LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"E' tutto fermo a 40 anni fa"
Amelia Crisantino
la Repubblica, Palermo, 23/6/2004

Al telefono, la prima reazione del professore Renda di stupore. Come, non esiste una legge per le biblioteche?. Lui il decano dei nostri storici, ma non solo. testimone privilegiato della storia siciliana dal dopoguerra a oggi, per molti anni stato eletto all'Ars. Aggiunge: Ci fu un momento in cui una legge stava per essere fatta, ci ho lavorato. L'incontriamo per una lunga chiacchierata, che parte dalle biblioteche e facilmente diventa un amaro bilancio della Sicilia di oggi.
Siamo negli anni 60 esordisce il professore. Io ero un comunista e per tante cose non contavo niente, ma avevo una certa influenza quando si parlava di cultura perch ero "quello che scriveva libri". Lavorai a tre disegni di legge: il primo, assieme al barone Agnello, fu sull'Orchestra sinfonica. Venne approvato per un voto. Inoltre preparai una legge sulla conservazione e la tutela di ville e castelli siciliani, che fall perch gestita male. Poi cominciai a lavorare per regolamentare la situazione delle biblioteche.
Perch non si arriv mai a licenziare la legge?
Mi dovetti dimettere, c'erano le elezioni politiche e mi presentavo al Senato. Era il giugno del 1968, nei due anni precedenti avevo lavorato con i dirigenti delle biblioteche per la preparazione del disegno di legge. Una volta andato al Senato affidai a La Duca, che nel '67 era stato eletto col Pci, il compito di portarlo a termine. Poi, non so cosa sia successo.
Mi sembra di capire che la sua era un'iniziativa personale. Lei lascia l'Assemblea regionale, e la legge sulle biblioteche viene dimenticata.
S, cos. Se ci fosse stato pi
tempo, se me ne fossi occupato prima, la legge si faceva. Fra le altre cose, volevo salvare il patrimonio librario confiscato alla Chiesa all'indomani dell'Unit. I libri erano nei magazzini, la biblioteca comunale di Palermo comprendeva un ' altra biblioteca segreta e inaccessibile. Se non ricordo male i libri erano ammassati nella chiesa di San Michele, una volta ci fu un'alluvione e i danni furono enormi.
Tutti questi libri, che fine hanno fatto?
Non lo so, andai al Senato e smisi di seguire queste vicende. Tornato a Palermo ho ricominciato a frequentare le biblioteche, ma come semplice utente. Voglio ricordare che allora la Biblioteca era nazionale, ed io ero contrario a che diventasse regionale. Ma il personale voleva passare alle dipendenze della Regione, perch gli stipendi erano pi alti.
Lo Statuto, che d alla Sicilia un'autonomia quasi statuale, si rivelato un ostacolo. Non crede?
Lo Statuto venne fatto dai siciliani, la preoccupazione era quella di creare una barriera che difendesse l'isola dal vento del Nord. la fotocopia in miniatura dello Statuto albertino, e c' la mostruosit dell'articolo 14, quello che attribuisce alla competenza esclusiva della Regione tutte le materie fondamentali. Anche l'ordinamento delle biblioteche.
Eppure lei sempre stato a favore dell'autonomia.
Io sono per l'autonomia. Ma faccio Io storico, e lo Statuto nato come elemento di conservazione, anche se i siciliani non ne sono per niente consapevoli. Volevano blindare la Sicilia. Col risultato che oggi l'Italia si aperta all'Europa ma la Sicilia rimane chiusa, all'Italia e all'Europa. E si continua sullo stesso solco. Non si capisce che, se non si cambia, sempre pi saremo prigionieri di una casta politica.
Una casta politica che non sembra all'altezza della situazione.
Vorrei correggere quest'espressione. Abbiamo una classe politica che non capisce la cultura, per esprime la societ che l'ha prodotta. Perch gli intellettuali siciliani sono un'aristocrazia molto qualificata, ma senza rapporti con la societ civile. Restano estranei. Quella siciliana una cultura straordinaria, senza alcun peso.
Eppure si parla tanto di identit siciliana, la si sbandiera ad ogni passo. Non trova che ci siano delle enormi contraddizioni?
C' attenzione per quello che fa immagine. Le biblioteche non sembrano abbastanza prestigiose, evidentemente. Cos si trascura quella che l'anima, l'essenza della cultura siciliana.
La Biblioteca centrale di Palermo era uno degli istituti pi prestigiosi d'Italia. Se lei dovesse tornare a pensare alla sorte delle biblioteche, che suggerirebbe?
Per prima cosa ci vuole una sede, quella attuale una vecchia e infelice sistemazione. A Roma s' costruita la nuova sede della Biblioteca nazionale, perch in Sicilia non si pu fare? Nessuna regione ha cos tanta storia come la Sicilia, e mancano le strutture essenziali. Abbiamo un prezioso patrimonio librario, si fa di tutto per ostacolarne la fruizione. E poi, naturalmente ci vuole una legge. Non sono all'Ars da 40 anni, mi sembra incredibile che non ci sia una legge. Che le cose siano rimaste per come le ho lasciate.
C' stato un tentativo, nel 1992. All'assessore Fiorino furono consegnate 50 mila firme. Anche allora c'era stato un appello, si chiedeva una legge per le biblioteche. Sono tante, 50mila firme.
Non significano niente, se manca una proposta di legge. Evidentemente l'assessore Fiorino non era la persona giusta per tale iniziativa. Ma cerchiamo di essere concreti. Bisogna trovare un partito, un deputato, insomma qualcuno che proponga la legge. Oppure, viste le attuali condizioni, si presenti una proposta a partire dall'iniziativa popolare. Anche questo si pu fare. Per evitare che ancora fra 50 anni non ci sia una legge per le biblioteche.



news

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news