LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La buona devolution salva lo Stato e il Governo
Marcello Pera
Il Sole 24 ore 11/9/2004

La "grande devoluzione" federalista (la cosiddetta riforma del Titolo V della Costituzione) fu approvata dal Parlamento a stretta maggioranza negli ultimi giorni della scorsa legislatura, nel silenzio pressoch totale di tutti, e fu poi sancita da un voto referendario anch'esso senza enfasi, al quale partecip una minoranza di elettori. La "piccola devoluzione" federalista (o devolution, coin il ministro Bossi la battezz) sta invece assumendo proporzioni polemiche gigantesche. Non c' da lamentarsene: le discussioni sono utili, perch consentono di fare un primo bilancio della riforma di tre anni fa o, come nel caso della richiesta di una maggiore riflessione avanzata dal presidente di Confindustria, perch servono a correggere errori o colmare lacune.
L'esperienza, la giurisprudenza, la dottrina e il dibattito politico hanno mostrato alcuni seri limiti e difetti della grande devoluzione.
Ricordo quelli su cui pi si discusso, perch su questi che si misura la sfida del federalismo, soprattutto adesso che la riforma stata inserita in quella pi ambiziosa della seconda parte della Costituzione.
Primo. La grande devoluzione modific la forma di Stato ma lasci inalterata la forma di Governo. Ci ha squilibrato i poteri. A fronte di presidenti regionali eletti direttamente, il Governo centrale rimasto di tipo parlamentare classico, soggetto agli stessi rischi di crisi e perci di indebolimento dovuti a semplici movimenti di partiti, correnti e gruppi in Parlamento. Esattamente come negli scorsi cinquanta anni.
Secondo. La grande devoluzione, con l'obiettivo enfatico di rafforzare il federalismo, introdusse una norma architettonica che dice: La Repubblica costituita dai Comuni, dalle
Province, dalle Citt metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato. Questa norma, che forse non ha effetti diretti, fornisce comunque l'immagine non di uno Stato che si articola, ma di uno Stato che si delocalizza, si sposta accanto, si trasferisce altrove.
Terzo. Con la grande devoluzione scomparsa dalla nostra Costituzione la tutela dell'interesse nazionale. certo che questo, che il pi sovrano degli interessi, si ricava dal complesso dell'ordinamento, ma la sua eliminazione letterale non rende pi chiaro chi ne sia il custode, mentre l'equiparazione dello Stato alle istituzioni regionali e locali non rende di immediata percezione se, e perch, quella tutela superi le altre.
Quarto. La grande devoluzione era molto generosa con i poteri legislativi delle Regioni. Non solo su tutte le materie non comprese nell'elenco di esclusiva pertinenza dello Stato, ma anche su quelle cosiddette "concorrenti", su cui cio lo Stato deve definire i princpi fondamentali e le Regioni la parte sostanziale. Come facile capire, entrambe e soprattutto le seconde sono pressoch indefinite, generiche e trasversali. Ci ha provocato comprensibili gelosie istituzionali, inevitabili sovrapposizioni di competenze, e una mole impressionante di ricorsi alla Corte costituzionale (pi di 200 in poco pi di due anni). Con la conseguenza che la Corte, suo malgrado, diventata il vero organo del federalismo.
Quinto. La generosit della grande devoluzione si spingeva fino al punto di consentire a quelle Regioni che lo avessero voluto e ne fossero finanziariamente attrezzate di ottenere la competenza su materie anche di esclusiva pertinenza dello Stato, tra cui le norme generali dell'istruzione (e non l'organizzazione scolastica di cui ora parla la piccola devoluzione) e la tutela dell'ambiente, dell'ecosistema e dei beni culturali. Con conseguenze assai rilevanti sulla unitariet del nostro sistema educativo e sulla
difesa del nostro patrimonio ambientale e artstico.
Sesto. Generosa con le Regioni, la grande devoluzione era invece avara con il Senato, di cui non era prevista la trasformazione in senso federale. S che venuta a mancare quella istituzione di rappresentanza delle autonomie e di raccordo fra esse e lo Stato, indispensabile per prevenire conflitti e senza la quale la composizione delle varie esigenze resta affidata ad organismi extraparlamentari, come se si trattasse di un negoziato fra controparti ad un tavolo di trattative sindacali.
Le conseguenze del federalismo della grande devoluzione si fanno sentire. E' in gioco non solo la finanza pubblica (su cui non si hanno dati precisi), ma la certezza del diritto. Una legge, dello Stato o delle Regioni, quando veramente
tale per i cittadini? Su una data materia, lo Stato a decidere o sono le Regioni? Dove si ferma l'uno e cominciano le altre? E il programma di un Governo su grandi questioni di rilievo politico salvaguardato oppure pu essere bloccato dalle Regioni? Onde una domanda che riguarda soprattutto il sistema delle imprese: si pu programmare, investire, attrarre risorse, in uno Stato in cui il quadro istituzionale confuso, il processo delle leggi complesso e lento, e la validit delle norme sovente sospesa per lungo tempo?
Anche se la riflessione utile, il federalismo non si pu arrestare. Del resto, nessuno propone l'abrogazione del Titolo V. Si pu correggere e completare, per. Ed un segno confortante che su questo o quel difetto ci sia ormai una consapevolezza diffusa del bisogno di emendarli. La questione oggi : la riforma in corso di esame adeguata a questa indispensabile correzione?
Limitandomi al solo federalismo, la mia risposta che non lo completamente. Alcune visibili incongruit sono state corrette. La forma di Stato ora integrata con la forma di Governo del premier. Il Senato federale stato previsto. La tutela dell'interesse nazionale stata reintrodotta, sia pure in modo ancora non preciso. Le eventuali competenze alle Regioni su materie esclusivamente statali sono state abrogate. Ma, federalismo fiscale a parte ancora rinviato, restano alcuni nodi da sciogliere.
Il primo riguarda il lungo elenco sulle "materie concorrenti", che sono tra le pi litigiose, ma anche, in molti casi vedi infrastnitture, energia, comunicazione quelle pi sensibili politicamente ed economicamente, perch su di esse si gioca la credibilit dei Governi e la competitivita del Paese.
Il secondo il processo legislativo. Se, soprattutto sulle materie concorrenti, l'ultima parola rimanesse al Senato, dove non c' una precostituita maggioranza politica perch non previsto il voto di fiducia, il Governo non avrebbe strumenti cogenti per realizzare il proprio programma. E anche se la parola finale fosse paritaria, affidata sempre all'accordo Camera-Senato, il Governo si troverebbe in difficolt ad acquisire il consenso per i suoi disegni di legge. E le Regioni, soprattutto perch non rappresentate in Senato, sarebbero comunque libere di ricorrere ogni volta alla Corte. Una contraddizione nel sistema, perch quella governabilit che si acquista col premierato si perde con i contropoteri del Senato e con le "mani libere" delle Regioni.
Questo il terzo nodo. Il nuovo Senato federale, da un lato, rischia di diventare un'istituzione di blocco, e dall'altro, di non essere federale a sufficienza, perch i senatori, eletti contestualmente ai deputati, restano comunque in carica per cinque anni e perch i presidenti delle giunte regionali non sono n presenti n rappresentati.
C' tempo per riflettere, e, se alla riforma non si sovrappongono obiettivi o disegni di altro tipo, questi e altri problemi possono essere facilmente risolti, con quell'ampio consenso che opportuno raggiungere per evitare che il successivo referendum vada ancora.deserto o diventi una guerra campale. Soprattutto i leader delle due coalizioni, i quali continuano a sperimentare sulla propria pelle le difficolt della coesione delle alleanze, dovrebbero essere i primi interessati a che, divenuti premier, abbiano anche gli strumenti istituzionali per governare per l'intera legislatura. Esattamente come, da dieci anni, richiedono la "costituzione materiale" e le aspettative dei cittadini.

* Marcello Pera Presidente del Senato



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news