LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - Expo, la Regione non si fida e chiama gli avvocati
di Marta Bravi
IL GIORNALE 21 LUGLIO 2010




Dopo mesi di discussioni manca ancora lintesa tra i soci per lacquisizione delle aree su cui sorger levento. Il sindaco: "Verso il comodato". Formigoni: "Nessun accordo". Per il Pirellone la proposta favorirebbe i privati

Si conclusa con un nulla di fatto la riunione informale dei soci, convocata dal sindaco e commissario straordinario di Expo Letizia Moratti, prima del cda di Expo 2015 spa. Sfuma per lennesima volta il traguardo dellacquisizione delle aree dove dovr sorgere levento del 2015 e che secondo il Bureau International des expositions, dovrebbe essere chiusa per met ottobre. Le parole del sindaco,in tandem con il presidente della Provincia Podest, secondo cui la strada da portare avanti quella del comodato duso per arrivare a un protocollo dintesa tra Regione, Provinica, Comune e societ Expo vengono smentite qualche ora pi tardi dal governatore Formigoni, che affida il suo malumore a un comunicato che non lascia spazio ai dubbi: non c alcun accordo. "Il presidente Formigoni ha illustrato le forti perplessit di Regione Lombardia nei confronti di una proposta che non d ancora sufficienti garanzie di trasparenza e di tutela dellinteresse pubblico. Il presidente ha pertanto chiesto e ottenuto che la proposta sia sottoposta alla valutazione di un collegio di legali che si riuniranno a partire da domani (oggi per chi legge). Per questi stessi motivi Regione Lombardia non disponibile a dar vita ad un accordo di programma, n a sottoscrivere protocolli con i proprietari delle aree sulla base dellipotesi di oggi (ieri). Il presidente Formigoni ha peraltro ribadito che il Commissario ha la possibilit di realizzare autonomamente le varianti urbanistiche necessarie per rendere possibile la soluzione del comodato duso".
Durante la riunione sembra che il governatore abbia rilanciato la proposta dellacquisto dei terreni, "pi trasparente e pi rispettosa dellinteresse pubblico" come ripete da giorni, garantendo di poter chiudere laccordo con le propriet a 90 milioni di euro. La prima trattativa, infatti, si era arenata su posizioni contrapposte con Fondazione Fiera e gruppo Cabassi che chiedevano 140 milioni di euro, per terreni agricoli che attualmente ne valgono 13, e i soci disposti a mettere sul piatto 70 milioni. Davanti al muro di Comune e Provincia, da sempre contrari allacquisto, il governatore si alzato dal tavolo, lasciando i soci con un palmo di naso.
La nuova proposta avanzata dai privati due giorni fa non si discosta molto dalla precedente, su cui il governatore si era gi detto contrario: delle aree cedute in prestito alla societ il 56% dovrebbe rimanere al pubblico, mentre il restante 44,2%, pari a 340mila mq, dovrebbe tornare ai privati, con la possibilit di edificare con un indice territoriale di 0,52 mq/mq, pari a un indice reale di 1,17. In cambio i privati verserebbero circa 200 milioni di euro, di cui 90 milioni in oneri di urbanizzazione, 50 di contributi per le opere interne al sito, 45 milioni per la realizzazione di housing sociale, la cessione della Cascina Triulza del valore di 8 milioni di euro. Diversi i punti contestati dalla Regione, secondo cui la proposta non sarebbe accoglibile perch considerata troppo vantaggiosa per le propriet: le aree concesse ai privati dopo levento, infatti, sarebbero eccedenti rispetto a quanto scritto nel dossier di registrazione, cos come le volumetrie - che fanno pensare a palazzi di 18 piani - ridondanti rispetto alle caratteristiche urbanistiche delle aree. Anche il contributo destinato dai privati per la realizzazione delle opere sarebbe molto inferiore al loro valore: si parla di 50 milioni corrisposti contro i 120 milioni di valore. Troppi i margini di guadagno - secondo il Pirellone - derivanti dalloperazione immobiliare rispetto al valore economico degli indennizzi versati al pubblico perch fondati sulle quotazioni delle aree calcolate sulattuale destinazione, pari a 141 milioni di euro. A questo si dovrebbe aggiungere la possibilit per le propriet di vendere gli alloggi di housing sociale al termine dellevento.

Per tutelarsi dalle accuse di favorire i privati il commissario straordinario ha garantito che "la proposta sar validata da una banca internazionale in modo da avere la certezza della sua congruit. Chieder al Tesoro di fornirmi una rosa di nominativi per scegliere i soggetti che non abbiano interessi con gli enti locali e con i privati coinvolti nellorganizzazione dellExpo".



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news