LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sar il nuovo Polo della cultura - Ex Magazzini, 30 milioni e nasce il polo culturale
Marted 01 Dicembre 2009 L'ARENA






Il regno dellarcheologia industriale diventer il Polo culturale di Verona. Si trasforma lex stazione frigorifera, con le celle attorno alla cupola centrale, degli ex Magazzini generali (nella foto). La Fondazione Cariverona, proprietaria del complesso, esteso 100mila metri quadrati con 300mila metri cubi di fabbricati, d il via libera al recupero del compendio. Unarea vincolata dal ministero per i Beni culturali. A firmare il progetto di restauro, presentato ieri di fronte allamministrazione comunale. larchitetto svizzero-italiano Mario Botta, noto nel mondo come autore di riqualificazioni di ex siti industriali ma anche di nuovi edifici e palazzi, come il museo Mart di Rovereto. Il presidente della Fondazione, Paolo Biasi, prevede: Lavori fra un anno: costeranno 30 milioni e per concluderli ci vorranno quattro-cinque anni.



IL FUTURO DI VERONA SUD. Presentata in Fondazione Cariverona la ristrutturazione dellintera area in Zai




Progetto firmato da Mario Botta. Le ruspe tra un anno, nel 2014 la fine dei lavori. Biasi e Tosi: iniziative condivise, si va avanti

Il calore di uno spettacolo teatrale l dove il ghiaccio conservava frutta e verdura. Da tempio dellarchitettura industriale, da decenni fatiscente, a luogo di cultura e incontro fra persone. Che potranno assistere a una commedia, a un concerto o a un convegno, ma anche a defil di moda e mostre darte, o pattinare sul ghiaccio. Con un tocco di classe in pi: un enorme roseto dentro il quale si potr passeggiare, rivolto a viale del Lavoro, con un fronte di 300 metri.
LA FIRMA. Si trasforma lex stazione frigorifera, con le celle attorno alla cupola centrale, degli ex Magazzini generali, di fronte alla Fiera. La Fondazione Cariverona, proprietaria dellintero complesso esteso 100mila metri quadrati con 300mila metri cubi di fabbricati, d il via libera al recupero del compendio. Interamente vincolato dal ministero per i beni e le attivit culturali. A firmare il progetto di restauro larchitetto svizzero-italiano Mario Botta, noto in tutto il mondo come autore di riqualificazioni di ex siti industriali ma anche di nuovi edifici e palazzi, come il museo Mart di Rovereto.
Botta, con lingegner Claudio Modena che lha coadiuvato, illustra il progetto nella sede della Fondazione Cariverona, ospite del presidente Paolo Biasi. Presenti il sindaco Flavio Tosi e lassessore allurbanistica Vito Giacino, il direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici del Veneto Ugo Soragni e il direttore generale della Fondazione, Fausto Sinagra. La sala di Cariverona, in via Forti, tappezzata con i disegni di Botta ed arricchita da un plastico in legno dellauditorium e polo culturale che verr ricavato nellex cella frigorifera. Fra un anno, perfezionato il progetto, puntiamo a cominciare i lavori, spiega Biasi, che ci costeranno 30 milioni. Per concluderli ci vorranno quattro-cinque anni. Con Tosi Biasi concorda: Progetti condivisi, si va avanti.
TRE FASI. Botta illustra la scelta per il recupero, cio trasformare il vecchio sedime dellintero complesso industriale degli ex Magazzini Generali in uno spazio per la citt, limitando al minimo le demolizioni allinterno del lotto e rinunciando anche a costruire ex novo edifici lungo viale del Lavoro, gi previsti dal nuovo Prusst.
Il roseto, formato da un parterre di aiuole ondulate, sar delimitato da una serie di porticati, collegando le varie funzioni del futuro complesso. Tra cui la stessa Fiera, che sar connessa allarea degli ex Magazzini con un nuovo sottopassaggio. Botta spiega cos le tre fasi del progetto. Si comincer dal giardino-roseto insieme ai porticati e al sottopassaggio, quindi alla cupola, che ha un diametro di 100 metri.
Lex stazione frigorifera, allesterno, rester intatta. Verr invece sfruttato lo spazio sottoterra, scavando per sei metri e mezzo. Grazie al progetto strutturale preliminare firmato da Modena, allintera struttura verranno assegnate tre funzioni distinte. Al primo piano ci sar uno spazio espositivo di 3.000 metri quadrati. Al piano terra e sottoterra un anfiteatro da 2.000 posti e una sala banchetti, da circa 1.000 posti, che sar ricavabile grazie a un sistema flessibile per spostare le gradinate, facendole arretrare. In pratica, si otterr unenorme sala con due funzioni. Ad anfiteatro, quindi con le tribune, potr ospitare spettacoli teatrali e musicali, convegni, defil di moda. Nel modello senza tribune, quindi a sala piana, sar per banchetti (con una cucina a lato), sala da ballo, spazio per mostre e un mercato. Oppure, suggerisce Botta, in memoria dellantica funzione di fabbrica del ghiaccio, con un pavimento specializzato la sala ospiter anche una pista da ghiaccio.
Al piano terra, nellanello circolare attorno alla sala, ci sar un foyer con locali acessori per i grandi eventi, quindi biglietteria, guardaroba, caffetteria, sale dattesa, negozi e servizi. Al primo piano, a quota sette metri e 60, ci sar quindi uno spazio espositivo, disposto a cerchio, con sale a forma di trapezio alternate a gallerie rettangolari. Il polo culturale agli ex Magazzini decolla. E Verona sud si trasforma.



news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news