LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO - Arte pubblica: c un piano
Gianni Ferrero
Torinoclick, Anno 3, n172 (581) - marted 6 ottobre 2009- Edizione delle ore 19,30

Approvate questa mattina dalla Giunta comunale le linee guida
per il piano di localizzazione delle opere di arte pubblica. Sono il risultato dellattivit della Commissione tecnico artistica, istituita nel gennaio dello scorso anno con lo scopo di monitorare tutti i progetti di opere darte pubblica.
composta dai responsabili di 14 Settori dellAmministrazione
comunale e dai direttori di Gam, Castello di Rivoli, Accademia Albertina, Artissima, direzione regionale per i Beni culturali e paesaggistici del Piemonte oltre al preside della II Facolt di Architettura.
Sono diversi gli indirizzi innovativi sottolineati nel documento:
in primis la possibilit aperta anche ai giovani talenti di
potersi esprimere con opere destinate allo spazio pubblico con
la partecipazione a bandi di concorso e allestimenti temporanei,
anche, eventualmente, in concomitanza di grandi eventi. Saranno
inoltre individuate aree da destinare a movimenti artistici
contemporanei e zone per ospitare opere temporanee, consentendo
di dare, a rotazione, spazio a molti artisti verificando pure
limpatto e il gradimento delle opere. In questo caso il coinvolgimento dei cittadini sar fondamentale
per attivare un sentimento di compropriet e partecipazione.
Attivit preliminare della Commissione stata
lindividuazione dei criteri artistico-progettuali e gli assi strategici delle localizzazioni delle installazioni,
considerando che limpatto di unopera darte dovr essere
valutato secondo aspetti culturali e sociali, di effettiva opportunit, legati alla vocazione del distretto
(ad esempio tenendo conto delle aree verde, industriali, o residenziali) misurando inoltre il ruolo di contributo al riconoscimento identitario dei luoghi. Accanto
alla citt romana, alla citt dellarchitettura, a quella postindustriale Torino presenta territori
che necessitano di differenti interventi urbanistici e artistici: vi sono aree dove necessario favorire laggregazione, la partecipazione, la vita di comunit. Zone invece che abbisognano di trasformazioni, di riqualificazione urbana, di eliminazione del degrado.
In altri contesti, la collocazione di opere darte riveste un
valore di promozione e accentua il ruolo che Torino ha assunto nel
contesto del turismo legato allarte moderna e contemporanea
che lha portata a essere considerata una delle citt pi
importanti in Italia. Assi strategici di possibili localizzazioni di opere darte sono le Spine. Ambiti di maggiore interesse urbanistico oltre a disegnare le nuove linee prospettiche allinterno della citt e, fra Torino e i comuni limitrofi,
le Spine costruiscono immaginari punti di fuga adatti ad accogliere sistemi di opere. Ne un esempio il viale della Spina 1: del progetto Artecitt, nato nel 1995,
fanno gi parte tre delle 11 opere previste, tutte riconducibili
allArte Povera. Opere darte troveranno sistemazione su corso
Francia: qui una matrice di riferimento unica potrebbe sottolineare la continuit della linea retta del corso. Opere darte saranno previste sul nuovo asse di corso Marche, un lunghissimo boulevard.
Anche lambito vasto dello Scalo Vanchiglia e del Quadrante
Nord Est che si estende sino ai confini con Settimo e San Mauro,
una volta completata la complessiva riqualificazione urbanistica,
ospiter numerose opere darte.
Fulcro dellattenzione sar soprattutto il percorso della futura
linea 2 della metropolitana. Il centro storico , racchiuso tra i
viali napoleonici, deve rafforzare il ruolo di sede di funzioni di rappresentanza e residenzialit. Sono previsti dalle linee guida interventi artistici sulle architetture, su frontespizi e facciate. Seguendo infine lesempio di diverse
citt europee e forti dellesperienza di Pareti ad arte,
manifestazione svoltasi nel 1998, saranno organizzati concorsi
internazionali per la riqualificazione di muri ciechi di edifici
pubblici e privati. Il documento approvato dalla Giunta sottolinea
anche limportanza di costruire affacci sulle aree prospicienti i
fiumi Stura e Sangone e di curare gli accessi alla citt dalle tangenziali: si tratta di Porte novissime
adatte alla collocazione di opere che rappresentino anche la storia e i simboli del territorio circostante.
Attenzione particolare poi infine dedicata alla via Lagrange,
luogo pedonalizzato ideale per la presentazione di sculture e installazioni e al Pav, il Parco darte
vivente. Il parco di via Giordano Bruno ospita installazioni legate al connubio arte-natura.
Unulteriore funzione sar quella di avvicinare il grande pubblico
allarte contemporanea, grazie allofferta del suo percorso espositivo allaperto, assimilabile al tessuto dellarte pubblica.



news

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

16-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 agosto 2019

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news