LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La sfida dei totem pubblicitari
Giantomaso de Matteis
la Repubblica - cronaca Napoli 20/6/2004

«Rimuovete immediatamente le colonne pubblicitarie in prossimità di vie e piazze storiche o in prossimità di palazzi e monumenti d'arte».
L'imperativo viene dalla Soprintendenza per i Beni e le Attività Culturali ed è diretto all'indirizzo di Palazzo San Giacomo, sede dell'amministrazione comunale. E proprio lì vicino, tra
piazza Municipio e la fontana di via Medina, di quelle colonne ce ne sono ben due. «Rimuoveteli», ordina il numero uno della Soprintendenza. Un ordine caduto nel silenzio. Perché sono passati quattro mesi e i "totem" informatutto sono rimasti lì dove erano stati installati. In aree di interesse storico, vicino a palazzi e chiese. Non si è mossa foglia, nonostante la minuta (oggetto: installazione di colonne pubblicitarie) è stata spedita a Palazzo San Giacomo in data 23 marzo al sindaco Rosa Russo Iervolino e all'assessore comunale alla Mobilità e Sicurezza Luca Esposito. «Questa soprintendenza», si legge nel documento, «comunica di aver accertato in strade e piazze di notevole interesse storico e paesaggistico l'installazione non autorizzata di numerose colonne pubblicitarie che con la loro presenza ne alterano il contesto». Leggi e codice alla mano, il soprintendente Enrico Guglielmo elenca le violazioni. E scrive che è vietato «collocare e affiggere cartelli o altri mezzi di pubblicità sugli edifici e nei luoghi di interesse storico e artistico, salvo autorizzazione ... »; che «lungo le strade e in prossimità di edifici o di luoghi di interesse storico e antico è vietato collocare e affiggere manifesti o altri mezzi di pubblicità, salvo autorizzazione e previo parere favorevole della Soprintentenza...»: che «nell'ambito e in prossimità dei beni ambientali è vietato collocare cartelli e altri mezzi pubblicitari se non previa autorizzazione della Regione...». Violazioni, tante: sul fondamento di decreti legge e decreti legislativi. Le cui sanzioni sono state rafforzate nel "nuovo codice". Infine, il cuore del "dispositivo": «si chiede a codesta amministrazione l'immediata rimozione delle colonne pubblicitarie che ricadono nelle aree rientranti suddette e in prossimità di edifici storici». E infine: «Si resta in attesa di urgenti assicurazioni per evitare che codesta Soprintendenza sia
costretta ad adottare i provvedi-
menti di cui agli articoli 133 e 165 del decreto legislativo 490/99». Che prevedono sanzioni amministrative e l'esecuzione d'ufficio. Firmato: il responsabile del procedimento Paola Bovier e il soprintendente Enrico Guglielmo.
Ma i "totem" sono ancora lì: nel centro storico, accanto a ville e funicolari, da via Toledo al Vomero. Non solo "chiacchierati", e secondo alcuni, "antiestetici": ma dannosi. Come quello di via Scarlatti: bloccò l'intervento dei vigili del fuoco durante l'incendio del negozio "Candido", a via Scarlatti. Il sindaco Rosa Russo Iervolino promise di rimuoverlo. E' ancora lì.
E' dal febbraio scorso che quelle colonne, alcuni delle quali ora dichiarate "abusive" dalla Soprintendenza, sono spuntate in tutta la città. Se ne contano circa 150. Furono commissionate dal comune alla società Jolly, la stessa dei nuovi tabelloni pubblicitari che tante polemiche hanno sollevato per alcune collocazioni inopportune. Sono firmate, come i tabelloni, da Alessandro Mendini. Uno dei primi fu installato a piazza Vittoria, davanti all'ingresso della villa comunale. Nuovo arredo urbano, fu la sintesi dell'assessore Luca Esposito. La società Jolly si fece carico di realizzare, oltre alle 150 colonne "totem", 102 quadri informativi per messaggi istituzionali, 20 chioschi in marmo, 250 paline pluriuso, 100 orologi, 500 transenne e 600 cestini portarifiuti, 200 panchine.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news