LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

IRAQ: ALLARME ALL'UNESCO PER PATRIMONIO ARCHEOLOGICO /ANSA
(ANSA). 07/02/2003 19:16


(ANSA) - PARIGI - L'Unesco lancia l'allarme. La Mesopotamia, il mitico Eden della Bibbia tra il Tigri e l'Eufrate culla della scrittura, gia' devastata dalla Guerra del Golfo, e' nuovamente in pericolo: i bombardamenti di un altro conflitto armato potrebbero provocare danni incalcolabili al patrimonio archeologico dell'Iraq. Nelle prime 48 ore, secondo i piani di Bush, almeno tremila bombe colpirebbero obiettivi strategici, parecchi dei quali si trovano vicino a siti archeologici. Gli esperti dell'Unesco sono tuttavia fiduciosi che in caso di attacco, le forze americane e britanniche rispettino la Convenzione dell'Aja del 1954 sulla protezione dei beni culturali in caso di guerra, anche se ne' Washington ne' Londra l'hanno ratificata. ''Non possiamo stabilire il grado di rischio sito per sito, perche' ovviamente non sappiamo quale sara' la mappa dei bombardamenti'', dice all'Ansa Giovanni Boccardi, specialista dell'Iraq alla direzione del Patrimonio mondiale dell'Unesco. ''Ma un altro conflitto armato non potra' che innescare un nuovo periodo di incertezza e di abbandono dei siti e dei musei iracheni. Basti ricordare quel che e' successo dopo il 1991 quando i musei - non solo quello di Baghdad, ma anche quelli di Kufa, Amara, Bassora nel Sud, e di Kirkuk nel Nord - sono stati devastati e saccheggiati. Migliaia di oggetti, provenienti anche da centinaia di scavi selvaggi, sono stati esportati e rivenduti a collezionisti''. La maggior parte, secondo John Russel, studioso di storia dell'arte alla Columbia University, sarebbero finiti a Londra, nei negozi di antichita' e nei mercati come Portobello. Sculture e bassorilievi sumeri, babilonesi, assiri di inestimabile valore. La razzia non si esauri' dopo la guerra del Golfo, ma e' continuata in questi anni anche perche', colpiti dall'embargo, parecchi iracheni hanno trovato nel traffico d'arte un mezzo di sostentamento. Tanto che lo stesso Saddam Hussein si servi' dell'argomento, nel 1998, per chiedere la revoca dell'embargo con un appello ufficiale all'Unesco. La preoccupazione dell'Unesco non riguarda solo i siti noti come Hatra, l'unico inserito nella lista del Patrimonio mondiale, la citta' abbandonata nei pressi di Mossul, nel Nord che visse il massimo splendore nel secondo e terzo secolo dopo Cristo. O come Ninive, Nimrud, o Ur, la citta' di Abramo, o ancora Ashur, capitale assira sul Tigri, che potrebbe entrare nella lista prossimamente. ''In Iraq, dice Boccardi, c'e' molta archeologia nascosta. Centinaia di siti non scavati e non identificati con certezza sorgono lungo tutto il bacino della Mesopotamia. E non ci preoccupano solo le bombe: potrebbero essere danneggiati da trincee, carri armati, mezzi pesanti...''.





news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news