LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Baia Domizia, abbattimenti fermi Ora spuntano nuove ville abusive
Pietro Falco
CORRIERE DEL MEZZOGIORNO 6 ago 2010 Caserta






Viaggio sul litorale delle «favelas delle vacanze» dove erano iniziate le demolizioni. Ma da un anno è tutto fermo

BAIA DOMIZIA — Di una cosa va dato atto: sono laboriosi e infaticabili come una formica, e ostinati come un tarlo. Quando il 30 giugno dello scorso anno, al culmine di una pressante inchiesta condotta dal Corriere del Mezzogiorno, il Comune di Cellole — d’intesa con il settore Urbanistica della Regione Campania — aveva avviato gli abbattimenti nella "favela delle vacanze" sorta in località Pantano di Baia Domizia, ci fu chi tra i rappresentanti delle istituzioni parlò di «inizio di una nuova era» e «di ripristino della legalità». Parole giustificate, visto che si trattava di un segnale oggettivo di inversione di tendenza, rispetto ad un’inerzia ultradecennale delle istituzioni preposte, e ad un’assenza di controlli aveva favorito la nascita di una vera e propria cittadella dell’abusivismo a sole poche centinaia di metri dal centro della più importante località balneare della provincia.
Lavori completati Mancano solo porte e finestre, ma la casa è praticamente conclusa e dotata di tetto

Da allora sono trascorsi 13 mesi, ma sembra passato un secolo. Ad oggi, infatti, le demolizioni completate sono solo 17, a fronte di migliaia di edifici abusivi esistenti. E per di più gli abbattimenti sono fermi da febbraio. L’attività degli abusivi, invece, è ripresa e funziona a pieno ritmo. Basta fare un giro lungo la strada che dell’anonimato un residente di Baia Domizia— per tutta la primavera abbiamo assistito ad un continuo viavai di camion che trasportavano materiale edilizio. L’estate scorsa, con l’avvio degli abbattimenti, il clima sembrava cambiato. Ma poi, a distanza di qualche mese, evidentemente hanno ripreso coraggio».

Sicché oggi, avventurandosi nel labirinto di viottoli che attraversa quella lunga striscia di terra che da Baia Felice arriva alla foce del Garigliano, si potrebbero scoprire chissà quanti edifici appena sorti. D’altro canto i segnali provenienti da Roma, con le voci ricorrenti su nuovi condoni edilizi, ed addirittura i disegni di legge più volte presentati in parlamento negli ultimi mesi, anche per sospendere le demolizioni, di certo non hanno favorito il clima di rigore che pareva essersi ricreato. Ed in Regione è cambiato il dirigente del settore Urbanistica: il nuovo governo di centrodestra, infatti, ha ritenuto di non rinnovare il contratto in scadenza a Bartolomeo Sciannimanica, che era stato il principale promotore dell’iniziativa di ripristino della legalità. dalla Domiziana conduce al centro di Baia, per rendersene conto.

Ad esempio, subito dopo la doppia curva ad "S", a nemmeno due metri dalla carreggiata, troneggia lo scheletro di un manufatto. Sulla lamiera che circonda il cantiere, un cartello che segnala l’autorizzazione per «lavori di manutenzione straordinaria». Come riferisce gente del luogo, infatti, in quel punto c’era un manufatto preesistente. E’ stato eseguito un «abbattimento e ricostruzione»: un intervento espressamente vietato dal vincolo della legge Galasso, che insiste su tutta l’area a ovest della Domiziana e che impone non solo inedificabilità, ma anche l’immodificabilità dello stato dei luoghi.

Poche centinaia di metri più avanti, nascosti almeno in parte da una fitta vegetazione, riconosciamo i due prefabbricati che furono sottoposti a sequestro lo scorso anno, dopo che una delle puntate dell’inchiesta aveva evidenziato — con documentazione fotografica — i lavori in corso. Ieri quegli edifici brulicavano di vita: dal ciglio dell’arteria stradale, distante un centinaio di metri, si individuavano diverse persone presenti nel "giardino" recintato. «Non si tratta di casi sporadici — ci assicura con garanzia



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news