LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"CHE CI FA QUEL 'VESPASIANO' VICINO CRIPTA BIZANTINA?"
LECCE PRIMA [01/08/2010]



Cursi: la denuncia delle associazione ambientaliste e dei cittadini. Secondo quanto si legge in una nota i lavori di restauro approssimativi e nei pressi della Cripta è spuntato caseggiato in cemento

Il vano in cemento detto Il nuovo ingresso per l'accesso alla cripta Affreschi bizantini nella Cripta di Santo Stefano a Cursi
caricamento in corso

Il vano in cemento detto "il vespasiano" per l'accesso alla cripta
CURSI – “I lavori di restauro della Cripta bizantina di Santo Stefano e San Giorgio, hanno portato al forte danneggiamento della stessa antica struttura ipogea”. Stando a quanto si legge in una nota dell’associazione “Generazione e Comitati cittadini per la difesa del territorio” di Cursi , solidarietà per quanto sta accadendo giunge anche dal Forum ambiente e salute, la denuncia sarebbe arrivata alla Procura della Repubblica, ed in particolare al magistrato Emilio Arnesano, del pool specializzato nell'analisi dei reati di abusivismo edilizio.

Il fatto. Il Comune di Cursi, come viene riportato nel comunicato, ha recentemente percepito dalla Regione un finanziamento di 400mila, denaro destinato al restauro della Cripta bizantina.

Ma durante i lavori sull’antica struttura, i cittadini di Cursi hanno assistito anche alla nascita nell'unica via d'accesso, vico Bianco, nel largo che insiste al di sopra della cripta, di un caseggiato (nella foto), che in paese in molti hanno già soprannominato "il vespasiano", ma in realtà altro non è che il vano in cemento per l'ingresso alla cripta. Da qui un primo esposto in Procura, contro il Comune di Cursi, presentato da un abitante della zona, che si è visto tra l’altro occludere totalmente la visuale su strada da questo strano vano d'accesso. E così, si parla di “danno”, e della faccenda se ne sarebbe già interessata la Soprintendenza ai Beni archeologici di Taranto, che pare avesse confermato il problema relativo ad un restauro pare approssimativo.

Ma ritornando al “vespasiano”, la scorsa settimana - sempre come riporta la nota dell’associazione ambientalista – con l’esposto in Procura i cittadini avrebbero denunciato alcuni, per ora solo ipotetici, reati relativi alla realizzazione del vano in cemento su una strada pubblica, ma anche la mancata sorveglianza dei lavori durante la loro esecuzione da parte della Soprintendenza, come invece sarebbe stato riportato negli elaborati progettuali. Ora quel che chiedono le associazioni per la tutela dell’ambiente e dei luoghi, è che sia quanto prima ripristinato lo stato dei luoghi.

http://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=21993


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news