LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mantova, gli anni che hanno sconvolto l'editoria
Paolo Di Stefano
Corriere della Sera, 8/9/2004

Il Festivaletteratura di Mantova, che inaugura oggi la sua ottava edizione, sollecita alcune domande. Per esempio questa: che cosa successo al libro negli ultimi dieci anni? Di tutto. Basti pensare che il glorioso istituto della recensione va scemando, inutile negarlo. In compenso, c' appunto Mantova che dieci anni fa non c'era (il festival - perch la citt sul Mincio era gi l da alcuni secoli). E che sollecita altre domande.
Per esempio questa: c' un rapporto tra il declino della recensione e la fortuna di Mantova? Probabilmente s: Mantova partecipazione diretta, l'incontro con il libro senza mediazione, anzi con l'autore, poter dire io c'ero, vedevo e ascoltavo.
La critica, piaccia o no, l'opposto: il filtro che si interpone tra te e il libro, nel migliore dei casi un dito puntato che ti dice questo s, quest'altro no.
Mantova democratica e orizzontale, Mantova sensuale, sollecita i sensi, la vista e l'udito, comoda e spesso divertente. La critica gerarchica, autoritaria, astratta, arriva dall'alto, distante, spesso incomprensibile e noiosa (cos, almeno, viene percepita, a torto o a ragione). Dunque, intanto si pu dire che in questo decennio cresciuta l'insofferenza per la critica paludata da una parte e probabilmente anche per l'intervento televisivo mordi e fuggi dall'altra: in parallelo, e forse come conseguenza, si sviluppata la voglia di sperimentare direttamente la cultura, di condividerla. Non detto che tutto ci lavori a vantaggio del libro, perch non si hanno ancora elementi per sostenere che da Mantova la domenica escano pi lettori di quanti ne siano arrivati il mercoled. La lettura un esercizio che richiede solitudine. Pu darsi che anche in questo ci aspetti una nuova epoca: l'epoca della lettura condivisa. Non si sa mai. Quel che si pu dire con certezza che c' un pubblico molto interessato alla cultura, ma sarebbe ottimistico affermare che si tratti di un pubblico di lettori tradizionalmente intesi. Che si tratti di una nuova tipologia di lettore?
Torniamo alla domanda: che cos' successo al libro negli ultimi dieci anni? Di tutto. Basti pensare che oggi ci sono intere collane di libri allegate ai giornali. Forse l'edicola dispone meglio all'acquisto, pi familiare e meno supponente, forse il santuario-libreria (come il santuario-critica) ha stancato. Del resto, corriamo pi volentieri verso i megastore e i megatutto che non verso i piccoli negozi di quartiere: meglio un ipermercato che una drogheria pi un'enoteca pi un fruttivendolo pi un'erboristeria pi un ferramenta pi una merceria. Mantova pi ferramenta o pi megastore, o un po' tutti e due? Bella domanda. Fatto sta che il libro cambiato, in dieci anni. Sono cambiate le sedi in cui se ne discute, stanno cambiando i centri di diffusione e di smercio. Cambia l'idea stessa del libro: c' un modo di pensare il libro pi libero da vincoli istituzionali (l'Editore-di-cultura o politico, la Libreria, la Critica, la Stanzetta solitaria). Basti pensare che oggi c' una collana come Stile libero Einaudi, il cui nome gi in s un programma, che dieci anni fa non c'era. Dieci anni fa c'era solo Einaudi, con le sue collane come piccoli negozietti per clienti affezionati e riconoscibili: i Coralli con i narratori, il Nuovo Politecnico con la saggistica d'impegno, la Pbe con i testi di studio, eccetera. Piccoli numeri per palati selezionati, piccoli numeri che a volte diventavano grandi nel tempo. Oggi c' aria Stile libero. E' curioso che la casa editrice pi orientata e meno postmoderna del dopoguerra abbia cresciuto nel proprio seno il suo opposto (qualcuno potrebbe dire il suo vaccino): Stile libero appunto la collana megastore, multimediale e postmoderna. Apparentemente l'esatto contrario di Mantova, dove peraltro quest'anno Stile libero inaugura (alla vigilia del decennale) una festa-incontro con autori e amici. E' il contrario di Mantova, grandi numeri subito per gusti diversi, tendenzialmente giovanili, qualche volta giovanilisti. Trecento titoli sfornati e molte copie vendute. Dalle oltre 200 mila di Benigni alle 930 mila di Ammaniti, passando per le oltre 100 mila di De Andr e di Guccini. Gi se ne scrivono tesi di laurea.
Puoi trovarci i pulp accanto allo psicologo Crepet, Vargas Llosa accanto ai comici, ai Luther Blissett e al dj Albertino, il Vajont di Paolini, i fumetti di Pazienza e il romanzone di Faber. E noir, tanto noir. E videocassette, tante videocassette, a parte i cantautori: da Gadda a Almodovar. La sfida questa: fare tendenza, contaminando tutto con tutto, ignorando le discipline, l'alto e il basso, e immaginando un lettore (un non-lettore?) non settoriale e, pi che onnivoro, curioso di tutto. Il primo libro di Stile libero suonava come un invito: Fuori tutti. Un invito a uscire dalle proprie case e dalle proprie stanze. L'invito stato raccolto, altrimenti non ci sarebbe Mantova. Resta da capire se una volta rientrata a casa, la gente, con la testa piena delle molte cose interessanti che ha visto e che ha sentito, abbia voglia anche di mettersi a leggere.

Sito internet: www.festivaletteratura.it




news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news