LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma e l'ingegnere dell'archeologia
Giuseppe Chiarante
l'Unit 27/6/2004

Quando nel 1976 Adriano La Regina (a quel tempo ancora molto giovane per un incarico di tanta importanza) assunse la direzione della Soprintendenza archeologica di Roma, la citt offriva ai visitatori - per quel che riguarda le memorie dell'antichit - assai meno di quel che ci si poteva aspettare dal luogo archeologico pi importante e pi rinomato del mondo.
Certo, c'era il Colosseo, c'erano il Foro Romano e il Palatino, i famosi Archi e le famose colonne; e c'erano le grandi collezioni archeologiche dei Musei Vaticani e dei Capitolini.Ma per quel che riguarda l'iniziativa statale, le condizioni del Museo Nazionale Romano dislocato nel Terme di Diocleziano erano molto precarie e gran parte delle raccolte non era visibili; mentre le grandi campagne di scavo e di ricerca, iniziate sin da quando Pio III nel 1803 aveva deciso di trasformare in area monumentale l'antico Campo Vaccino, erano in pratica sospese.
Oggi la situazione di Roma ci appare radicalmente mutata. Il Museo Nazionale Romano ha trovato una adeguata collocazione in Palazzo Massimo, al quale si collegano i locali delle Terme e la Sala Ottagona. Ma i luoghi espositivi della Soprintendenza archeologica si sono moltipllcati, c' Palazzo Altemps, acquistato e degnamente restaurato, gi reso famoso dalle straordinarie collezioni che vi hanno trovato sede. C' la Cripta Balbi, con l'eccezionale testimonianza stratigrafica della storia della citt attraverso i secoli; c' il Museo Palatino; c' la Villa dei Quintili sulla via Appia. Nel frattempo stata ripresa intensamente l'attivit di scavo, di ricerca, di sistemazione monumentale e urbanistica in tutta l'area dei Fori e dei Palazzi imperiali (si pensi anche solo alla Domus Aurea). Il Colosseo stato ricongiunto ai Fori eliminando la parte della piazza che li separava; si avviato il progetto di un grande spazio archeologico dal Foro romano all'Ap-pia Antica; stata posta in atto, di fronte al pericolo della devastazione delle superfici marmoree dei grandi monumenti prodotta dall'inquinamento, un'intensa campagna di restauro che ha riguardato, tra l'altro, gli archi di Tito e di Costantino e le Colonne Traiana e Antonina.
Tutte queste realizzazioni sono strettamente legate al nome di Adriano La Regina: non solo alla sua elevata competenza scientifica riconosciuta su scala mondiale, ma alla sua tenacia e al suo impegno di funzionario che ha sempre anteposto la tutela del bene culturale come bene di tutta la collettivit a qualsivoglia interesse particolare.
Certo, La Regina ha avuto la fortuna, proprio agli inizi della sua opera come Soprintendente di Roma, di poter lavorare in collaborazione con alcuni interlocutori di particolare intelligenza e qualit. Innanzitutto, al Comune di Roma, con due sindaci come Giulio Carlo Argan e Luigi Petroselli: due uomini cos diversi, l'uno grande storico dell'arte e intellettuale di altissimo valore; l'altro funzionario comunista impegnato con ogni sua energia per rinnovare l'amministrazione della Capitale, ma entrambi consapevoli che il patrimonio culturale era per Roma un'eccezionale ricchezza che andava salvata, potenziata, valorizzata al servizio di tutti i cittadini. Fu con Argan e con Petroselli che La Regina pot avviare quegli interventi di ripresa degli scavi, di recupero, di restauro che erano diretti a riproporre Roma archeologica non come un residuo del passato, ma come centro dell'assetto urbanistico della citt moderna.
Al ministero l'interlocutore principale fu Oddo Biasini, il ministro repubblicano che stato uno degli uomini migliori che si sono succeduti al Collegio Romano dopo l'istituzione, nel 1975, del Ministero per i Beni culturali e ambientali.
A quei tempi io ero in Parlamento; fino al 1979 come deputato, poi come senatore: sempre nella commissione Istruzione e Cultura, e con incarichi di partito - nel Pci - in questo settore. Ricordo bene il lavoro comune che svolgemmo con Biasini, sempre ascoltando i suggerimenti e i consigli di Adriano La Regina, per varare la legge del 23 marzo 1981 n. 92, sui monumenti antichi di Roma: una legge che stanziava una somma per quei tempi ingente e che prevedeva interventi non solo di recupero, di restauro, di sistemazione museale, ma anche di prevenzione e salvaguardia urbanistica, da svolgersi in collaborazione con gli Enti locali. Rammento in particolare la battaglia che fu necessario condurre, sino al voto finale in Parlamento, contro la resistenza della burocrazia ministeriale che - con l'appoggio di settori cospicui della maggioranza - avrebbe voluto che gli stanziamenti, sia pure con la destinazione per Roma, andassero alla Direzione generale, che li avrebbe amministrati e distribuiti. Era evidente il pericolo non solo di negative perdite di tempo, ma di mutamenti della finalizzazione delle somme (gi altre volte accaduto) e, comunque, di pressioni clientelari. Ci opponemmo, d'accordo con Biasini, e gli investimenti furono destinati gi nella legge alla Soprintendenza archeologica di Roma, con somme minori per la Soprintendenza di Ostia Antica, dell'Etruria meridionale, del Lazio. con quella legge che furono finanziate gran parte delle opere che prima ho ricordato.
Certo, una ripresa su larga scala del programma allora avviato e poi posto in atto nel corso di questi anni (su questi temi si aprir, il primo luglio, la mostra La citt moderna e il suo passato) richiederebbe ulteriori cospicui investimenti dello Stato, a integrazione del bilancio della Soprintendenza e di ci che pu fare il Comune.
Non ho per lo spazio per fermarmi, ora, su questi problemi; una cosa voglio invece sottolineare, a proposito dell'impegno di Adriano La Regina: ed la coerenza del suo comportamento, quale che fosse il colore politico del governo o dell'Amministrazione in carica. Conosciuto come uomo di sinistra, egli non ha esitato a scontrarsi con sindaci dell'Ulivo, come quando si opposto - giustamente - al progetto del Sottopasso di Castel Sant'Angelo; cos come giustamente ha sempre detto no agli speculatori che mettevano in pericolo i Beni culturali. Ma non era, per questo, il signor no: era ed un dirigente
consapevole del valore che il patrimonio archeologico di Roma ha per l'Italia e per tutta l'umanit.
Fra poche settimane Adriano La Regina, avendo raggiunto i normali limiti di et, lascer la direzione della Soprintendenza archeologica, proprio mentre si appena avviata l'esperienza della Soprintendenza autonoma. Mi domando se questo sia il momento pi opportuno per un cambio della guardia cos impegnativo. Non sarebbe saggio e conveniente - attraverso un contratto, come in altri casi accaduto - prolungare il suo incarico di dirigere la Soprintendenza ancora per qualche anno, in modo da consolidare l'esperienza della Soprintendenza speciale dotata di autonomia e di preparare in tempi adeguati un ricambio che sia all'altezza del compito?
Capisco che una proposta non consueta: ma che tuttavia ritengo giusto formulare.



news

17-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news