LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MESSINA - Requisitoria di un destro anomalo
DAvid Allegranti, interv. a Fabio Granata
il Riformista 04/10/2009

Fabio Granata, gi vicepresidente e assessore ai Beni culturali della Regione Sicilia, un deputato del Popolo della libert atipico. Unico del centrodestra a essere nella direzione nazionale di Legambiente, ho apposto venti vincoli paesaggistici, ho avviato le demolizioni nella Valle dei Templi. Ho bloccato per almeno quindici volte la riproposizione in giunta di norme di sanatoria sull'abusivismo. Ero odiato a destra e molto stimato a sinistra. Con l'onorevole Granata parliamo dei fatti tragici di Messina e dell'incuria civile di una intera classe dirigente locale che ha fatto scempio del paesaggio e del territorio. Per cominciare chiediamo a Granata che cos' cambiato da quando c'era lui ai Beni culturali siciliani. Risponde che il grande disastro urbanistico in Sicilia stato quello che ha caratterizzato gli anni 60, 70 e 80, con la totale mancanza di piani regolatori, di norme, di leggi. C' stata la cementificazione delle coste, l'abbandono dei centri storici, che ha significato una crescita incredibile dell'abusivismo edilizio. Oggi cresciuta una sensibilit diversa, per manca una visione strategica su come assicurare il recupero dell'inumane dissesto idrogeologico e urbanistico che attraversa tutto il Mezzogiorno d'Italia. Non un problema che riguarda solo la Sicilia, ma tutte le regioni ad altissima densit mafiosa. Il presidente Giorgio Napolitano ha detto che serve pi sicurezza piuttosto che opere faraoniche. Concorda? Parole molto sagge. Invece quelle del ministro Matteoli sull'inizio dei lavori sul Ponte dello Stretto mi sembrano del tutto inopportune. C' una questione di natura economica, ma soprattutto culturale. In tutta Italia, Mezzogiorno compreso, avevamo una straordinaria infrastruttara immateriale, che il paesaggio culturale, gravemente compromesso in quegli anni sciagurati dalla cementificazione: la pi grande delle operazioni che un governo che si identifica con la difesa dell'identit nazionale dovrebbe fare quella di recuperare questa immane porzione di bellezza andata perduta. Questa deturpazione del paesaggio ha trascinato il Mezzogiorno nel degrado etico attraverso il degrado estetico. Qual la sua proposta dunque? La pi grande opera pubblica per cui il Governo passerebbe alla storia quella del risanamento urbanistico, idrogeologico, ambientale e paesaggistico del Mezzogiorno. Quella la grande opera pubblica, non il Ponte sullo Stretto, a cui Berlusconi dovrebbe dire stop. Perch il Ponte pu essere anche una grande-sfida di innovazione e di modernit, ma deve collegare un contesto che modernizzato; a Mahnoe fanno un ponte di 16 chilometri che unisce la citt a Copenaghen, ma attorno non c' il degrado, non ci sono le frane, non ci sono le case abusive. La mia proposta concreta utilizzare i fondi del Fas per un grande accordo di programma quadro che abbia come ragione sociale la normalizzazione idrogeologica e urbanistica del meridione d'Italia, in particolare Calabria e Sicilia. Al primo punto dell'utilizzazione del Fas ci deve essere non la costruzione di un'altra autostrada, ma la regolarizzazione dei paesi a rischio idrogeologico, che in Sicilia sono circa 280, di cui 93 su 109 tutti in provincia di Messina. Colpa dell'abusivismo, che ha costruito sui corsi d'acqua, sulle montagne pi friabili. La pi famosa la collina del disonore di Palermo, dove ci sono ancora oggi centinaia di case abusive che non sono state sanate n demolite, e sono messe l, forse in attesa di un altro disastro. Il governatore Lombardo ha detto smettiamola di costruire male. E' una raccomandazione tardiva? Lombardo sulla tutela del paesaggio e sul blocco di alcune questioni ha rappresentato un elemento di discontinuit rispetto al recente passato, ma la classe dirigente diffusa, sia in Sicilia che in generale nel Mezzogiorno, non la pensa cos. Il problema la classe dirigente, il messaggio che continuano a dare agli elettori: parlano di sanatoria edilizia e di condoni. E' amaro dire che non servivano 20 morti o forse pi per arrivare a concludere che bisognava intervenire. Fino a ieri tutti si giravano dall'altro lato, facendo capire che era meglio sanarle queste case perch in fondo che male facevano. Ci vuole una classe dirigente che sappia dire di no, anche se significa perdere consenso. Che ne pensa del caso della barca del sindaco di Palermo Diego Cammarata, affittata in nero, e il cui skipper un dipendente pubblico assenteista? Cammarata, sul piano amministrativo e sulle grandi questioni, una persona onesta. Per basta una vicenda del genere, che denota quella mentalit, perch lui, per il suo onore e la dignit della citt, debba dimettersi. Oggi serve qualcosa di pi dell'onest. Serve la consapevolezza che chi esercita una funzione pubblica deve dare un esempio per stiperare il passato. E lui in questo caso, apparentemente stupido, non l'ha dato.



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news