LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - Assistente tecnico museale non esiste pi
27/11/2009 IL MATTINO



Il personale che per anni ha curato queste iniziative in qualit di Assistente tecnico museale non esiste pi come tale, ma riveste la qualifica di Assistente alla vigilanza, sicurezza, accoglienza, comunicazione e servizi al pubblico al pari degli altri colleghi che ancora tutti noi definiamo per brevit e per affezione ad una vecchia dizione custodi.

Le 32 unit assunte nel 1999 nel Museo di Napoli (erano 1000 in tutta Italia) con una prestazione di lavoro a tempo parziale e con un orario di undici ore settimanali da rendersi in due distinte turnazioni, per garantire l'apertura al sabato e alla domenica delle sedi di servizio previste, prorogate di anno in anno con provvedimenti ad hoc, hanno visto finalmente, grazie al ministero e ai sindacati, trasformare dal 1 gennaio 2008 il loro rapporto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato.

Questa stabilizzazione comporta anche una sempre maggiore integrazione con il rimanente personale di vigilanza e l'accettazione delle regole alla base del normale svolgimento di questo tipo di lavoro. In qualche articolo si osservato che poche ore dedicate alle iniziative cui facciamo riferimento nulla tolgono alla fruizione del Museo, ma purtroppo non cos. L'attivit di questo personale su tre turni (mattina, pomeriggio, notte), con i riposi compensativi e con tutta un'altra serie di meccanismi abbastanza complessi che regolamentano le turnazioni, fa s che le ore dedicate a queste attivit (che prevedono anche ore aggiuntive per la fase di preparazione) distolgano una parte del personale dal servizio in sala, con il risultato che i visitatori del Museo potrebbero trovare, come spesso stato lamentato in passato, una parte delle sale chiuse per mancanza di personale. D'altra parte continuano i pensionamenti, non c' turn over e negli ultimi mesi accresciuta l'offerta degli spazi espositivi del Museo, cui si vanno ad aggiungere le mostre che questa prestigiosa istituzione ospita con continuit. Questa la situazione reale che ha portato alla dolorosa scelta di sospendere queste attivit, penalizzando in qualche modo, non certo per mancanza di rispetto, il pubblico napoletano, ma a favore di quel turismo da tutti invocato. D'altra parte non assolutamente escluso, verificate altre possibili alternative nella definizione dei turni di lavoro, che alcune delle previste iniziative possano comunque tenersi, previa informazione al pubblico attraverso le consuete modalit. In conclusione dispiace che al momento si siano creati dei disservizi, per i quali si chiede scusa, e che la situazione abbia assunto toni esasperati, non certo perch a rischio qualche posto di lavoro, come qualche quotidiano riporta, ma forse perch la decisione presa da chi scrive limita fortemente la nostra opportunit di crescita professionale, come dichiara la portavoce di questo gruppo di lavoratori che - va sottolineato - negli altri Musei di Napoli lavorano con le stesse modalit degli altri colleghi, garantendo innanzi tutto la fruibilit dei Musei. Soprintendente di Napoli e Pompei



news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news