LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

RESTAURO : Di nuovo bello come un Apollo
Roberto Ciccarelli
IL MANIFESTO


Torna nel Museo nazionale di Valle Giulia, la statua dell'Apollo di Veio, capolavoro dell'arte etrusca del VI secolo a.C. Il restauro, durato sei mesi, ha restituito colore e plasticit all'opera, rivelandone anche alcuni segreti

L'Apollo di Veio sorride da oggi pi enigmatico che mai nella sala del museo etrusco di Villa Giulia a Roma. Dopo un restauro durato 6 mesi e costato 50 mila euro, coordinato da Francesca Boitani, la direttrice del museo, e realizzato da Tuccio Sante Guido, la statua acroteriale in terracotta del VI secolo avanti Cristo torna a rivivere nei suoi colori originari. Del dittico originario che lo vedeva combattere con Eracle, per ora visibile soltanto la grazia del dio della luce. Nei prossimi mesi verr recuperata anche la statua del dio della forza. Un restauro, quello dell'Apollo di Veio, condotto secondo i canoni della scuola di Cesare Brandi: rigore filologico e tecniche non invasive a protezione dei materiali originari sono state usate per restituire a uno dei capolavori dell'arte etrusca la sua naturale policromia, ma anche per ricostruire o integrare la continuit delle sue parti mancanti, soprattutto quelle inferiori e del mantello dal quale erano stati rimossi alcuni punti di colore.

A un primo sguardo il restauro sembra aver restituito il mlange coloristico originario ottenuto con un'accorta mescolanza di tonalit calde e fredde. Le prime coprono una gamma che va dal giallo al rosso e caratterizzano il colore violaceo dell'incarnato, mentre le seconde sono associate a campiture pi scure presenti nei panneggi della tunica e del mantello corto. La sua tenera superficie argillosa era stata ricoperta da una patina opaca e impermeabile come la cera creata dal primo intervento di Giulio Cesare Falessi nel 1919, pochi anni dopo il suo rivenimento - ha commentato Tuccio Sante Guido -. Per rimuovere questo strato stata usata la stessa mistura di solventi volatili che ha permesso di recuperare il David di Michelangelo. Dalla densa coltre sono cos riemerse le sottili pennellate che tratteggiavano il panneggio del mantello, oltre che i tratti molto pronunciati del volto e l'intarsio delle trecce che cadono sul collo e sulle spalle dell'Apollo.

L'analisi scientifica, coordinata da Maurizio Diana, ha permesso di indagare i misteri della struttura della statua, rilevando mediante radiografie ed endoscopie la presenza di numerosi elementi metallici inseriti nelle articolazioni, all'altezza delle giunture tra le spalle e le braccia e di quelle tra il busto e le cosce, essenziali per mantenerne l'equilibrio. L'analisi di fluorescenza ha inoltre individuato nei colori la presenza predominante di due minerali, il ferro e il manganese, mescolati ad arte ricorrendo a una tecnica che si differenzia notevolmente da quella utilizzata per le ceramiche greche classiche, note anche agli etruschi.

In base a queste ricerche certo che l'anonimo coroplasta dell'Apollo abbia seguito una tecnica di lavorazione rivoluzionaria per la sua epoca. Rispetto ai maestri della ceramica greca, infatti, questa statua d'argilla stata sottoposta a un'unica cottura a una temperatura compresa tra i 950 e i 1100 gradi. Una soluzione davvero innovativa per un manufatto di grandi dimensioni che fa dell'articolazione dei movimenti e dei particolari anatomici la sua cifra stilistica e che molto probabilmente non avrebbe resistito a una lavorazione pi laboriosa.

Questa tecnica si rese necessaria per proteggere la statua dall'esposizione degli agenti atmosferici. Apollo ed Eracle, infatti, erano stati originariamente collocati sulla trave di colmo del tempio di Portonaccio, il pi noto santuario di Veio dedicato al culto di Minerva. Ricorrendo alla stessa tecnica rivoluzionaria, un misterioso scultore realizz il ciclo devozionale composto da dodici gruppi di statue, ispirato a quello del pi famoso santuario di Delfi e collocato tra il kalypter hegemon del culmine e i kalypteres degli spioventi del tetto del tempio. Resta ancora da sciogliere il dubbio sull'identit di alcune divinit rappresentate nel ciclo, tra le quali sono state riconosciute soltanto le figure dell'Apollo fanciullo stretto tra le braccia della madre Latona, Mercurio e Hermes.

Alloggiato su una base a zoccolo, alta 60 centimetri e variamente dipinta, Apollo lottava con Eracle (l'Ercole dei romani) in un gruppo che raffigurava il mito, in realt abbastanza raro nella tradizione greca, della contesa per Cerinite, la cerva dalle corna d'oro sacra ad Artemide, la sorella di Apollo. Da quella lotta Apollo usc sconfitto, ma Zeus gli permise ugualmente di entrare a far parte dell'Olimpo.

Descrizione della battaglia: al nostro sguardo il solitario Apollo si mostra realmente impegnato in una lotta. Ed eccolo avanzare verso sinistra con il braccio destro, mentre quello sinistro scende verso il basso, forse impugnando un arco. La sua postura tradisce un dinamismo perfettamente controllato, mentre quegli occhi oblunghi incastonati nel golfo di un lungo naso perpendicolare riflettono una certa, innaturale, serenit. Lo sguardo sembra essere diretto verso quello dell'antagonista, il possente Eracle, che nel gruppo originario rappresentato nello sforzo di trattenere la cerva scalpitante tra le sue gambe, mentre si protende verso destra nell'atto di brandire una clava.

La leggera torsione di Apollo ha sicuramente un effetto drammatico, ma obbedisce anche a una precisa legge prospettica. Le dimensioni del suo volto e della sua cassa toracica, infatti, non sono simmetriche rispetto alla volumetria del corpo e sono dovute alle deformazioni ottiche che la scultura crea quando collocata in un contesto narrativo e ambientale pi ampio. Il gruppo stato infatti concepito per un'unica visione laterale, corrispondente al lato del tempio dove correva l'unica strada di accesso al santuario, e doveva essere visibile anche da grandi distanze.

Un altro capitolo che infittisce il mistero di questa ardita composizione quello dell'identit del suo autore. Senza nome ma ugualmente geniale, esperto nella lavorazione dell'argilla e del bronzo, lo si riconosce dallo stile internazionale, quello ionico esportato tra il 540 e 500 avanti Cristo dalla Grecia all'Etruria meridionale. Gli esperti esegeti del suo mistero lo hanno identificato con una lunga e complicata parafrasi che gli assegna un'identit storico-geografica, ma non una nominale: Veiente esperto di coroplastica. Di lui si sa che accett di lavorare per Tarquinio il Superbo, il quale gli commission la quadriga acroteriale del tempio pi importante di Roma, quello di Giove Capitolino, ma anche che era cresciuto nella celebre bottega artistica di Veio, fondata da Vulca, anche lui chiamato a Roma verso il 580 avanti cristo dal re-mecenate Tarquinio Prisco. Dell'arte moderna si apprezzano i nomi degli artisti piuttosto che il valore delle loro opere. In quella etrusca, invece, l'opera oscura l'identit dell'artista. Il nome di un grande maestro scritto in questo volto di giovane dio combattente che appare nell'oscurit.



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news