LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lo Stato? Non deve mai pagare la cultura
Mario Vargas Llosa
LA STAMPA 09-AGO-2004


La burocrazia non premia il talento, ma la sottomissione e gli amici degli amici
E' la societ civile che deve sostenere l 'arte: se non cos prima o poi ci sono effetti nocivi su libert, qualit moralit pubblica


LO Stato non premia il talento, bens la sottomissione. Nella smemoratezza temporanea che mi provoca il digiuno sono incerto se l'autore della citazione sia Pio Baroja oppure qualcun altro. Ma anche se il nome dell'autore mi sfugge, sono convinto che si tratti di una verit fuori di dubbio e per questo diffido dei privilegi e del tratto preferenziale che secondo molti lo Stato dovrebbe riservare agli artisti e ai creatori al fine di fomentare la cultura.

Naturalmente non sono contrario al fatto che scrittori, musicisti, danzatori, cineasti, scultori, pittori ricevano aiuto per tirare avanti. Tuttavia, per essere efficace e non condizionarne la libert, il sostegno deve arrivare soprattutto dalla societ civile e non dalla burocrazia, perch lo Stato (che in questo come in molti altri casi non si distingue dal governo), impone un prezzo che prima o poi ha effetti nocivi sulla cultura oltre che sulla salute civica e morale della societ nel suo complesso.
Questo punto basilare quando si chiede allo Stato di diventare il grande sponsor e mecenate grazie al quale le lettere e le arti potranno prosperare senza essere contaminate dalle cattive influenze statunitensi e senza che l'identit culturale del Paese ne soffra: quale prezzo si paga per questo?
Ho il sospetto che il problema non preoccupi molto per questo motivo: e cio che la Spagna un paese democratico e nelle democrazie, al contrario di ci che avviene nelle dittature, i governi non pretendono (e se ci provassero non ci riuscirebbero) di imporre alcuna forma di dirigismo culturale, n di introdurre meccanismi di censura, n di convertire in adulatori gli artisti e i creatori che beneficiano dell'aiuto statale, perch n l'opinione pubblica n gli stessi beneficiari lo tollererebbero.
Tali comportamenti sono esclusivi dei regimi totalitari, come lURSS e la Cina di Mao in passato, o al giorno d'oggi Cuba e la Corea del Nord. In questi paesi gli artisti e gli intellettuali possono godere di uno status privilegiato nei confronti del resto della societ se accettano sia nel proprio lavoro che nella vita pubblica il ruolo di cortigiani e ubbidiscono acriticamente alle consegne ideologiche del regime. In questi casi estremi di strumentalizzazione dell'intellettuale o dell'artista la cultura veramente creativa si fa al di fuori del circuito ufficiale, nelle catacombe e le tenebre marginali dove sono stati cacciati i dannati, ovvero, i Joseph Brodski, i Kundera, i Mrozek, i Solzenicyn.

Purtroppo la cultura non agisce da strumento di sottomissione e da turibolo soltanto negli stati totali-tari. Ricordo che a un congresso del PEN Club uno scrittore dell'Arabia Saudita ci spieg in questi termini perch i poeti della sua terra non patiscono l'emarginazione e le difficolt che affliggono i colleghi occidentali: finito di scrivere un libro lo si spedisce al re, il quale, essendo un amante delle arti, restituisce al mittente un generoso assegno.
. Probabilmente nessun sistema sia stato cos raffinato e abile nello strumentalizzare la cultura al servizio del potere quanto il PRI messicano.
Durante gli ottantatr anni di occupazione del potere da parte di questo partito numerosi artisti ed intellettuali ricevettero dal regime incarichi e nomine pi o meno importanti a seconda del prestigio del beneficiario : in ambasciate, istituti culturali, universit, ministeri e altro.
Ma a differenza delle rozze tirannidi che trasformano i loro protetti in abietti adulatori, il PRI non pretendeva n elogi n difese, anzi, riconosceva ai clientes il diritto' a criticare e fustigare gli errori del governo consentendo loro di fare la bella vita e di avere la coscienza a posto.

La dittatura perfetta riusciva in onesto modo ad apparire come la democrazia perfetta e soltanto gli imprudenti che superavano il limite di guardia criticando il regime in maniera troppo aspra andavano il galera o erano vittime di incidenti. vero che nelle democrazie come quella spagnola certe cose non accadono. Il meccanismo che potrebbe determinare un eccesso di ingerenza da parte dello Stato finanziatore della vita culturale attraverso leggi straordinarie che fissano tariffe doganali, sussidi o quote, infinitamente pi complesso e diffuso, ma non per questo risulta meno dannoso per l'esistenza di una cultura libera e critica capace di mettere perennemente in discussione i valori e le istituzioni esistenti. Tale tipo di cultura non pu sorgere in una societ dove la vita artistica e letteraria poggiano su aiuti che in verit diventano rapidamente e inconsapevolmente rendite, concessioni, privilegi, creando uno stato di dipendenza del patrocinato nei confronti del patrocinante. Anche con le migliori intenzioni un siffatto sistema degenera sempre in discriminazione per motivi sia personali (gli amici degli amici) che di lealt (o slealt) politica distorcendo in maniera tanto discreta quanto profonda le nobili finalit per le quali nato. Nel frattempo esso stimola la formazione di gruppi di pressione allo scopo di accaparrarsi la parte del leone delle elargizioni statali e alla fine chi riceve pi aiuto non il pi bisognoso bens colui che riesce a premere meglio.
Indubbiamente coloro che hanno accesso ai media - il terrore dei governi - si trovano in una posizione di superiorit assoluta nei confronti degli altri artisti perch si fanno sentire meglio.
Chi alza allora la voce in favore dei ballerini e dei musicisti, ad esempio, veri orfani fra gli orfani del mondo dell'arte? Alla fine, in un sistema con queste caratteristiche prima o poi si consolida una cultura papavero come quella che, ahim, sembra voler prevalere anche nelle societ democratiche del mondo occidentale.
L'illuminante espressione arte papavero venne utilizzata per la prima volta negli anni quaranta del secolo scorso dal poeta surrealista peruviano Csar Moro in una polemica con il poeta cileno Vicente Huidobro che, a differenza del pacato scambio di vedute che mantengo con Molina Foix e Vidal-Beneyto, fu di una asprezza e una ferocia molto surrealiste. Come il bianco papavero da oppio dalle foglie ruvide, il sussidio ufficiale debilita dall'interno fino all'esaurimento l'attivit creativa. L'artista diventa meno pugnace, meno audace, meno indipendente, meno libero. Pur non esigendo nulla dalla creativit, la dipendenza la rende banale. Non bisogna lasciarsi ingannare dalle sue in scienze, dalle acrobazie verbali, dai gesti spettacolari che spesso mascherano soltanto il vuoto.

L'arte papavero distrae, intrattiene. Nei momenti migliori brillante, seduttrice. Perch chiedere di pi? C' ancora in giro qualche imbecille che crede che un romanzo, un film, uno spettacolo di balletto o una messa in scena teatrale possano esercitare un effetto sismico sulla vita delle persone e cambiare il corso della storia?
S, il sottoscritto.
Io sono convinto che il creatore debba difendere con le unghie e con i denti la propria indipendenza nei confronti del potere senza ubbidire ad altri demoni che le proprie idee e ossessioni.
Alla bisogna deve cercare aiuto in ogni angolo della societ, ma come faceva Bunuel, il quale chiedeva soldi alle contesse ma mai ai governi.
I veri artisti, i veri creatori, sono sempre dei contro governi, dei governi ombra che non smettono mai di impugnare le certezze, le retoriche, le finzioni, le verit ufficiali. Attraverso le opere che dipingono, compongono o narrano essi ci ricordano perennemente che, al contrario di quanto sostiene il potere, il mondo va molto male e la vita reale sempre al di sotto delle aspettative e dei sogni delle persone.

Questo hanno fatto in passato e fanno oggi quei propagatori dell'insoddisfazione che Rimbaud chiamava orribili lavoratori. Qualcosa non funziona nella cultura di un paese quando, anzich lottare per cambiare il mondo e rivoluzionare la vita, gli artisti si sforzano di conquistare protezioni e sussidi ufficiali. Per questo motivo preferibile che lo Stato, se ha intenzione di promuovere la cultura, trasferisca il grosso del compito alla societ civile attraverso politiche, quali gli incentivi fiscali, che stimolano il mecenatismo e le iniziative culturali private. In questo modo l'aiuto decentrato si diversifica, i pericoli del favoritismo e la discriminazione si allontanano e l'effetto soporifero del monopolio statale sulla cultura molto contenuto.
Octavio Paz l'ha spiegato con molta lucidit: si incomincia chiedendo sussidi all'orco filantropico per poter creare e si finisce creando per poter ottenere sussidi. I paesi anglosassoni sono un buon esempio dei benefici della cessione delle attivit di promozione culturale alla societ civile da parte dello Stato. In Inghilterra, per fare un esempio, il teatro meno protetto che nel resto dell'Europa occidentale ma questo non gli ha impedito di diventare da decenni il migliore del mondo.
Conosco fin troppo bene le-enor-mi difficolt che devono sfidare i cineasti, gli autori teatrali, i registi all'inizio della carriera. Cosa dire dei musicisti, dei ballerini, degli scultori? Per scrivere una poesia o un romanzo bastano carta e matita, certo, ma nella stragrande maggioranza dei casi lo sforzo che un giovane scrittore deve fare per trovare un editore disposto a pubblicare e distribuire i suoi libri non inferiore a quello che tocca al giovane regista cinematografico in cerca di un produttore per il suo film. Ben vengano gli aiuti, purch arrivino a coloro che ne hanno bisogno senza limitarne l'originalit e Indipendenza. C' chi allarmato dai monopoli che minacciano il mondo della comunicazione. Noi liberali sappiamo meglio di altri che i monopoli sono sempre una fonte di inefficienza e di corruzione. Tutti i monopoli, compresi quelli culturali.



news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news