LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Musei, la sicurezza un optional
Giuseppe Grifeo
Il Tempo, cronaca Roma, 23/06/2004

Dopo il furto al Vittoriano abbiamo voluto misurare il livello di sicurezza all'interno delle gallerie d'arte della capitale. Ecco un giro a campione fra le maggiori sale espositive della citt. Presi a caso quattro centri di grande richiamo, primi fra tutti i Musei Capitolini, si entrati ieri pomeriggio come normali turisti ma con un corredo che oltre alla macchina fotografica prevedeva anche un coltello. Non una lama di grandi dimensioni, otto centimetri di lunghezza e quasi due nel punto di maggior larghezza, ma estremamente affilata e con punta molto acuminata. Uno dei tanti coltelli che ormai compaiono nelle cucine italiane, in quei gruppi di lame in varia misura, estremamente raffinate ed efficaci nel taglio. In pi, preparandosi a questo test sulla sicurezza museale, oltre alla lama nascosta nel contenitore della macchina fotografica, ci si riempiti le tasche di parecchi mazzi di chiavi e monete. L'intento era di scoprire se i metal detector eventualmente presenti, fossero capaci di rilevare la massa metallica. In tal caso questo avrebbe rappresentato anche un tentativo di sviare l'attenzione dalla borsa con il coltello. Di rilevatori neppure l'ombra o, se erano occultati, non hanno dato l'allarme. Al Museo Capitolino telecamere e personale sono sparsi dovunque, ma facile trovare una falla nel sistema di sicurezza. Entrati alle 15 di ieri insieme a pochi turisti - nessuna fila per fare i biglietti - si sono potute ammirare le opere d'arte l contenute, le pregevoli decorazioni delle sale e fare sfoggio del fedele coltello. L'occhio delle telecamere non deve coprire ogni centimetro quadrato di camere e saloni. Tant' che si avuto il tempo di fare tre scatti tenendo in mano la lama, anche in uno dei saloni della Pinacoteca al secondo piano. L'operazione richiede ben pi tempo di quella che un qualsiasi malvivente o malato mentale potrebbe attuare per danneggiare una delle opere d'arte. Basta estrarre l'arma e lanciarsi contro il quadro, l'arazzo. Sempre che non si voglia far del male ai visitatori. Simile discorso al Complesso del Vittoriano per la mostra dell'artista Paul Klee, ma non stato possibile fare alcuna foto. I sorveglianti erano continuamente in agitazione. Il divieto (qui s) di fare foto rendeva impossibile immortalare il solito coltello che, comunque, continuava a farci compagnia spuntando con il manico dalla solita borsetta. Se si volevano fare danni, sarebbe stato possibile. Stessa operazione al Museo Nazionale Romano a piazza dei Cinquecento. Il personale dovunque e le telecamere suppliscono all'impossibile ubiquit dei sorveglianti. Purtroppo, o nessuno controlla i monitor, oppure gli obiettivi non coprono tutta l'area. Qui si potuta rifare la foto con il coltello. Poi si usciti dal museo in tutta tranquillit. Dulcis in fundo, la Galleria Nazionale d'Arte Moderna. Anche qui si pu fare di tutto. Le foto sono venute abbastanza bene e si potuta scegliere l'inquadratura. L'unica complicazione venuta dall'illuminazione non ottimale per scattare le immagini.



news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news