LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nuove proposte per il Biografico. Gregory: lo acquistino i comuni e i consolati all'estero. Vacca: un comitato per i fondi alla cultura.
PAOLO CONTI e GIULIANO GALLO
CORRIERE DELLA SERA 3 novembre 2009

Loccasione di quelle liete, e venata anche dl tenerezza: Andrea Treccani, il nipote del fondatore dell'Istituto dell'Enciclopedia Italiana, ha realizzato assieme al regista Andrea Prandstraller un documentario sul suo grande, straordinario nonno Giovanni. Immagini dell'istituto Luce, ma anche vecchie pellicole scovate in chiss quali cassetti di famiglia, per raccontare l'epopea di un industriale che come dice il presidente della Treccani Giuliano Amato era molto di pi che un mecenate. Perch un mecenate regala danaro, magari contando sul fatto di poterlo detrarre dalle tasse. Mentre Giovanni Treccani era un imprenditore che aveva investito nella cultura, ricorda Amato. Ed ecco che l'occasione lieta e tenera di colpo diventa attualissima, perch il dibattito di questi mesi, a volte dibattito aspro, ruota proprio attorno a questo concetto: ha senso investire ancora nella cultura? In concreto: il monumentale Dizionario biografico degli italiani, nato nel 1960 e arrivato dopo mezzo secolo alla lettera M e al volume numero 73, deve andare avanti o deve chiudere? Franco Tat, amministratore delegato della Treccani, pochi giorni fa era stato drastico: E un'opera fuori dal tempo. Giuliano Amato e Tat avevano dunque proposto di affidare la stesura delle nuove voci a studiosi volontari, che lavorassero a titolo gratuito. Non prima di aver chiuso per sempre il lemmario, bloccando cos lelenco dei nomi da inserire. Perch il Biografico, come lo chiamano con affetto gli addetti al lavori, perde 630 mila euro l'anno e vende appena duemila copie. Tullio Gregory, filosofo, accademico dei Lincei ma soprattutto uomo dell'Enciclopedia da cinquant'anni, nel raccontare l'epopea di Giovanni Treccani, ribadisce che l'istituto non una casa editrice, ma un ente che fa cultura. E dunque non pu essere gestito con logiche economicistiche. Un'idea per la verit il professore ce l'ha, per salvare comunque il Biografico: Basterebhe che tutti i comuni e i consolati sparsi per il mondo comprassero una copia l'anno. Si tratta di una spesa di 700 euro, E poi, ricorda Gregory, un passivo di 600 mila euro su un bilancio di 73 milioni non una cosa insostenibile. L'errore, secondo lui, stato quello di non considerare fin dall'inizio che il Iitografico non era un'opera per privati cittadini, ma per le istituzioni: lo ad esempio a casa ho 30 mila libri, sparsi in otto stanze, ma il Biografico non l'ho comprato. Una linea che Giuseppe Vacca, presidente dell'istituto Gramsci, ma anche consigliere di amministrazione della Treccani (indicato dal Monte dei Paschi di Siena), sembra condividere in pieno: L'Enciclopedia italiana ha indubbiamente una duplice natura. Una privatistica, obbligata giustamente a finanziarsi e a trovare la propria ragion d'essere sul mercato. Penso alla Grande Enciclopedia che in attivo, poich viene acquistata non solo da istituzioni pubbliche o private, ma ancora da famiglie che la individuano come strumento di crescita culturale e promozione sociale. E penso a molte altre collane, tutte inattivo. Poi c' la missione istituzionale, il perno della rielaborazione culturale nazionale, che certo non dev'essere conservativo, ma anzi deve avere una struttura enciclopedica. Qui c' il Dizionario, una grande impresa culturale nazionale. Ma impossibile immaginarlo in un dialogo col mercato. La sua proposta per pi complessa e diversa di quella di Gregory: Nominare una stringata commissione composta dal governatore della Banca d'Italia, dal presidente dell'Accademia dei Lincei, da un grande intellettuale che rappresenti la vetta nel suo settore, penso a un Cesare Segre. E affidarle il compito, rispondendo al presidente della Repubblica e al presidente del Consiglio, di certificare il valore nazionale d un'opera culturale destinata ad essere in perdita e quindi di legittimare un finanziamento pubblico. Pu funzionare per la Treccani, ma anche per altre grandi realt culturali, fatalmente destinate a non sostentarsi col mercato. La presenza del governatore della Banca d'italia avvalorerebbe ancora di pi la sostenibilit economica dell'impresa.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news