LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

COMO - Vitali sveglia l'orgoglio comasco: Pi bello qui, ma il cemento...
31 DICEMBRE 2009, CORRIERE DI COMO

il dibattito

Tutti d'accordo con lo scrittore: sponda lecchese meno chic, per senza muri

Como? Molto meglio di Lecco. Parola di un lecchese, lo scrittore Andrea Vitali. bastata una sua intervista ad accendere il dibattito, al punto che nella citt di Volta nessuno lesina un commento e non mancano prese di posizione sorprendenti. Architetti, paesaggisti, politici, imprenditori e mondo universitario: la provocazione di Vitali non lasciano indifferenti i comaschi. Como meglio di Lecco da un punto di vista ambientale e culturale - aveva detto tra l'altro lo scrittore bellanese - La sponda comacina pi abituata a un turismo d'elite e di qualit, Lecco ha una tradizione pi virata sul lavoro e l'artigianato. In termini di mentalit turistica siamo parecchi passi indietro. E ancora: Como pi citt di Lecco, dove invece la mentalit chiusa.
Opinioni condivise dall'architetto e paesaggista comasco Darko Pandakovic: I contesti sono assolutamente diversi. Fino ai tempi del Manzoni Lecco era uno dei paesotti sul lago, mentre Como di fondazione romana, stata una citt principe nel Medioevo, da noi c' stato un Palazzo Rusca, un cantiere della cattedrale... La riva umanistica, colta, storica la nostra. Da sempre anche il luogo della ricreazione, della villeggiatura, con le ville giustamente ricordate da Vitali. Il ramo lecchese non ha tutto questo, sempre stato pi ?selvatico? e meno nobile. Ha valori naturalistici ma non certo culturali paragonabili ai nostri. Mandello non Bellagio. Quanto alla cementificazione selvaggia, secondo Vitali maggiore sulla sponda lecchese rispetto a quella comasca: Non condivido - dice Pandakovic - Ha subito aggressioni pesanti anche il loro territorio, ma le nostre zone sono molto pi delicate e quindi i danni maggiori sono stati fatti da noi, perch si cancella una memoria storico-culturale e non ?solo? l'ambiente. Vitali scrive che i lecchesi sono addossati alla montagna - conclude Pandakovic - mentre noi guardiamo il lago, ma si dimentica che abbiamo il muro delle paratie che lo oscura.... Per il presidente dell'Ordine degli architetti Angelo Monti giusto considerare Como un luogo d'eccellenza, purtroppo per le criticit non mancano, si consuma suolo con scarsa attenzione sia in citt sia sul lago. Abbiamo un bene prezioso, come dice Vitali, e una storia diversa da quella lecchese, siamo stati il luogo della villeggiatura e del divertimento mentre Lecco ha una storia industriale. Dobbiamo avere cura del territorio e al contempo evitare di restare ?incantati? dalla bellezza del lago dimenticando i necessari interventi sulla mobilit.
Netto l'assessore comunale alla Cultura Sergio Gaddi, a Vienna a caccia di quadri di Rubens per la prossima mostra: Non si pu nemmeno fare un paragone con Lecco, perch Como una citt mentre Lecco no. L'errore pi grave che possiamo commettere rapportarci a realt di provincia, abbiamo un patrimonio che ci consente di guardare alle metropoli italiane ed europee. Il nostro unico problema la mentalit, non riusciamo ancora a valorizzare al meglio le tante eccellenze comasche. Ma col tempo miglioreremo. Il presidente di Univercomo Giacomo Castiglioni commenta: Concordo con Vitali sul fatto che i lecchesi abbiano fatto meglio di noi sulle infrastrutture e aggiungerei il campus universitario, visto che loro sono partiti e noi no. Per il resto, la sponda lecchese davvero meno accogliente e meno turistica, Como vince nettamente anche se non tutti i comaschi colgono fino in fondo la bellezza della citt.
Michele Sada



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news