LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Non si chiude una biblioteca La protesta per il Biografico: la Treccani cultura, non mercato.
ANTONIO CARIOTI
CORRIERE DELLA SERA 27 ottobre 2009

Lappuntamento per dopo-domani. Gioved 29 ottobre si riunisce il consiglio d'amministrazione dellIstituto dell'Enciclopedia italiana e forse si capir se la Treccani vuole andare avanti nel progetto di trasformazione del Dizionario biografico degli italiani che tante perplessit ha suscitato fra gli studiosi. Di fronte all'intenzione, manifestata dal presidente dell'istituto Giuliano Amato e dall'amministratore delegato Franco Tat di ridurre drasticamente i costi, affidando la stesura delle nuove voci a studiosi volontari che lavorino a titolo gratuito, quanto peseranno le tremila firme raccolte su Internet dall'appello che chiede la prosecuzione dell'opera con i criteri attuali? Secondo Sandro Petruccioli, docente di Storia della scienza che ha diretto opere importanti per la Treccani, le obiezioni della comunit scientifica sono legittime. A suo avviso, dal Biografico non ci si possono aspettare ritorni economici straordinari, ma il nostro Paese pu permettersi di spendere un milione di euro l'anno per un'opera di rilevante valore culturale, che un modello per la ricerca storiografica. Analoga l'opinione dell'accademico dei Lincei Antonio Giuliano, professore di Archeologia e di Storia dell'arte greca e romana: ho firmato senza esitazione l'appello per il Biografico. Se nel campo della cultura valesse la logica di mercato, dovremmo chiudere gli archivi e le biblioteche, che non possono certo produrre profitti e sono un passivo per il bllancio pubblico. Non si pu interrompere o stravolgere un'opera di cui esiste lequivalente in tutti i grandi Paesi. Ci sono dizionari biografici per la Francia, la Germania, la Gran Bretagna: mi sembra ragionevole che lo Stato si accolli l'onere della sua realizzazione per l'Italia. Una nazione ha il dovere di illustrare i suoi personaggi di maggiore spicco. Petruccioli riconduce la questione a un dilemma molto netto: La Treccani vuol essere un istituto culturale o una casa editrice? Se vale la seconda ipotesi, si scelgano le prospettive migliori per attuarla; ma la Treccani ha portato nella cultura italiana qualcosa di diverso gi dal progetto originario di Giovanni Gentile. E questo deve essere tenuto presente, anche se si vuole rientrare in una logica aziendalistica. Le redazioni erano il cuore dell'Enciclopedia, questa era l'ultima. Evidentemente si vuole ricondurre alla normalit aziendale anche il Biografico. In effetti la redazione non pare avere di fronte prospettive felici. Si tratta di 27 persone, delle quali soltanto tre sono dipendenti della Treccani, mentre le altre lavorano con contratti annuali. La maggioranza dei redattori ha altre occupazioni, ma per alcuni questo impegno l'unica fonte di reddito. E non si tratta certo di retribuzioni favolose: in genere siamo sotto i 1200 euro mensili netti, senza tredicesima. Comunque il direttore della redazione, il giurista Mario Caravale, si dice disponibile a collaborare per abbassare i costi: Pi volte ci stata prospettata l'esigenza di fare economia e noi l'abbiamo accolta. Abbiamo predisposto un documento che propone una serie di misure per contenere gli oneri senza incidere sul lavoro redazionale, ma ancora non c' stata la possibilit di discuterne con Amato e Tat. Si tratterebbe di un taglio di spese per circa 200 mila euro all'anno, secondo le richieste che ci sono state rivolte. Ai Corriere per Tat ha parlato di un deficit ben maggiore, 630 mila euro annui, che renderebbe inevitabile il ricorso a collaboratori volontari. Mi pare un'idea leggermente ridicola obietta Giuliano che tra l'altro rischia di sacrificare i personaggi minori, mentre il Biografica importante soprattutto perch fornisce conoscenze attendibili su figure poco note, che non devono essere dimenticate. Caravale invece non pregiudizialmente contrario al progetto di Amato e Tat: Per aggiunge bisogna mettersi nelle condizioni per attuarlo seriamente. Se ci si affida a disponibilit volontarie per scrivere le nuove voci diventa ancora pi necessario un controllo accurato per garantire che lo standard scientifico dell'opera resti elevato. In questo caso li lavoro di vaglio della redazione assumerebbe un'importanza superiore: invece di indebolirla occorrerebbe rafforzarla.



news

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news