LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caos, accuse e scaricabarile: cos la destra si mette in Mostra
Natalia Aspesi
la Repubblica, 8/9/2004


VENEZIA Chiss quali medaglie e corone e prebende si aspettano da questa 61ma Mostra le maree governative; inviti alle proiezioni pi prestigiose anche per Montani cugini, soggiorno festoso a spese del contribuente e soprattutto il mondo intero incantato per la meraviglia dell'evento. Comprando centinaia di biglietti perle serate pi affollate di divi, le istituzioni in mano a An e Fi, come Istituto luce, Cinecitt o la Rai, si accapigliano tra loro pretendendo prime file, citazioni, omaggi, inchini, microfoni sotto il naso. Spettacolo nello spettacolo, la destra, che solitamente teme la cultura come la peste, si sta agitando corrucciata per assicurarsi, lei che dilaga nelle anguste dimensioni del teleschermo, gli eventuali benefici di immagine del cinema e delle sue star, per il narcisismo degli ultimi venuti e gi pensando alle future elezioni. Gente ingenua, appunto impreparata alla tradizionale impermeabilit della Mostra, che non appena tenti di sfruttarla, di annettertela, ti fa fare brutte figure.
Si sa che tutta la paccottiglia di cartone fatta per rendere sfolgorante la sua decennale e immutata decrepitezza, crollata nel disordine organizzativo e nel caos della sfortuna. Un ministro accorto avrebbe fatto finta di niente, ma si sa quanto quel bonaccione, in apparenza, di Giuliano Urbani, possa arrabbiarsi e diventare aggressivo. L'anno scorso la sua ira si abbatt inesorabile sul presidente della Biennale Bernab e sul direttore della pur bella Mostra de Hadeln. Cacciare a pochi mesi di distanza anche il nuovo presidente Croff (scelto da lui i con un contratto per quattro anni) e il nuovo direttore Muller deve essere sembrato un eccesso al pur sbrigativo ministro dei beni culturali. Quindi: Il problema non la direzione artistica ma la macchina organizzativa. Abbiamo riconosciuto che siamo tanto bravi da creare un evento che equivale al motore di una Ferrari, ma la carrozzeria resta quella di una Topolino. Intendendo per Ferrari Muller e per Topolino lo staff che da anni lavora alla Biennale e che da ieri si sente minacciato.
Incontri incendiari con Croff, sospetto arrivo di Alain Elkann, reduce dalle fastose nozze del figlio Jaki e intimo di Urbani, Muller serafico e protetto dallo stesso ministro e dalla sua sapiente capacit diplomatica. Manifestazioni di fiduciosa solidariet in pubblico, nel retrobottega risse, minacce di teste tagliate, scaricabarile, reciproche accuse. Sullo sfondo una folla incolore di parvenu della politica, di ignoti portaborse, nazionali e locali, mai sazi di lussi gratis, che con la loro signora, svillanneggiando chiunque, pretendono poltrone in sala per poter fare la passerella fuori e poi lasciano vuoto il loro posto perch del film non gliene importa niente.
Nel casino generale intanto, si invertito il tipo di spettatore: alle proiezioni per la stampa entrano soprattutto giovani cinefili, mentre quelle dette per il pubblico, a parte un centinaio di spettatori paganti, sono occupate dalle claque istituzionali, partitiche e della produzioni. Quindi se si applaude alle proiezioni di gala e si fischia a quelle professionali, quest'ultimo il giudizio che conta. La Mostra scricchiola indomita da tanti anni, malgrado presidenti e direttori spesso prestigiosi. E non si capisce perch quest'anno avrebbe dovuto stupire per la meraviglia solo perch c' qualche gabinetto mobile in pi (mai abbastanza) o perch 60 grossi leoni d'oro torreggiano inutili lungo la famosa passerella rossa. Non bastano le feste, che ci sono sempre state, n i divi sfuggenti, che ci sono sempre, stati, n persino i buoni film, che in parte ci sono. E' imprudente prendersela conio staff della Biennale o con i suoi stessi responsabili, sia pure per errori gravi quali l'accumulo di ritardi per cui un lunare Johnny Depp percorreva la passerella alle due del mattino per l'assonnato piacere di un pugno di nottambuli, per presentare il suo film in una sala vuota. Il ministro faccia ammenda personale dipende da lui che la Mostra abbia un futuro dignitoso, perch non si pu pi fare senza cinema n strutture adeguate almeno come quelle degli altri festival internazionali. Sganci i miliardi necessari, e se non ce li ha la privatizzi, la venda a chi ha il coraggio di investire, come sta facendo con tante parte dei tesori italiani.



news

18-02-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 febbraio 2020

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

Archivio news