LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

52 appartamenti abusivi nei boschi della Valle d’Itria
05/08/2010 - 08:32




TARANTO — Sequestrato a Martina Franca dalle guardie forestali un progetto edilizio abusivo che prevedeva la costruzione di 52 appartamenti. Quando le forze dell’ordine sono arrivate per mettere i sigilli, le ruspe avevano già fatto scempio di tre ettari di bosco di querce ed altre essenze autoctone. MARTINA FRANCA — Gli agenti del Corpo forestale dello Stato hanno individuato e sequestrato a Martina Franca un progetto edilizio abusivo che prevedeva la costruzione di 52 appartamenti. Quando le forze dell’ordine sono arrivate per mettere i sigilli, le ruspe avevano già fatto scempio di tre ettari di bosco dove alloggiavano antiche querce ed altre essenze autoctone. Anche gli escavatori avevano compiuto il loro lavoro tracciando in profondità le fondamenta per due corpi di fabbrica separati per una volumetria di oltre diciassettemila metri cubi di tufi e cemento. Tutto illegittimo, secondo la Procura della Repubblica di Taranto che ha autorizzato il Corpo forestale e il Nucleo investigativo di polizia ambientale e forestale di Taranto a bloccare il cantiere sorto in una zona boschiva della Valle d’Itria sottoposta a vincoli.

Un grosso investimento del valore di circa cinque milioni di euro che gli uffici competenti del comune di Martina Franca avevano regolarmente autorizzato con il rilascio di un permesso a costruire senza il preventivo nulla osta sul vincolo paesaggistico. «Atti previsti per legge, propedeutici al rilascio di qualsivoglia autorizzazione», sostiene la magistratura che ha iscritto sul registro degli indagati tre persone: il proprietario del progetto, il direttore dei lavori e il dirigente tecnico del Comune che ha firmato il nulla osta. I reati che gli si contestano a vario titolo sono quelli di concorso in abuso d’ufficio per aver provocato un ingiusto vantaggio patrimoniale e soppressione e distruzione di area boschiva. Dal punto di vista paesaggistico, la superficie in questione, oltre ad essere area boscata, è sottoposta a restrizioni di segnalazione architettonico-archeologiche come zona trulli così anche codificata nel Piano urbanistico territoriale tematico paesaggio (Putt/p) della Regione Puglia. L’area boschiva interessata fa parte di un complesso vegetativo che si estende per oltre 30.000 metri quadrati ricco di essenze arboree miste tra le tipiche del luogo. Inoltre confina con il Sito di importanza comunitaria (Sic) denominat o « Murgi a Sud-Est».

L’intervento tempestivo della forestale ha impedito che lo scempio fosse portato a termine. Gli investigatori del Comando stazione forestale di Martina Franca, diretti dal sovrintendente Sante Lucarella, autori di lunghe e complesse indagini, hanno appurato che il lotto in questione situato in località Montetullio-Gemma, ricadeva all’interno di un Piano di zona per l’edilizia economica e popolare decaduto per decorrenza dei termini di validità. Dopo oltre venti anni di non utilizzo per tale scopo, i proprietari dei suoli ne avevano rivendicato il possesso progettando i due palazzoni illegittimamente autorizzati, secondo la magistratura, dal responsabile dell’Ufficio tecnico comunale. Una «svista», se così si può definire, dovuta ad una situazione urbanistica molto particolare del comune della Valle d’Itria dove nonostante le diffide della Regione Puglia e l’intervento di un commissario ad acta (che a sua volta ha demandato tutto alla Regione), non si è ancora riusciti, dopo dieci anni dall’approvazione del Piano urbanistico territoriale tematico, ad adeguare lo strumento urbanistico a quanto prescritto da quelle stesse norme.

Nazareno Dinoi sul Corriere del Mezzogiorno

http://www.lavocedimanduria.it/news/provinciali/52-appartamenti-abusivi-nei-boschi-della-valle-ditria-20100805.html


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news