LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Castel Sant'Angelo prigioniero del degrado
Gian Pietro Milanetti
il Giornale 13-SET-2004





Lontani i tempi d'oro del Giubileo. Strutture fatiscenti, topi e sporcizia assediano la fortezza

Una discarica infestata dai topi, ai piedi del passetto papale. Antiche mura, ridotte a vespasiani. Latrine, bivacchi, accampamenti e depositi bagagli di barboni, senza tetto, disadattati, nel fossato e sui bastioni. Materassi e coperte infilati nelle antiche feritoie. Sistemi di irrigazione difettosi. Passerelle pericolanti e malamente transennate.
Castel Sant'Angelo assediato dal degrado. L'immortale storia d'amore della Tasca di Puccini si svolgerebbe ora dentro una sorta di campo nomadi. Eppure, in occasione del Giubileo, il Comune ha incassato ben quattro miliardi e mezzo di lire per i restauri e il ripristino del fossato e dei giardini di questa che la fortezza papale pi celebre e ricca di storia. Pioggia di milioni {tremila!) anche per la Soprintendenza archeologica.

In meno degrado appare il fossato, per il cui recupero infrastnitturale il Decimo dipartimento del Comune ha incassato 1 miliardo 427 milioni 910mila lire di fondi giubilari.
I turisti che si affacciano dal bastione di San Matteo vedono un albero rinsecchito, abbattuto, resti di rami e immondizie bruciate, una latrina dietro un cespuglio di alloro. Imboccando viale Giuseppe Ceccarelli Ceccarius, ecco subito sulla destra un pilastro di mattoni sbrecciato, malamente delimitato da un nastro di plastica afflosciato. Sotto il pilastro, i bagni pubblici. La richiesta di servizi igienici risulta superiore all'offerta, a giudicare dal cartello bilingue, con la scritta: Cortesemente non fate i vostri bisogni sulla porta.

E un crescendo di degrado. In un fossato ai piedi del muro, tra O bastione San Matteo e quello di San Marco, c' un deposito di cassette, coperte da vecchie incerate, bottiglie, perfino un sombrero. A pochi metri, sotto gli archi
del passetto, quello che sembra un chiusino pieno di acqua lurida si rivela essere il portalampade di un lampione a raso. Accanto, due enormi palanche, vicino a uno dei tanti cestini dell'Ama poggiato a terra, ai piedi del suo sostegno. Altre tavole marce sono quelle della passerella davanti all'ingresso posteriore del castello, proprio dirimpetto alla statua dell'imperatore Adriano. Evidentemente i fondi incassati dalla Soprintendenza ai Beni archeologici di Roma in occasione del Giubileo (1 miliardo 329 milioni 936mila lire, per il restauro del Mausoleo di Adriano) non sono bastati per sostituirle. Qualcuno, per, passa ancora su quelle tavole ogni giorno. Giacigli di cartone e cenci sono in piena vista sotto l'arco di questa postierla.

Pi discreti, altri barboni si sono installati nelle fosse recintate ai piedi del bastione San Marco. Utilizzano le feritoie circolari di marmo per depositarci coperte e trapunte. Altri materassi sono infilati in una fessura del muro, proprio davanti al portale d'ingresso, opera di Giovanni Sallustio Peruzzi nel 1556.

Saliamo sui bastioni e sprofondiamo nel degrado. Il portale involontario a un vero e proprio abisso di sozzura il passetto papale. Proprio dirimpetto alla stazione dei carabinieri San Pietro, in una cavit dei bastioni, i resti di un misero appartamento, dal tetto crollato.

Si stenta a credere che il dipartimento X. del Comune abbia incassato ben 2 miliardi 898 milioni 531mila lire, per Lavori di recupero infrastrutturale e vegetazionale dei giardini dei bastioni, in occasione del Giubileo. Il bastione San Marco, in particolare, un lercio bivacco: cancellate diverte, fontane a secco, fossati di ronda riempiti di tappeti, trapunte, enormi sacchi di plastica pieni di chiss cosa.


Tomba collettiva di imperatori, roccaforte delle mura aureliane, galera ostrogota, fortezza e lussuoso rifugio papale, carcere di personaggi celebri della storia (da Beatrice Cenci a Benvenuto Cellii), scenario virtuale di una delle opere liriche pi famose al mondo e, infine, museo. Nemmeno un genio come Adriano avrebbe mai immaginato quante volte il suo mausoleo sarebbe stato riciclato. A realizzarlo pare sia stato lo stesso Adriano, non a caso, il nome di questo imperatore legato al vallo di Adriano e a Villa Adriana.

C' da dire, per, che, anche se questo monumento ha ben resistito a duemila anni di assalti dei nemici e di ristrutturazioni dei proprietari, restando ancora leggibile, l'aspetto dell1 Hadrianeum era diverso da quello del Castel Sant'Angelo di oggi. Il tetto, rotondo, per esempio, doveva somigliare a quello del Mausoleo di Augusto, dall'altra parte del Tevere: un tumulo di terra di tipo etrusco, con molti alberi. Pare incredibile che questa tomba cos grandiosa si potesse trasformare in una fortezza imprendibile. Ma cos fu. Questa idea venne all'imperatore Aureliano. La tomba, via via fortificata, si rivel imprendibile: le orde dei Goti dovettero togliere l'assedio. Ma fu ancora un re goto, Teodorico, a fare, per primo, della fortezza una prigione. Tradizione, poi, continuata dai papi.



news

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news