LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MOSTRI D’ITALIA. Dalle piscine ai teatri: i 395 “incompiuti”
Ferruccio Sansa
"Il Fatto Quotidiano", 24 giu. 2010



Tra abbandoni e lavori perenni. Ma per gli scheletri “vita nuova” nell’arte


Una volta l’Italia aveva il futurismo. Poi il razionalismo. Adesso sono gli anni dell’incompiutismo. Ogni epoca ha uno stile architettonico che ne riflette lo spirito. Per studiare “l’incompiutismo” sono arrivati nel nostro Paese esperti delle università di mezzo mondo: da Damasco a New York, passando per Barcellona. Una notizia che farebbe accendere una scintilla di orgoglio patriottico, visto che gli azzurri del pallone finora ci hanno scaldato poco i cuori. Poi, però, a scorrere il catalogo delle opere del nuovo stile viene un brivido. A richiamare gli studiosi di mezzo mondo sono le opere pubbliche incompiute sparse in tutta la Penisola: piscine, caserme, scuole lasciate a metà per mancanza di fondi o di permessi. O magari stoppate da inchieste giudiziarie.

Tante, così tante, che da casi di cronaca sono diventate un fenomeno di costume e, infine, uno stile architettonico. Ecco “l’incompiutismo”. E dopo anni di studi arrivano addirittura le mostre: il primo appuntamento è fissato a Giarre dal 2 al 5 luglio. A settembre, invece, toccherà a Marsala dove dal 9 al 20 si terrà l’Ephemeral Arts Connection Workshop. Arti Effimere, un modo gentile, artistico, per ribattezzare i mostri di cemento monchi che popolano le nostre città. Per fare un passo oltre la denuncia. Poi “l’incompiutismo” approderà addirittura alla Biennale di Architettura di Venezia.

Stil nuovo

Non solo. Dopo i progetti spontanei, inconsapevoli, cominciano a fiorire le costruzioni, diciamo così, di scuola. Case deliberatamente ispirate allo stile “incompiuto”. No, non una semplice trovata, ma un’idea nata prima dal desiderio di denuncia, poi dalla speranza di trasformare in un richiamo perfino gli esempi squallidi del malcostume urbanistico e politico italiano. Insomma, se le costruzioni ormai coperte di edera ed erbacce non diventeranno mai scuole o viadotti, che almeno acquistino un’altra funzione. Magari mettendoci al cospetto dei nostri errori.

La novità dello stile Made in Italy sono i nomi dei suoi rappresentanti: gli incompiutisti raccolgono architetti italiani e stranieri, documentaristi e perfino giornalisti di inchiesta. Il primo passo della scuola viene compiuto dal collettivo artistico Alterazioni Video. Dopo aver letto decine di denunce, di articoli di cronaca, si mette in testa una strana idea: censire tutte le incompiute del nostro Paese cresciute soprattutto tra gli anni Settanta e Ottanta. Presto si rivela un compito ciclopico: sono centinaia. La cartina dell’Italia si riempie di pallini blu, più radi al Nord, poi sempre più fitti scendendo verso la Sicilia. Alla fine i ragazzi di Alterazioni Video tracciano un bilancio: 395 incompiute, 156 soltanto in Sicilia.

Il “catalogo”

Il record spetta a Giarre. Qui, ai piedi dell’Etna, ormai le incompiute sono parte del paesaggio. Ci sono le case basse, dai colori chiari, che ricordano il sole cocente della Sicilia. C’è il pavimento scuro di basalto che si accende di un fuoco freddo con le rare piogge. E ci sono i dodici progetti abbandonati in corso d’opera. Buoni per strappare qualche voto e poi lasciati al loro destino. Così nell’ambito dello stile incompiutista c’è chi potrebbe individuare diverse correnti: quella “sportiva” della piscina provinciale oppure quella “popolare” del centro polifunzionale e del mercato dei fiori. Altri ricordano la corrente “sociale” della casa per anziani, del parco Chico Mendez con la sua bambinopoli e del teatro comunale (con i suoi sessant’anni è forse uno dei primi esempi della scuola). Infine ecco il ciclo “surrealista”: la pista per automodellismo e il gigantesco campo da polo che sovrasta la città.

Morte annunciata

“Ogni opera ha una sua storia”, racconta Giacomo Di Girolamo, uno dei migliori giornalisti di inchiesta siciliani, che sull’argomento ha scritto addirittura uno studio per l’università siriana di Damasco. Aggiunge: “Alcune sono state abbandonate prima della fine dei lavori per il fallimento dell’impresa. Altre dopo essere state concluse non hanno mai vissuto la presenza di un essere umano e sono state lasciate morire. Infine ci sono i cantieri perenni”. Chissà, forse qualcuno vedrà nell’incompiutismo un filone architettonico dell’esistenzialismo, una rappresentazione in cemento dell’inanità degli sforzi umani. Oppure il desiderio di bandire dalle nostre esistenze la parola “fine” lasciando una porta sempre aperta sul futuro. Ma il collettivo di Alterazioni Video (Paololuca Barbieri Marchi, Alberto Caffarelli, Matteo Erenbourg, Andrea Masu e Giacomo Porfiri) non si è fatto prendere dalla rassegnazione. “Ci si potrebbe fare un percorso turistico”, si sono detti. Detto fatto: Giarre è diventata il “Parco archeologico dell’incompiuto siciliano”. Qui si terrà il primo Festival. Tre giorni in cui artisti, architetti, giornalisti, si confronteranno sul tema. Dopo Giarre toccherà a Marsala: “Qui, c’è un grande esempio della scuola, il monumento ai garibaldini per celebrare il loro sbarco in Sicilia. Un’apoteosi dell’incompiuto: un colosso avviato nel 1986 da Craxi e bloccato dopo due anni perché abusivo”, racconta Di Girolamo.

Operazione recupero

Qui a settembre si terrà il festival organizzato dai progettisti Stardust ed Elisava, l’istituto di design di Barcellona, la patria del monumento per eccellenza all’incompiuto: la Sagrada Familia. Certo, dietro a quei pinnacoli vertiginosi c’è la penna di Antoni Gaudì, qui magari la meno nota di geometri e architetti dalla firma facile. Però il genio è proprio questo: trasformare in arte anche il brutto. Intanto la scuola comincia a fare proseliti. Nella campagna di Marsala l’architetto Francesco Ducato ha progettato “Casa 4”, un’abitazione “effimera e sostenibile”, volutamente incompiuta: sulla facciata (grigio cemento, ovviamente) si affacciano finestre abbandonate a metà. Il piano terra è abitabile, quello superiore ha come tetto il cielo. Così perfino i palazzi morti riacquistano una vita. E anche l’architettura, con ironia, diventa denuncia. Ecco l’incompiutismo, che riflette lo spirito della nostra Italia: un Paese incompiuto.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news