LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI E il caso che la Provincia esca da Bagnolifutura. Nel mirino laumento delle volumetrie per le abitazioni
Espedito Vitolo
06 dicembre 2009, corriere del MEZZOGIORNO

Lintervista. Rispoli: dal Comune artifici ai limiti della legalit





Bagnoli avrebbe dovuto unire la citt e le istituzioni in un progetto unico dal quale ripartisse la rinascita. Un angolo meraviglioso del Golfo da risistemare dopo la morte dellItalsider. E invece tutto ancora l. A sottolinearlo, meno di un mese fa, anche la Corte dei Conti: La trasformazione urbana - scrissero i magistrati contabili - stata decisa fin dal 1994, ma ancora non stata completata nonostante la congruit dei finanziamenti concessi per oltre 259 milioni di euro (la spesa tuttavia stata solo del 30%). Ora la vicenda di Bagnoli, divide radicalmente Provincia e Comune. Luigi Rispoli, presidente del Consiglio provinciale, ha molte perplessit, soprattutto dopo lultima ordinanza del Comune di Napoli. Una vicenda, quella di Bagnoli spiega - che come tante altre che riguardano il Comune di Napoli, assume sempre di pi toni grotteschi ed inverosimili.

A cosa si riferisce?

Come si sa, il Comune di Napoli ha approvato il 23 ottobre scorso una proposta di piano attuativo per Bagnoli che, sostanzialmente, toglie cubature precedentemente destinate alla produzione di beni e servizi e le assegna alle abitazioni. La proposta, che nasce nella Societ Bagnolifutura, appare priva di una reale motivazione ed costruita su un presupposto pi che discutibile: a parit di numero complessivo di abitazioni si modificano solo le volumetrie.

Questo quali conseguenze comporta?

Ovviamente i carichi urbanistici effettivi non potranno che cambiare facendo variare a loro volta gli standard abitativi e soprattutto il valore dei suoli. In pratica facile comprendere che, a parit di volumetrie, mantenere lo stesso numero di alloggi vuol dire solo costruire case pi grandi il cui costo sar inevitabilmente maggiore.

In cosa consiste lo scontro con la Provincia?

La nostra amministrazione, guidata da Luigi Cesaro, non ha potuto non intervenire. Su proposta dellassessore Aniello Palumbo stata approvata pochi giorni fa una deliberazione con la quale vengono formulate, precise osservazioni destinate certamente a far discutere. Segnaliamo come il provvedimento adottato dal Comune costituisca una variante alle previsioni della strumentazione urbanistica generale.

In che modo?

I nostri tecnici hanno fatto una istruttoria; la Variante Occidentale, approvata a suo tempo dal Consiglio comunale, stabilisce per le residenze il limite massimo di 300mila metri cubi. Quindi, il Pua (piano urbanistico attuativo, ndr), in quanto tale, non poteva elevare questo valore a 515 mila metri cubi perch tale variazione si configura in maniera inequivocabile come una variante. Gli uffici provinciali, inoltre, hanno anche evidenziato come il Pua, nel momento in cui modifica la suddivisione contenuta nella tabella prevista dallarticolo 23 della predetta Variante, compie un atto che si configura come unulteriore modifica al Prg, di competenza, quindi, del Consiglio comunale. Infine, anche la previsione relativa allassenza di incremento urbanistico proposta dal Comune viene sconfessata. Infatti, applicando correttamente i parametri risulterebbe un aumento degli abitanti pari a 2156 unit che obbliga a un incremento delle aree da destinare a standard abitativi. Insomma, con la delibera approvata dalla Giunta comunale ci troviamo di fronte non solo ad un artifizio urbanistico a nostro avviso ai limiti della legalit, ma anche di fronte ad un nuovo e pericoloso esautoramento del Consiglio Comunale che, visto quanto rilevato dalla Provincia, dovrebbe essere invece competente sulla materia.

Sono accuse gravi.

No, lintervento di unamministrazione ormai al capolinea che pretende di decidere le sorti e il futuro di Napoli e dellintera provincia. Alla luce di tutto ci, che dimostra tra laltro ancora una volta come si intendano le relazioni interistituzionali da parte del centrosinistra, non possiamo che porci seriamente il quesito se valga effettivamente ancora la pena come amministrazione provinciale di restare nellormai calderone Bagnolifutura .



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news