LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Apollo di Veio: oggi a Roma si presenta il restauro
Sergio Frau
La Repubblica, (15 luglio 2004)


Sul sito le varie fasi del delicato recupero
Quel dio bellissimo e tuttofare
che gli Etruschi portarono a Veio


ROMA - "Ti do il benvenuto nel mio sito. Con un tuffo nel passato potrai esplorare le mie origini, la mia storia...". Non capita spesso che un dio ti dia del tu. Se, poi, il dio in questione Apollo - e per di pi l'Apollo di Veio, classe 500 a. C., appena restaurato, in attesa di accogliere proprio stamattina, al Museo Etrusco di Villa Giulia, le troupes televisive di mezzo mondo - be', allora l'esperienza diventa unica...

Unica ma non esclusiva: chiunque, infatti - cliccando www.apollodiveio.it - pu ripeterla da un qualsiasi pc. Clicchi e "lui" - il dio - gi l bell'e pronto a dirti la sua attraverso fior di schede preparate con scrupolo dalla direttrice del Museo Etrusco Francesca Boitani e da Tuccio Sante Guido, il restauratore che l'ha risistemato a dovere, passandoci insieme gli ultimi sei mesi. Vi si aggiungeranno come cartelle cliniche i check up di Maurizio Diana dell'Enea che, con i suoi portenti, ha partecipato a tutta l'avventura.

In molti hanno potuta seguirla in diretta: dal sito, infatti - con altre due cliccate ben date - si attivava la microcamera che documentava minuto per minuto, fase per fase, questo che stato definito uno dei recuperi pi delicati degli ultimi anni.

Dal virtuale al reale, a Roma, il passo breve...
E' talmente intrigante quel che il sito presenta che, alla fine, decidi che s, che ci provi ad andarci di persona al Museo, prima del tempo: prima della "prima" che si terr proprio stamani.

Ne valsa la pena. Il Museo sempre pi bello. Ci cammini dentro quelle sue migliaia di pezzi straordinari, e - ora che quasi per sbaglio, dopo quelli del Giubileo, sono arrivati ancora un po' di soldi per fare dei lifting - appare davvero scintillante. Ti ci perdi quasi, arpionato dal fascino di una miriade di segnali antichi di millenni, mai presi davvero sul serio, prima di arrivare gi sotto, al Ninfeo Superstar che il Premio Strega ci fa vedere, sudato e vestito a festa, a ogni sua edizione.
PUBBLICITA'


Si affaccia proprio sul Ninfeo la Loggetta dello Zodiaco dove si ritirava a prender il fresco, sotto gli affreschi stellari che aveva commissionato a Taddeo Zuccari, il pontefice Giulio III. Ed proprio l dentro che l'Apollo restaurato riceve. Verr raggiunto qui dalle altre statue che, con lui, facevano gruppo.

E' un marcantonio tutto d'un pezzo, l'Apollo di Veio: alto un metro e 81 centimetri - frutto di un'unica cottura perfetta di caolino ben raffinato e lavorato ad arte - il dio dominava da un'altezza di 12 metri il tetto del tempio che faceva leggendaria la sua citt, alle porte di Roma.

Fin troppo vicina, Veio, a quella che ormai studiava da Caput Mundi...

A un certo punto la Citt Eterna inizi a vederla come minaccia e intoppo per la sua marcia verso il mondo: cos, nel 396 a. C., pens bene di distruggerla e di celebrarne annualmente la sconfitta.

Gran bella gente c'era su quel sacro tetto insieme ad Apollo... C'era Hercle (il loro Herakles), c'era Latona (madre di Apollo), c'era Hermes messaggero di Zeus, forse Artemide, e chiss chi altri.

Gli scavi che la Sapienza fa l ogni anno - sotto la direzione di Giovanni Colonna - man mano restituiscono un po' di storia e cos, di campagna in campagna, se ne sa e se ne trova sempre pi. Tanto che la direttrice del Museo, Francesca Boitani, ha deciso di regalare nuovi spazi a Veio: "Completato il trasferimento dei Latini e degli altri popoli italici a Villa Poniatowski, qui di fianco, riusciremo a presentare Veio e questi suoi capolavori come meritano: tre, forse quattro sale daranno conto di una ricerca che cominciata nel 1916 con Giglioli e i suoi, proseguita con l'quipe di Massimo Pallottino, oggi vede impegnati in zona oltre a Colonna, Andrea Carandini, Gilda Bartoloni e altri istituti. Sar una gran bella sorpresa vederlo finalmente tutto insieme, quel materiale...".

Apollo, intanto, al solito, ha aperto la via... Pagato dai soldi in pi della Federazione Tabaccai Italiani, il restauro del gruppo scultoreo veiense proseguir con gli altri. Nel 2005 tocca all'Ercole: stesse alchimie per lui - fotogammetria, radiografie, fluorescenze, colorimetria... - di quelle gi usate con quest'Apollo appena tornato ai suoi giochi di colori che grasso e polvere avevano ormai nascosto.

Ora bellissimo. E' sempre, ovunque, talmente bello Apollo - qui, tra gli Etruschi; a Delfi, tra i suoi; in Grecia sulle monete di ieri, ma anche sulle banconote di oggi - che, poi, non c' mai spazio per dire quanto fosse pure utile, intelligente, ecumenico, oltre che "politicamente corretto", questo dio.

Cos, almeno per una volta, rubiamo qualche riga all'estetica e ascoltiamo da Platone (il Platone della Repubblica) quanto Lui, il Superdio, e il suo pool di sacerdoti - un miniconclave che da Delfi dettava legge in mezzo Mediterraneo, per bocca di una Pizia che solo loro riuscivano a capire, pilotare e interpretare - fossero raccomandabili da un punto di vista di normativa geopolitica. Erano spettanze di Apollo, secondo Platone, "il modo di fondare i templi, di celebrare i sacrifici e ogni altra regola sul culto agli di, ai demoni, agli eroi. Questa materia al di fuori della nostra conoscenza e pertanto nell'edificare la Citt, se abbiamo buon senso, non dovremo fidarci di nessun altro, n ad alcun altro far ricorso, se non a lui che fu l'interprete dei nostri avi... ".

Cos chiunque, ovunque, avesse un problema serio - da quelli geologici come un lago che, riempiendosi, rischiava di inghiottire gli abitati costieri, a quelli migratorio-coloniali, a quelli igienico-sanitari, a quelli di ortodossia da rispettare... - finiva sempre per chiedere aiuto al Sapere di Delfi e a quel suo Apollo tuttofare che ne approfittava, poi, per far aprire qualche sede in suo onore e spedirci missionari del "suo" Pantheon olimpico. Mezza Italia - ovvero l'intera Magna Grecia - era roba sua, fin dalla fondazione...

Ma come quest'Apollo di terracotta a puntino sia finito sul tetto del tempio etrusco di Veio - con una faccia pressoch identica al suo gemello ligneo oggi al Museo di Delfi - non dato sapere di preciso. Suo compito era di rappresentare, insieme a quegli altri di piantati lass, il mito della cerva sacra a Delfi che Apollo ed Ercole si disputarono, combattendosi...

Come mai degli Etruschi, per, sentissero l'esigenza di materializzare - anche per le loro preghiere - un racconto assai greco, rimane un mistero. "L'Internazionale Ionica", si dice sempre...

Del resto lo dicono le fonti e anche chi le studia. Pare certo che le maestranze artistiche della zona - quelle che incantarono per la loro perizia i Tarquini, tanto che proprio a loro appaltarono i decori dei templi romani pi sacri - ci arrivassero qui dalla Grecia, con tutto quel loro know how che li faceva leggendari. Certo, ora, a trovarselo di fronte, questo loro capolavoro, se ne capisce il perch.

E lo si comprende ancora di pi ascoltando l'entusiasmo di Tuccio Guido, Istituto Centrale del Restauro ormai alle spalle e molte avventure mediterranee di pronto soccorso artistico in curriculum. La sua storia d'amore con quest'Apollo compie i 20 anni proprio in questi giorni... Racconta: "E' uno strano avvicinarsi e perdersi, tra noi due... Nel 1984 la mia docente all'ICR, Alessandra Melucco Vaccaro, mi affid per una tesina di specializzazione lo studio della statua. Quante ansie, allora... Quante attenzioni consapevoli, oggi... Nel 1992 mi chiamarono di nuovo per ritrarlo e piazzarlo su un'impalcatura che, a Veio, permette di capirne il posizionamento sul tempio. Ora di nuovo... ". E sguita: "E' un capolavoro di tecnica quest'Apollo. Per realizzarlo devono averne lasciato asciugare l'argilla lavorata almeno un anno prima di metterlo in forno. E anche per cuocerlo, deve esserci stata un'attenzione tutta particolare...". Tuccio si mette a parlare del forno "a muffola" e, subito, gli si accendono anche gli occhi: "Cos' il forno a muffola? Un capolavoro! Ecco cos'. Scavavano un'enorme buca nel terreno - un po' come si fa ancora oggi per le campane - e creavano una sorta di "stanza murata" dove veniva posta in piedi la statua ormai lavorata, asciutta ma non ancora cotta. Poi, fabbricando un altro muro, lasciavano un'intercapedine per il fuoco e la brace che cos non entrava mai in contatto diretto con l'opera. E' una sintesi di mille sapienze, lui... ".

E te le racconta, una via l'altra, nella pi dolce autopsia che un restauratore possa dedicare all'oggetto delle sue passioni: da quegli atomi di tinta affidati all'Enea per le memorizzazioni di rito, fino alla "colonna vertebrale" di ottone che venne infilata nella statua, a inizi secolo, per renderla pi stabile: "I colori, poi... I colori sono come fatti di nulla. Ossido di ferro per il rosso pi aranciato; ossido di manganese per il rosso scuro e il nero. E, poi, argilla grossa sotto. E sopra, quasi un panneggio, il velo di argilla pi fine. Per questo poi il manto ha quel gioco di toni, appena pi chiaro uno dell'altro. Cos le pieghe risaltano meglio: nel restaurarlo te ne accorgi che ogni piega ha il tocco (ma anche la larghezza) di un polpastrello che le ha accarezzate una a una - con il caolino ancora fresco - fino a farle cos perfette". Le riaccarezza anche lui. E si capisce che questo, tra loro, ormai, un vero grande amore...




news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news