LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Alle battute finali il Regolamento del Codice Appalti
18/06/2010


In bilico la norma che rende pi difficile qualificarsi nelle categorie specialistiche
di Rossella Calabrese



Dal provvedimento verr molto probabilmente stralciato lAllegato A1, che fissa i requisiti per la qualificazione nelle categorie di opere specializzate. La novit ha sollevato le proteste delle imprese specialistiche, che vedevano nella nuova norma il riconoscimento delle proprie specificit. Infatti, lAllegato dispone che, per mantenere la qualificazione in alcune categorie specialistiche, le imprese debbano dimostrare di possedere una specifica attrezzatura per ogni singolo lavoro, in misura fissa dal 2% all8% del fatturato.

La disciplina oggi vigente consente invece alle imprese generali di realizzare le opere speciali subappaltando i lavori alle imprese specialistiche.

LE REAZIONI DELLE IMPRESE
Ci sembra assurdo - ha dichiarato Dino Piacentini, Presidente di Aniem, Associazione Nazionale delle Pmi edili manifatturiere della Confapi - che una misura effettivamente capace di incidere sulla riforma del sistema di qualificazione debba essere abbandonata per evidenti difficolt a trovare un punto di equilibrio tra imprese specialistiche e grandi imprese. La priorit - ha proseguito Piacentini - deve essere quella di migliorare la capacit selettiva del mercato, di rafforzare gli strumenti di corretta concorrenzialit, di premiare gli operatori tecnicamente capaci di eseguire gli interventi. Ci possibile - secondo lAniem - solo imponendo requisiti tecnici pi specifici e rapportati alle categorie di opere per le quali limpresa chiede di essere attestata: quantit ed individuazione delle attrezzature tecniche devono essere riferite alle particolari tipologie di attivit svolta.

Favorevoli invece allo stralcio lAllegato A1 Ance e Agi, che rappresentano per la stragrande maggioranza imprese generali: senza le nuove norme le loro associate potranno continuare a realizzare opere speciali avvalendosi delle imprese specialistiche.

Finco, la Federazione di Confindustria che rappresenta le industrie di prodotti, impianti, servizi e lavorazioni specialistiche per le costruzioni, giudica assai grave lo stralcio dellallegato A1 e ritiene singolare che la partita di riesame del Regolamento sia stata riaperta al fine di realizzare lanalisi di impatto della regolamentazione, senza mai chiamare al Tavolo i rappresentanti di una delle categorie maggiormente coinvolte, cio le imprese specialistiche rappresentate dalle Associazioni federate in Finco.

Pur apprezzando il lungo lavoro svolto dal Ministero delle Infrastrutture, Finco segnala alcune criticit presenti nel Regolamento, che potrebbero avere effetti gravemente negativi sulle imprese che partecipano agli appalti per le lavorazioni c.d. superspecialistiche: nonostante lopposto parere del Consiglio di Stato, nel testo rimasta la possibilit (ad oggi non prevista) che le imprese che non ne abbiano le caratteristiche acquisiscano qualificazioni specialistiche e superspecialistiche usando lavori dati in subappalto (art. 85). Si consentirebbe - spiega Finco - di dimostrare di essere idonei a svolgere opere di grande complessit tecnica (ad esempio la costruzione di un ponte in acciaio o delle dotazioni impiantistiche di un ospedale) senza aver mai fatto nulla di ci per cui si chiede di essere abilitati, con le immaginabili conseguenze in termini di trasparenza del mercato e di sicurezza per gli esecutori e gli utenti finali dellopera.

Se lo stralcio dellallegato A1 venisse confermato, verrebbe meno la chiara indicazione - prevista dal Codice dei Contratti Pubblici (art. 37, comma 11) - delle capacit tecniche che le imprese devono possedere per assumersi la responsabilit di realizzare opere ad alta tecnologia e specializzazione. Non un caso - secondo Finco - che lallegato A1 sia avversato da quelle categorie di imprese che compiono lavori di natura generale, mentre sia condiviso da coloro che operano esclusivamente come superspecialisti. Finco chiede quindi che lAllegato A1 sia reinserito nel Regolamento e che lesame del provvedimento sia posticipato ad un prossimo Consiglio dei Ministri.

http://www.edilportale.com/news/2010/06/normativa/alle-battute-finali-il-regolamento-del-codice-appalti_19204_15.html


news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news