LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GENOVA - Via Shelley con i soldi della cultura
il SECOLO XIX 22/07/2010


il capogruppo de benedictis ne ha parlato durante un vertice con il pd
La proposta dell'Idv per la nuova strada e l'ok alla variantona. Ranieri: Ipotesi da dementi
daniele grillo
COSTRUIRE il prolungamento di via Shelley con i soldi di teatri e manifestazioni pubbliche. La nuova proposta-provocazione dell'Italia dei Valori al Pd passa attraverso la questione della costruzione dell'ormai celebre strada sul rio Penego e delle annesse palazzine. La necessit del Comune, vincolata anche da una sentenza, di provvedere alla costruzione della strada val bene un sacrificio del ricco budget della cultura - sbatte sul tavolo l'argomento Franco De Benedictis, capogruppo Idv in Comune - proponiamo di togliere dai fondi dell'assessorato in questione i tre milioni di euro che potranno dare avvio alla costruzione della nuova viabilit.
L'idea maturata nel corso del vertice di ieri tra esponenti di Pd, Idv e tecnici dell'urbanistica comunale. Assieme a De Benedictis anche la "paladina" della lotta alle cementificazioni, la vicepresidente regionale Marilyn Fusco, e Francesco De Simone, coordinatore provinciale del partito di Di Pietro. Nonostante la non opposizione dei due consiglieri Pd presenti all'incontro (Giorgio Jester e Luisa Cozzio), la risposta di Andrea Ranieri, assessore alla Cultura, non si fatta attendere: Non si preoccupino, che ci pensa gi il governo a tagliare fondi alla cultura. Senza voler entrare nel merito della questione della strada e senza voler fare polemica credo che proporre tagli, in questo momento, a un settore che traina anche il turismo e l'economia cittadina sia da dementi.
Prezzo dei seicento metri quadrati di asfalto che dovr coprire un consistente tratto del rio Penego: 7 milioni e mezzo di euro ma in cassa c' ben poco o nulla. E allora cosa propone Idv? Prendiamo subito un milione e mezzo di euro dal budget annuale dei lavori pubblici - spiega il capogruppo dei dipietristi a Tursi De Benedictis - e mettiamolo sul primo lotto di lavori della strada. Poi prendiamo tre milioni di euro dal portafogli della cultura. Arriviamo a quattro milioni e mezzo, quello che basta per iniziare a realizzare la prima met di strada.
Idv propone poi di varare un secondo lotto di lavori attingendo questa volta da ci che c' gi incassa per quest'opera e dagli oneri dei costruttori che nel frattempo, ma solo dopo che il primo lotto di strada sar stato completato, avranno iniziato a realizzare gli edifici residenziali. Il voto di Italia dei Valori alla "variantona" sar vincolato a queste premesse, condizioni un po' diverse dal sostanziale via libera dichiarato nei giorni scorsi.
Non si scompone troppo Mario Margini, assessore ai Lavori Pubblici, secondo il quale ogni proposta in quanto tale va valutata, ci ragioneremo, mentre il capogruppo del Partito Democratico Marcello Danovaro invita a rimandare la discussione sulla sostenibilit finanziaria dell'opera al dopo voto della delibera che recepir le osservazioni alla maxi-variante urbanistica che verr discussa oggi in giunta su proposta del sindaco Marta Vincenzi.
Si deciso di dare la priorit alla realizzazione della strada e a mettersi in condizioni di arrivare davvero a costruirla - spiega Danovaro - le modalit con le quali si realizzer l'intento faranno parte di una fase e di una valutazione successiva. Parlare di capitolo di spesa di questo o di quello, in questo momento in cui dobbiamo capire come la manovra influir sui conti, prematuro. Sar compito di sindaco e giunta trovare la quadra dopo aver identificato il percorso.
La storia del Rio Penego,della sua tombinatura e del progetto edilizio per costruire nuove case dura da trent'anni. Dopo un primo ridimensionamento del progetto nei giorni scorsi ne nato un altro. Da sei palazzine si passati a cinque (per un totale di 82 appartamenti), al posto di quella tolta dal plastico un parcheggio privato a raso. Nessuna variazione per i seicento metri di strada nuova. Ma strada e costruzioni sembrano piuttosto essere l'ennesimo pretesto per un confronto interno alla maggioranza. Da una parte la ricerca di visibilit in coalizione di Italia dei Valori, dall'altra lo scontro tra Pd e gli stessi dipietristi sull'entit del budget affidato agli assessorati dominati da esponenti dell'uno o dell'altro partito.
In particolare lo scontro si consuma ancora una volta nel divario tra le risorse di sport e cultura, con Idv che vorrebbe sminuire l'importanza delle iniziative sostenute a livello culturale e il Pd che ne sottolinea il valore. La Germania e la Grecia hanno tagliato di tutto ma non sulla cultura - precisa Ranieri - il ministro tedesco Bernd Neumann, in particolare, ha detto che in tempo di crisi una delle cose che non si debbano tagliare proprio la cultura. Detto questo, invito tutti ad andarsi a vedere il bilancio faraonico dell'assessorato alla cultura: la maggior parte sono stipendi dei dipendenti e spese per il funzionamento della struttura.


22/07/2010



news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

22-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news