LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

AREZZO - La vita tempestosa dell'archivio Vasari
Arianna Di Genova
il manifesto 30 ottobre 2009, p. 12

BENI Inesistenza del compratore o vendita avvenuta?


Forse morto, forse no. Comunque il ricchissimo magnate russo che attraverso il suo intermediario avrebbe dovuto acquistare l'archivio Vasari per la cifra iperbolica di centocinquanta milioni di euro, sembra essere sparito. E l'affare per i venditori (l'archivio privato pur se sotto tutela della soprintendenza e con un vincolo pertinenziale che lo lega indissolubilmente alla Casa dell'artista che si trova ad Arezzo), probabilmente sfumato. Ma il giallo si complica. Secondo Alberto Marchetti, legale dei proprietari, l'affare stato fatto in proprio, non per conto terzi. Basta leggere il contratto. Non abbiamo nessuna comunicazione che il compratore sia diverso da quello che ha siglato l'accordo. Oggi l'avvocato andr in Russia; salvo ulteriori colpi di scena per, l'indagine aperta dalla procura potrebbe chiudersi per un vizio di forma della trattativa: inesistenza del cliente.
Nonostante l'assalto delle tv e lo stress da notizia per un patrimonio storico e un luogo (la Casa Vasari) che di solito non conquistano la ribalta mediatica, la soprintendente ai beni archivistici della Toscana Diana Toccafondi affronta volentieri la questione, puntando soprattutto su un fatto: in Italia, degli archivi - tesoro della memoria inestimabile - si parla poco e si sa ancora meno. Non si conosce per esempio tutto il lavoro che c' dietro ogni carteggio conservato, la solerzia con la quale i funzionari dei beni culturali seguono le vicende (e prevengono le loro patologie) di lettere, conti, ricordi di personaggi del passato, al centro di intrecci di piccole storie private e di quelle pi grandi. Cos, l'archivio Vasari - carte private, appartenenti al conte Giovanni Festari, ultimo erede della famiglia Spinelli, deceduto il 17 ottobre scorso - non andato perduto anche grazie alla lungimiranza del Vasari stesso e dei suoi nipoti (i testi erano stati messi in ordine dai famigliari fino al 1687, poi molti vennero venduti e dispersi). Ma queste trentuno unit documentarie sopravvissute - tre sono finite a Yale - hanno avuto una vita tempestosa. Ritrovate nel 1908 in casa del conte Luciano Rasponi Spinelli, beni contesi per decenni con la Pia Fraternita dei Laici di Arezzo, vennero in seguito notificate a causa del loro interesse storico. Il conte le consegn nel 1921 in deposito perpetuo presso la Casa Vasari (immobile che lo Stato aveva acquistato nel 1915, adibendolo a museo), costituendo cos un unicum nel suo genere. Il deposito perpetuo per diventato l'oggetto di un contenzioso legale con gli eredi e il 6 luglio 2005 stato revocato, con tanto di riconsegna formale a Giovanni Festari. Riconsegna mai avvenuta perch a salvare l'archivio e le sue diciassette lettere con un Michelangelo anziano (Messer giorgio, amico caro, voi direte ben che io sie vecchio e pazzo, a vole' far sonecti; ma perch molti dicono ch'i son rimbambito, a far l'ufficio mio....), le missive al Granduca di Firenze, i carteggi con la cancelleria papale, i registri dei conti, stato il vincolo pertinenziale, quello che dal 1994, grazie ad un decreto Ronchey, lo lega alla Casa del pittore, architetto e storico dell'arte. Non si pu dare solo una valutazione economica di questo patrimonio, anche se appartiene ai privati - spiega la soprintendente Toccafondi - Il valore aggiunto proprio il posto dove si trova. E naturalmente, meno che mai pu uscire dai confini dello Stato.
Anche l'architetto Agostino Bureca, soprintendente ai beni storico-artistici di Arezzo, insiste sull'importanza di quel vincolo provvidenziale che, impugnato dai proprietari, stato confermato con una sentenza del Tar della Toscana. Resta l'incognita del futuro: un ministro potrebbe cambiare quel decreto ma, afferma Bureca, un'ipotesi tutta da verificare. Qui non si tratta di un vincolo paesaggistico, quindi di un bene in continua evoluzione. Il collegamento fra archivio e edificio architettonico qualcosa di costitutivo. In Italia non si riscontrano situazioni analoghe.
Casa Vasari, comprata dal pittore appena trentenne, oggi un museo che anche un raro esempio di casa d'artista del Rinascimento. Oltre a affreschi, dipinti e opere di manieristi, vanta anche un giardino all'italiana e un orto, gi in essere ai tempi del Vasari. Restaurata in passato, necessita per di altri lavori di consolidamento. Se questi verranno finanziati con un progetto speciale (i fondi ordinari del ministero, decurtati drammaticamente, non lo permetterebbero) la Casa si preparer a festeggiare il 2011, cinquecentenario vasariano.

Foto: PARTICOLARE DELLA CASA VASARI



news

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

20-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news