LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - La corsa all´oro nero - È rivolta contro i pozzi a mare "Dobbiamo fermare le trivelle"
ANTONELLA ROMANO
MERCOLEDÌ, 04 AGOSTO 2010 la Repubblica - Palermo





Dall´Ars ai sindaci, no bipartisan a nuove ricerche

La corsa all´oro nero

Di Mauro convoca i primi cittadini dei paesi costieri "Non permetteremo questo scempio"

la Sicilia va alla guerra del petrolio e invia a Roma un severo stop alle trivellazioni nel mare dell´Isola. L´indignazione è generale. Contro la corsa all´oro nero, e per chiedere la tutela delle coste, è scattata la rivolta del mondo politico siciliano e degli ambientalisti. E pronti alla mobilitazione, anche nel mese di agosto, sono i sindaci dei paesi costieri, da Trapani e Capo Passero.
La Regione, già promotrice di una delibera contro l´assalto da parte delle compagnie, chiederà al consiglio dei ministri di impedire nuove ricerche petrolifere nel mare siciliano. Il diktat parte dall´Ars, che ieri ha approvato all´unanimità, e col parere favorevole del governo, rappresentato dall´assessore al Territorio e ambiente, Roberto Di Mauro (Mpa), una mozione per impedire nuovi sondaggi nel mare della Sicilia. E già un altolà dal governo è arrivato ieri, con la moratoria alle trivellazioni proposta dal ministro Stefania Prestigiacomo, per dare tempo all´Europa di definire con i 21 Stati costieri una strategia di tutela dell´ambiente. Una moratoria che ha trovato il sostegno del leader nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli.
In piedi c´è la controffensiva dell´Ars. Primo firmatario della mozione, approvata con voti bipartisan, con la quale si chiede di fermare lo «scempio» attraverso la revoca delle autorizzazioni concesse e lo stop alle altre 20 istanze arrivate al ministero dello Sviluppo economico, è un esponente del Pdl, Vincenzo Marinello, di Sciacca: «Deturpare la costa meridionale della Sicilia con operazioni rischiose per l´ambiente quali sono quelle della perforazione petrolifera, consentendo a una società (la San Leon, ndr) che non fornirebbe le necessarie garanzie economiche di sfruttare un tratto di costa incomparabile qual è quello che va da Sciacca a Castelvetrano, è assolutamente inaccettabile». Marinello ha chiesto un´azione politica forte. «Questa terra vive di pesca e di turismo. Il danno al mare sarebbe gravissimo. Vorremmo sapere inoltre come il governo nazionale ha avviato le procedure di autorizzazione. Non ci sono atti formali».
Con la mozione si chiede al presidente Raffaele Lombardo di intervenire sul governo nazionale, chiedendo una convocazione del consiglio dei ministri. Passato anche l´emendamento del Pd Roberto De Benedictis in cui si chiede al governo nazionale di riferire in aula all´Ars entro il 30 settembre sull´esito delle richieste di autorizzazione di ricerche petrolifere in Sicilia. «Se venissero avallate dal ministro dell´Ambiente - osserva De Benedictis - la nostra costa Jonica si trasformerebbe in una bomba ecologica». Con un ordine del giorno della capogruppo del Pdl-Sicilia, Giulia Adamo, l´Ars si oppone all´installazione di una piattaforma petrolifera al largo di Favignana. «Se si scava e si trova il petrolio, non sarebbe solo un danno per la salute e il turismo ma la fine di un´intera civiltà», ha ammonito la Adamo, che plaude alla contromisura già presa dalla Prestigiacomo.
E se per Bruno Marziano «l´Ars ha scelto la via dello sviluppo sostenibile», Davide Faraone, anche lui del Pd, insiste perché «la Sicilia si batta contro il governo Berlusconi per mantenere la sua vocazione turistica». Più di tutti a sbracciarsi è l´assessore all´Ambiente. Di Mauro, di fatto, già per domani, alle 12, ha convocato nella sede di via La Malfa tutti i sindaci dei comuni costieri, per fare fronte comune, e lanciare un allarme che sensibilizzi, in maniera bipartisan, tutta l´Isola, anche con la collaborazione dell´Anci, e che scateni una sollevazione popolare, insomma, per difendere la Sicilia. «Non permetteremo che si decida la distruzione della Sicilia ad agosto, mentre tutti sono in vacanza. Sappiano tutti che la Sicilia non vuole», si batte l´assessore. Anche Di Mauro smentisce l´esistenza di autorizzazioni già approvate: «Dopo il rilascio della valutazione di impatto ambientale nazionale, la Sicilia ha 15 giorni di tempo per rilasciare la sua valutazione. E le richieste a noi non sono mai arrivate».
«Bisogna fermare le trivellazioni a mare e nel parco degli Iblei», è l´appello del "comitato per la bellezza" formato da Vittorio Emiliani, Luigi Manconi, Vezio De Lucia, Desideria Pasolini dall´Onda, Paolo Berdini. «Ci uniamo alle proteste già in atto nell´isola e rivolgiamo un forte appello ai siciliani, alle istituzioni politiche e a quelle culturali, perché venga bloccata la corsa frenetica alla ricerca di idrocarburi in zone di particolare valore e importanza dal punto di vista paesaggistico e storico-artistico». Il comitato ricorda anche che nel ragusano le trivelle si stanno già febbrilmente moltiplicando nonostante il 18 gennaio si sia verificata una rottura nell´oleodotto Ragusa-Priolo, nel territorio di Noto.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news