LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FINALE. Ulivi secolari salvi all'ultimo minuto
09/08/2010 IL SECOLO XIX


A sorpresa l'intervento di Podestà (Punta Est) che compra l'area perché non la si cementifichi


L'uliveto antico alle spalle del borgo di Finalpia, che conta 180 ulivi secolari e si trova in una zona vincolata dal punto di vista paesaggistico, è salvo e continuerà a produrre olio e prodotti orticoli: non lascerà il posto ad alberghi e case.
Attilio Podestà, titolare del prestigioso Hotel Punta Est del Castelletto - noto ben oltre i confini finalesi - ha infatti acquistato l'antico uliveto dalla famiglia De Raymondi che l'aveva messo in vendita. Ed ha garantito, seppure con tutta la discrezione che lo caratterizza, che l'uliveto sarà integralmente preservato. «L'uliveto continuerà a produrre olio di oliva - si è limitato a dichiarare Podestà? e prodotti dell'orto, mantenendo la macchia verde che caratterizza la parte antica di Pia e che non può essere cancellata».
Tramonta pertanto definitivamente il progetto urbanistico tanto contestato e che aveva portato ad una petizione con raccolta di oltre seicento firme da parte dei residenti, ma anche di tanti turisti. E tra di queste anche quella dello stesso Podestà. Un progetto che prevedeva la costruzione di un albergo e di una palazzina con box e servizi sportivi. Gli aderenti alla petizione, in coro, chiedevano di salvare l'uliveto, situato tra l'altro in una zona paesaggisticamente vincolata e che racchiuda alberi secolari e medioevali, muri a secco, e di archiviare definitivamente il progetto edilizio. Per ottenere questo scopo, oltre alla petizione, avevano inscenato nella scorsa primavera anche alcune clamorose manifestazioni con tanto di striscioni sotto gli ulivi.
Era stata l'approvazione del Piano Attuativo del PUC, approvato lo scorso novembre dall'amministrazione Richeri a dare il via alla protesta: in esso, infatti, era prevista appunto la realizzazione all'interno dell'uliveto di un albergo quattro stelle, con un piccolo condominio, trentasei box interrati, un campo da tennis, una piscina e una nuova strada che avrebbe dovuto scendere dalle Manie. In poche parole, duemila e ottocento metri quadrati di nuove costruzioni e cemento al posto di un polmone verde. Era stato questo, quanto previsto secondo la linea del PUC, finalizzata a creare nuove strutture alberghiere di qualità, a preoccupare i residenti a tal punto da farli insorgere, ancor di più quando, tramite un ingegnere locale, la famiglia De Raymondi aveva presentato il progetto in questione e un'immobiliare lombarda si era detta interessata a realizzarlo.
Gli effetti dell'operazione in termini di proposta erano stati dirompenti e avevano scatenato una vera e propria sollevazione popolare, a Finalpia. Venne infatti istituito un Comitato spontaneo per la difesa dell'antico uliveto, costituito da cittadini residenti nel borgo che avevano dato il via, lo scorso febbraio, alla raccolta firme. I primi giorni di maggio, al sindaco Flaminio Richeri, erano state presentate oltre 600 firme, precedute dall'invio di una relazione, corredata anche da foto, alla Sovrintendenza ai beni paesaggistici e ambientali per chiedere l'annullamento della previsione del Piano attuativo del PUC. Il motivo per cui i residenti, e gli ambientalisti soprattutto, non volevano andasse in porto l'operazione urbanistica era dovuto al fatto che l'uliveto è l'unico polmone verde rimasto integro anche dopo la cementificazione del rione avvenuta negli anni '60-'70.
Diverso era il parere dell'amministrazione comunale che, invece, vedeva il progetto come un'opportunità di sviluppo non solo del settore turistico-ricettivo, ma anche occupazionale per la città e soprattutto per il rione di Pia. Ma perplessità riguardo il progetto, in effetti, erano state espresse anche dalla Sovrintendenza, perplessità che avevano fatto sperare in un blocco del progetto da parte degli strenui difensori dell'antico uliveto. E, lo scorso marzo, anche Legambiente Liguria aveva deciso di difendere l'antico uliveto.
Ma una netta bocciatura del progetto era arrivata anche da parte dell'allora presidente dell'Unione provinciale Albergatori Angelo Galtieri che, allo scopo, era stato espressamente invitato dalla minoranza consigliare alla riunione della commissione urbanistica, presieduta dal consigliere di minoranza di "Siamo Finale" Antonio Pastorino. Galtieri aveva definito l'operazione come un errore storico che non può essere più commesso perché avrebbe depresso invece di valorizzare la struttura turistico-ricettiva e quindi l'intera economia turistica della zona.
Se Attilio Podestà, uno degli albergatori storici finalesi, dall'inizio della vicenda fermamente contrario all'ipotesi della cancellazione dell'uliveto, non lo avesse acquistato, la previsione dell'albergo e della palazzina con servizi sportivi e box non sarebbe stata ostacolata dall'amministrazione comunale che la considerava un'opportunità per il rione e per l'intera città. Ora i residenti di Pia potranno stare tranquilli che non si andrà a toccare lo storico uliveto che è la caratteristica del borgo antico di Pia e un vero e proprio punto di riferimento per i suoi abitanti.





news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news