LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nell'archivio di Banca Intesa la memoria collettiva delle radici storico-culturali
Giovanni Bazoli, Presidente di Banca Intesa
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO 21-GIU-2004

Bazoli: patrimonio da conservare con amore


Come ben noto agli studiosi, ma intuibile anche dai non addetti ai lavori, gli archivi hanno accompagnato l'intera vicenda umana, fino a rivelarsi elemento indispensabile (e sovente ilfondamento) di ogni memoria collettiva.
La storia dimostra come la distruzione degli imperi scorra in parallelo con la dispersione o la perdita degli archivi, cos come viceversa nelle fasi storiale d riunificazione politica venga riscoperta l'importanza dei documenti.
Si pensi all'esperienza spagnola di Siman-cas, che prende avvio con Carlo V; oppure alla ricca legislazione francese che con la Rivoluzione stabilisce (il 12 settembre 1790) la nascita degli Archivi nazionali; o ancora alla scelta della Commissione Cibrario, nell' Italia postunitaria del 1874 di assegnare tutti i depositi archivistici del Paese alle dipendenze del ministero dell'Interno (dove resteranno incardinati sino all'istituzione, nel 1974, del ministero per i Beni culturali e ambientali).
Slmilmente, ancorch nella modesta prospettiva del caso in esame, pensiamo che potr servire a un'opera di ricostruzione storica - e insieme di riappro-prazione di una comune identit - il processo di unificazione che ha portato a dare una sede e una gestione amministrativa integrata agli archivi gi posseduti dalla Banca Commerciale Italiana, dalla Cari-pio e dal Mediocredito Lombardo (tre istituti di credito che erano stati capofila nei rispettivi settori: banche commerciali, cas-
se di risparmio e istituti di credito speciale), nonch dal Banco Ambrosiano ' Veneto, l'Istituto che si rivelato capace dell'operazione di aggregazione davvero singolare da cui nata Banca Intesa.
Pur non configurandosi come un nuovo trsor des Charles (per riprendere il suggestivo nome degli archivi reali francesi del-l'Antico Regime), l'Archivio storico di Banca Intesa costituisce un bene culturale - nell'accezione affermatasi negli ultimi decenni -davvero preziosi in quanto custodisce le testimonianze e rivela lo spaccato di una societ che, attraverso le complesse vicende di un secolo, ha preparato lo scenario del mondo in cui oggi ci troviamo a operare.
La dichiarazione di notevole intesse storico, con il conseguente vincolo di legge che la Soprintendenza archivistica per la Lombardia ha posto sul nostro patrimonio documentario, rappresenta un'indiscutibile conferma della, sua importanza, mentre non ci trova di certo impreparati al compito della tutela.
L'equipe interna della nostra Banca da
tempo impegnata nel compito di selezionare secondo criteri scientifici i fondi archivistici di maggiore valore, cos da renderli fruibili per gli studiosi di oggi e di domani.
Proprio in quanto bene culturale, ogni archivio - e quindi anche il nostro - esige che il personale addetto alla sua conservazione possieda una conoscenza organica e non solo episodica della materia: una specifica professionalit nei confronti delle esigenze degli u-tenti, la capacit di redigere inventori precisi e guide affidabili, la competenza e l'abitudine a interagire con altri depositi paralleli.
Solo a queste condizioni un archivio pu favorire un sapere diffuso e garantirne l'effettivo incremento.

L'obiettivo perseguito dal nostro Archivio, come dicevo in principio, quello di preservare e mettere in comune la memoria delle diverse radici storiche da cui scaturisce Banca Intesa, restituendo testimonianze autentiche e nel loro genere unione sulla vita socio-economica, culturale e politica di quei territori del nostro Paese in cui l'Istituto vanta antichi e capillari insediamenti.
Le tavole genealogiche e sinottiche elaborate dall'Archivio e presentate in questo volume ci aiutano in tale opera di ricostruzione; i verbali recuperati delle banche preesistenti (di cui sono sin d'ora consumabili i registri fino al 1945) consentono comparazioni .e collegamenti sin qui impensabili.
Ed davvero doveroso, a questo proposito, rivolgere uno speciale ringraziamento alle centinaia di collaborazioni - in servizio o in pensione - che hanno personalmente contribuito all'incremento dell'Archivio, mediante la consegna di documenti, libri, cimeli, fotografie e audiovisivi.
L'Archivio storico
concorrer al formarsi, a ogni livello interno della nostra Banca, di una coscienza unitaria, atta a superare le appartenenze diprovenienza e a stimolare la convergenza verso nuovi obiettivi, e nello stesso tempo potr offrire al management e a tutto il personale l'opportunit di riflettere su taluni eventi-chiave che si sono veriflcati lungo una storia che, come tutte le storie, segnala errori da non ripetere ed esperienze di successo da imitare. Sotto ogni aspetto, dunque, le molteplici storie degli istituti confluiti in Banca Intesa costituiscono un patrimonio da conservare e coltivare con amore.
sul ceppo di tale tradizione che si potr costruire con successo la ricerca dei nuovi modi di operare e delle nuove strade da percorrere, per continuare a meritare (o meglio per riconquistare ogni giorno) la fiducia del pubblico.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news