LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

A Capri ennesimo disastro, ultimo di lunga serie
Napoli, 14 apr. (Apcom) -



Ennesimo disastro ambientale sull'isola di Capri, tormentata negli ultimi mesi da una lunga serie di episodi incresciosi che hanno minato la sua immagine nota in tutto il mondo. E' di questa mattina la notizia di un sequestro di un'area di circa 2mila metri quadrati in località Gasto, dove è stato rinvenuto un sito adibito a stoccaggio di scarti di materiali edili e di rifiuti pericolosi e speciali. Una vera e propria discarica realizzata dopo aver distrutto e sventrato un castagneto per far posto ad un vero e proprio sbancamento in una zona sottoposta a vincolo ambientale e archeologico. Secondo quanto si è appreso il sito, da tempo, era utilizzato per sistemare in maniera provvisoria scarti di lavorazioni edili destinati a sversatoi idonei.

Già nel settembre dello scorso anno furono rinvenute due discariche abusive nei pressi di due luoghi simbolo dell'isola, Villa Jovis e Villa Fersen. In quell'occasione la Guardia di Finanza sequestrò un'area di circa mille metri quadrati in cui venivano sversati rifiuti speciali e materiali inquinanti, tra cui plastica, cemento, elettrodomestici fuori uso e pneumatici. Il materiale tossico era stato accatastato in un'area sottoposta a vincolo paesaggistico a poche centinaia di metri da Villa Jovis, costruita nel I secolo a.C. e attribuita all'imperatore Tiberio. Accanto, invece, a Villa Fersen, altro sito di interesse storico nonché archeologico, era stata, inoltre, rinvenuta un'altra discarica abusiva dove fu ritrovato addirittura eternit.

Già nell'estate 2001 l'associazione di volontari 'Marevivo' aveva rinvenuto proprio nel mare dell'isola azzurra una serie di rifiuti pericolosi, tra cui un motocarro, alcuni bidoni, pneumatici, buste di plastica, cavi elettrici e cinque scooter.

Ma, purtroppo, le cronache di questi ultimi mesi non hanno risparmiato altri episodi incresciosi per l'isola del Golfo di Napoli. Lo scorso 29 marzo i carabinieri della locale stazione rinvenirono resti umani e rifiuti speciali depositati nella totale mancanza di quanto previsto dalla legge all'interno di una sala mortuaria e in una cappella destinata al culto acattolico del cimitero di Capri. Nei due locali, che furono sequestrati, furono rinvenuti numerosi contenitori di zinco aperti con all'interno resti umani, pezzi di bare, abiti e molto altro materiale proveniente dall'esumazione dei defunti. Furono ritrovati anche rifiuti solidi urbani e attrezzature da lavoro, il tutto stoccato in ambienti ritenuti non idonei a quanto previsto dalle norme igienico-sanitarie.

Sempre a causa di danni all'ambiente lo scorso 25 marzo il tribunale di Napoli ha disposto il sequestro della centrale di produzione elettrica di Capri. Alla Sippic, la società che gestisce l'impianto che eroga l'energia sull'isola, furono contestate violazioni al codice ambientale. Tre le persone indagate nell'ambito dell'indagine condotta dalla Procura partenopea.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news