LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA — Il Consiglio di Stato boccia le torri di Jesolo
CORRIERE DEL VENETO 14 apr 2010 Venezia



Prima serve l’ok della Sovrintendenza. E il Comune «sposta» i cantieri


Il Consiglio di Stato boccia le torri di Jesolo. Prima serve il parere della Sovrintendenza, così come avevano detto la Sovrintendenza stessa e il Tar. Anche l’ennesimo tentativo del Comune e della Terramare, la società che ha progettato l’intervento, è andato a vuoto. Adesso non c’è nessuna possibilità di sottrarre il piano di espansione in altezza della cittadina a vincoli paesaggistici. Così è stato confermato lo stop a quasi trecento cantieri e varie torri, compresa quella di piazza Marina già arrivata ad oltre metà dei lavori.

Adesso il sindaco inevitabilmente deve mettere in atto quel piano B che l’amministrazione ha nel cassetto, visto le sentenze precedenti: il taglio delle torri sul fronte mare per renderle compatibili ai vincoli fissati dalla Sovrintendenza, e in particolare la previsione di erigere nuove torri oltre i 300 metri dalla linea di costa dove il Comune può lavorare a mani libere. Una soluzione «forzata» anche perché la Sovrintendenza nel cominciare il braccio di ferro con il sindaco era stata chiara, nonostante il Comune continuasse a dire che le zone «urbanisticamente compromesse», come quella compresa tra l’area dell’ospedale e piazza Marina appunto, dovevano essere escluse dal vincolo paesaggistico. E invece niente, l’onda rossa dei giudici continua e mette ko i piani di Francesco Calzavara. Perché su quelle aree l’approvazione del piano di recupero deve venire dalla Sovrintendenza grazie a quel vincolo sui territori costiere previsto già dalla legge 431 del 1985 e dalla norma successiva del 2004 che esclude qualsiasi ipotesi di deroga. Prima il Tar e poi il Consiglio di Stato infatti hanno fatto proprie l’interpretazione restrittive della Sovrintendenza, andando contro l’amministrazione e la società Terramare che hanno continuato ad insistere nel sostenere la pacifica assimilazione alle zone «B» del territorio comunale delle cosiddette zone di «ricomposizione spaziale» e quindi la sottrazione delle aree al regime vincolistico proprio dei territori costieri.

Il Consiglio di Stato poi è andato oltre ai giudici del Tar individuando come motivo per bocciare i ricorsi la specifica natura delle aree che secondo le previsioni pianificatorie sono soggette all’adozione di un piano di recupero su cui appunto la Sovrintendenza deve intervenire. Meglio allora per Calzavara mettere in atto il piano B andando a ritarare lo sviluppo della città balneare. Con buona pace del master plan redatto dal giapponese Kenzo Tange che prevede una ricomposizione degli spazi verso l’alto. Quelli ci potranno essere, ma a trecento metri dal mare.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news