LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MANTOVA - Ducale e Te, allarme pensioni
Stefano Scansani
Gazzetta di Mantova 26/11/2009

Si chiama riposo. Ma Mantova non dovrebbe proprio dormire. Entro l'anno vanno in pensione il sovrintendente ai beni artistici e storici Filippo Trevisani che responsabile di Palazzo Ducale, e Ugo Bazzotti, direttore del Museo Civico di Palazzo Te. Da un momento all'altro i due centri motori della citt d'arte (cio Mantova in quanto Mantova) perdono i registi e chiss se li vedremo cambiare, cio sostituire. Come, quando e con chi? Qui sta l'incognita e il malaugurato rischio dell'autunno delle prospettive, o meglio dell'inverno delle idee. Sarebbe deleteria qualsiasi incertezza sul da farsi, su chi candidare, su quale strada battere per gli imminenti avvicendamenti ai vertici della reggia gonzaghesca e della villa giuliesca. Ghiaccio secco sulle prospettive culturali ed economiche della citt. La predicazione svolta da Salvatore Settis nel suo Progetto per Mantova (Anno Domini 2007, 23 gennaio) verrebbe di conseguenza smentita o tradita. L'archeologo, direttore della Normale di Pisa, consulente del sindaco Fiorenza Brioni aveva infatti evidenziato come Palazzo Ducale e Palazzo Te siano i gangli del sistema museale, i posti dove si decidono la strategie della citt, luoghi primari dove Mantova fa la sua figura internazionale e - ormai chiaro - dove si tesseranno le prospettive di sviluppo di nuove teste, iniziative e attivit. I pensionamenti di Filippo Trevisani (nessuna conferma diretta, ieri ci ha detto di risentirlo la prossima settimana) e Ugo Bazzotti (che conferma) aprono immediatamente due situazioni che - nonostante le diverse competenze e i diversi referenti - sono fortemente collegate. Per quel che riguarda il nuovo titolare della sovrintendenza ai beni artistici e storici e di conseguenza di Palazzo Ducale la sfera ministeriale. Romana. Con i tempi politici ed economici che corrono e vista come stata risolta in via geografica la sostituzione di Luca Rinaldi alla sovrintendenza bresciana ai beni architettonici e del paesaggio, il domani dovrebbe almeno inquietare. A Rinaldi (mandato a Trieste) succeduto il sovrintendente ai beni architettonici e del paesaggio di Verona, Andrea Alberti. Il dicastero retto da Sandro Bondi ha quindi accorpato la pertinenza della Lombardia orientale (Brescia, Mantova, Cremona) all'area di Verona, Vicenza, Rovigo creando una macro-sovrintendenza a cavallo di due regioni. Per risparmio, e probabilmente per depotenziare gli uffici territoriali. Se vero che il sovrintendente ai beni artistici e storici di Verona, Fabrizio Magani, potrebbe essere il futuro titolare ad interim di Mantova, il nuovo assetto verr a coincidere con l'iniziativa gi in essere sui beni architettonici e del paesaggio: macro-sovrintendenza Verona, Vicenza, Rovigo, Brescia, Mantova, Cremona, ma con sede a Verona. Come se non bastasse Magani ha in carico pure il Friuli Venezia Giulia. Roba espansa, sconfinata, del tipo dal Manzanarre al Reno, dalle Alpi alle piramidi... Esito: Mantova perderebbe il quartier generale, la sede del sovrintendente, diventerebbe periferica, Palazzo Ducale non avrebbe pi una presenza di vertice e permanente, in loco, piazza Paradiso. Altre ipotesi circolanti pretendono invece che sia la sovrintendenza di Milano ad assorbire Brescia, Mantova e Cremona, nell'ambito di una logica pertinenza regionale. Circola anche il nome di Mario Scalini, sovrintendente a Modena e Reggio Emilia (dov'era prima titolare Trevisani), esperto d'armi e armature, conosciuto a Mantova anche per i suoi contributi alla Celeste Galeria del 2002-2003. La sensazione che circola negli ambienti che il ministero stia effettuando una politica di diminuzione dei dirigenti, di dismissione lenta ma pianificata. Una specie di devoluzione. E proprio in questo varco di incertezza e di potenziale disponibilit che l'amministrazione locale potrebbe inserirsi per promuovere la gestione comunale della reggia gonzaghesca che di propriet statale. L'esempio pi prossimo (e funzionante) a Venezia, dove il Palazzo Ducale condotto, fruito, promosso dall'ente locale attraverso una convenzione. Una qualsiasi incertezza in questa fase potrebbe rivelarsi fatale. Tra l'altro imminen te anche il pensionamento di Roberto Soggia, architetto, funzionario della sovrintendenza ai beni artistici e storici, che per decenni ha attivamente collaborato con il Comune e rappresentato un ponte costante gi ai tempi del sovrintendente, futuro ministro e ora responsabile dei Musei Vaticani Antonio Paolucci (Anno Domini 1986). E fuor di dubbio che su questa partita il Comune non pu contare sul professor Salvatore Settis che - in collisione con Bondi - si era dimesso dal Consiglio superiore dei beni culturali, strategico per la nomina dei sovrintendenti. Altro allarme a Palazzo Te. Va a riposo Ugo Bazzotti che oltre essere responsabile del Museo anche direttore del Mumm (Mantova Ufficio Musei Monumenti) e componente del comitato scientifico del Centro internazionale del Te nonch del cda. Il suo successore dovrebbe essere espresso da un concorso. Via Roma starebbe ragionando su un periodo di supplenza, con l'affidamento della villa giuliesca a Stefano Benetti, direttore del vicino Museo della Citt di Palazzo San Sebastiano. A fine mandato l'amministrazione comunale ha molto da lavorare.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news