LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MACERATA - “L’idea è produrre cultura”
17-07-10, CORRIERE ADRIATICO



Il presidente della Camera di commercio Bianchi invita gli enti alla sinergia


Macerata Giornata dedicata alla cultura oggi alla Camera di Commercio ed occasione per parlare con il presidente Giuliano Bianchi della sua creatura, la neonata Accademia delle Arti di Macerata.

Cosa è l’Adam?

Io credo molto nel progetto “Macerata città della cultura”. E l’Adam sarà uno dei pilastri, è un gruppo di giovani artisti maceratesi che si sono costituiti in associazione per promuovere le arti.

Un’altra associazione in un panorama già molto frequentato.

Adam non è un’associazione culturale. È un’associazione di artisti, un milieu culturale di elevato livello che la comunità locale neanche si era resa conto di avere. Adam contribuirà in modo decisivo a realizzare il progetto “Macerata città della cultura” con iniziative, proposte, idee.

Non c’è il rischio di ricadere nel provincialismo?

Adam nasce anche per svolgere la funzione di interfaccia tra Macerata e i movimenti culturali nazionali e internazionali. Non c’è nessun rischio di provincialismo in questa iniziativa. Poi, bisogna dirlo, molto dipenderà dalla società locale, dalla capacità di Macerata di diventare una “città della cultura” di rilievo nazionale. E ciò dipende dalla capacità di formulare una strategia collettiva.

“Macerata città della cultura” sembra il solito titolo di richiamo. C’è qualcosa di più secondo lei?

Macerata può diventare una città nella quale una quota consistente dell’occupazione e del reddito è generata dalla produzione di beni culturali. Dal mio punto di osservazione “Macerata città della cultura” è un obiettivo concreto e realizzabile in tempi brevi. Invito a leggere il documento “Macerata città della cultura: strategie, politiche, azioni” scaricabile dal sito www.mc.camcom.it.”

Ma tutte le città sembrano insistere sulla cultura.

Noi parliamo di “produzione locale di beni culturali” non semplicemente di “offerta locale di beni culturali”. Quando il focus è posto sulla produzione di beni culturali le differenze tra città sono evidenti.

Di quali capitale dispone Macerata per supportare la produzione di cultura?

Macerata dispone di un capitale territoriale in gran parte sottoutilizzato che rende credibile una crescita consistente della produzione di beni culturali. Macerata ha una importante università, è sede di eventi culturali di rilievo, ha un importante patrimonio storico-artistico di prim’ordine e con il completamento delle infrastrutture in costruzione avrà anche un’elevata accessibilità. Una combinazione di fattori molto favorevole.

Perché allora questa “combinazione di fattori” non è stata sfruttata sinora?

Perché Macerata era il “centro” di un sistema territoriale che si industrializzava rapidamente. E sulla base di questo ruolo la sua economia ha prosperato. Non c’era bisogno di cercare alternative. Oggi, il sistema territoriale che sosteneva lo sviluppo di Macerata ha nuovi punti di gravitazione; la produzione di servizi si diffonde sul territorio. Inutile, nascondere che Macerata deve ripensare le basi della sua prosperità.
luca patrassi,



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news