva iniziare una salutare e necessaria riqualificazione delle nostre marine che di selvaggio hanno ormai solo i pilastri di cemento armato e gli intonaci incompiuti. Perch non prevedere un incentivo per l'abbattimento del nostro mostruoso novecento edilizio, subordinandone la ricostruzione e laumento del volume allimpiego di tecniche di bioedilizia, alluso di isolanti termici e acustici, allinstallazione di nuove tecniche di risparmio energetico e applicazioni di impianti solari e geotermici? Quanta nuova economia si sarebbe riattivata e liberata se, per esempio, avessimo subordinato laumento di volume alla rimozione delle eternit e allapplicazioni di pannelli fotovoltaici, alla rimozione di quei brutti infissi in alluminio anodizzato che ci hanno sommersi negli anni '80, al rispetto di un semplice piano di colore o anche alla realizzazione di verde in terrazze e giardini, o alla salvaguardia degli orti urbani? La legge approvata dolorosamente in linea con la solita furbizia del calabrese che ha dimostrato di essere la causa della nostra povert.
la storia di un popolo che sullonda di un bisogno antico di una casa, nonostante lodierno surplus di terze e quarte case sfitte per 11 mesi allanno, si costruito una casa abusiva che poi ha sanato e che oggi pu ampliare e che, quando croller perch costruita su terreno franoso, sismico o alluvionale, il Bertolaso e la Protezione civile di turno gli ricostruir altrove a spese della collettivit. Ai nostri morti, per, nessuno ridar la vita, nemmeno in deroga. E neanche ai nostri paesaggi. Del resto quanti dei nostri politici amano e conoscono veramente la Calabria? In quanti saranno coloro che, eletti nei consigli della provvidenza politica regionale, hanno investito i loro risparmi di una vita di lavoro e di sacrifici in questa regione? Quanti di loro hanno creato impresa privata in questa terra? Quanti fra loro hanno creato veri posti di lavoro e non stipendi a carico della collettivit? E quanti hanno scelto la Calabria per viverci e per farci vivere i loro figli? E quanti hanno contribuito alla crescita sociale, economica e culturale di questa regione anche attraverso lesercizio di unarte, di una professione, di un lavoro, prima ancora che facendo politica? Saranno domande impertinenti le mie, ma non riesco a spiegarmi altrimenti questa mancanza assoluta di rispetto che la nostra classe politica dimostra di avere nei confronti della Calabria.
Non c dubbio, comunque, che la legge stata licenziata in una serata d'agosto da un consiglio regionale distratto e smemorato, tanto quanto il popolo che lo ha eletto. Evidentemente il ricordo delle tante, troppe, Cerzeto, Soverato e Maierato, sparse sul territorio calabrese si affievolito per lasciare il posto al desiderio di lungomari scintillanti, pieni di locali e di movida. Tanto per piangere i morti c' tempo. Riprenderemo a ottobre, novembre magari nelle nuove stanze, in quel 20 e passa % di cubatura in pi che realizzeremo in deroga agli strumenti urbanistici e ai vincoli paesaggistici. E magari nomineremo commissario per l'emergenza lo stesso Scopelliti, gi commissario della sanit, dellemergenza ambientale e del turismo.



news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news