LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA. Palazzo Ducale, finanziamenti nel 2010 La Regione rallenta il restauro
ILARIA BONUCCELLI
30 OTTOBRE 2009, IL TIRRENO - LUCCA

Piuss, non considerato prioritario il recupero delle carceri del 1600 e del cortile degli Svizzeri





Due milioni per trasformare palazzo Ducale in un museo con prigione del Seicento, per rendere il cortile degli Svizzeri una sorta di arena estiva degli spettacoli e per creare un centro per le arti allinterno della Manifattura Tabacchi. La Provincia si fruga in tasca per co-finanziare i due progetti di riqualificazione degli immobili del centro storico, per i quali la Regione ha concesso circa 3 milioni di contributi comunitari, attraverso il bando Piuss. Ma i lavori non partiranno subito. Non quelli di palazzo Ducale, per lo meno: infatti, il recupero delledificio stato inserito da Firenze tra i progetti funzionali alla riqualificazione del centro storico, quelli non prioritari da finanziare (con calma) il prossimo anno.
Una sorpresa dellultimo momento che la Provincia non sembra aver gradito troppo, anche in considerazione del fatto che su Palazzo Ducale gli interventi di manutenzione sono gi in corso. In compenso, la realizzazione del centro di aggregazione nella ex Manifattura fra i progetti prioritari, per i quali i fondi comunitari arriveranno subito. Sempre che il progetto esecutivo venga redatto nei 120 giorni dallapprovazione della graduatoria degli interventi finanziabili.
PALAZZO DUCALE La progettazione esecutiva - annuncia il presidente della Provincia, Stefano Baccelli - verr affidata ai tecnici interni. Lobiettivo di questo intervento di valorizzare quanto gi stato investito nel recupero del palazzo storico pi importante della citt. Per questo - ammette Baccelli - ci ha sorpreso che il restauro sia stato inserito dalla Regione fra le operazioni non prioritarie, quando gli stessi tecnici fiorentini lo avevano definito un progetto interessantissimo. E articolato. Tre, infatti, sono gli interventi previsti per la valorizzazione del palazzo.
Sottotetto: qui sono state scoperte le tracce del carcere del 1600. Il piano, secondo quanto risulta da una pianta del 1629, era utilizzato proprio come prigione del palazzo, con 10 locali: 7 per uomini e tre per le donne. Lintervento di recupero, in questo caso - evidenzia Baccelli - finalizzato a trasformare questa parte del palazzo in una specie di museo, aperto alle visite. Fra gli elementi interessanti rinvenuti, oltre al carcere in s, anche le iscrizioni a pennello sulle pareti, risalenti al XVII secolo.
Muro esterno: un progetto specifico riguarda il recupero della parte esterna del muro ovest del palazzo, quello affacciato su via della Corticella e quindi su piazza San Romano. Si tratta - spiega Baccelli - della parte pi antica del palazzo, la cui esistenza era documentata gi nel 1337. Dopo la scoperta dellaquila araldica, anche emersa la decorazione a finte pietre sullesterno del cortile, a conferma che il muro esisteva gi allepoca di Castruccio Castracani (fra il 1316 e il 1328) o al pi tardi nellepoca di Paolo Guinigi (fra il 1400 e il 1430). Lipotesi sarebbe stata confermata, poi, nel 2003 quando stata recuperata la parte interna del muro. Purtroppo sono stati persi i documenti amministrativi dellepoca di Castruccio e quindi la datazione approssimativa. Ma quello che da rilevare - sottolinea Baccelli - che questo intervento di recupero importante anche da un punto di vista storico, oltre che architettonico.
Cortile degli Svizzeri: il progetto prevede il recupero della palazzina delle Guardie svizzere, oggi sede del comando dei carabinieri che verrebbe trasferita fuori citt. In questo caso - riprende Baccelli - lo scopo restaurare la palazzina per riservarla a uffici qualificati, come quelli della cultura. Si tratterebbe di uffici direttamente collegati alla nuova attivit del cortile che vorremmo destinare, soprattutto in estate, ad attivit teatrali. Il cortile degli Svizzeri, nel nostro progetto, destinato a diventare la sede del Giglio, per le attivit estive, musica compresa. Considerando la complessit del progetto e la sua importanza sia storica che architettonica - conclude Baccelli - non capisco come sia possibile che non sia stato definito strategico, tanto pi che palazzo Ducale la vera cerniera fra la ex Manifattura, il museo del Fumetto e il teatro del Giglio. In ogni caso, la Provincia si metter subito allopera per redigere il progetto esecutivo, in modo da averlo pronto. E poter aspirare a una promozione fra i progetti strategici, nel caso in cui qualche Comune non sia pronto fra 4 mesi con il progetto esecutivo di qualche intervento.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news