LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO - La cappella della Sindone, via al restauro dopo dodici anni
Donata Bonometti
Il Secolo XIX

TORINO. Come se il fuoco fosse appena arretrato. Lasciando la pietra spaccata, le colonne frante, le pareti calcinate. Come se Torino fosse ancora attonita, per una notte e un giorno, attorno a quel braciere immenso dentro la cappella della Sindone. Sono passati dodici anni da quella sera di aprile quando si scaten la violenza del fuoco dove si conservava il telo della sindone, urna enucleata in un altare-sarcofago. Fu un eroico vigile del fuoco a entrare e portare in salvo la Sindone anche se, si seppe poi, l'urna di cristallo avrebbe potuto resistere almeno 180 minuti alla forza dell'incendio. Non c'era stata comunicazione in merito, ma in quel momento infernale l'assalto dei vigili del fuoco non poteva essere altro: fu fatale per l'apparato murario anche la scarica di acqua sui danni delle fiamme. La pietra si sgretol, sfarinandosi. La struttura fu ferita, 48 ore in preda alle fiamme, con un effetto camino micidiale. A sette mesi dalla nuova ostensione della Sindone, prevista nella primavera del 2010 e per la quale sono attesi oltre due milioni di persone, il via alla ristrutturazione della Cappella del Guarini. Dove la Sindone non torner pi, una volta concluso il cantiere. Perch dopo l'ultimo restauro, in cui fra l'altro sono state aboliti i rappezzi cuciti dopo l'incendio di Chambery nel 1534, il telo non pu pi essere piegato. Dunque non pu pi fisicamente essere accolto dall'urna nell'altare voluto dai Savoia. La Sindone rimarr srotolata, distesa per i 4,42 metri di lunghezza e il metro e 13 di larghezza, sopra una barella metallica, avvolta da gas inerti e dentro una teca monumentale. Per ora, nascosta da un drappo, sormontata da una corona di spine e dalla gigantografia del volto, nel Duomo e forse questa sar la sua sistemazione definitiva. La direzione regionale delle soprintendenze, il rappresentante del ministero dei beni culturali in Piemonte, Liliana Pittarello, a suo tempo componente del comitato tecnico scientifico del ministero sulla Sindone, con il soprintendente ai beni monumentali e ambientali il genovese Gianni Bozzo, e dall'architetto Mirella Macera, direttore del Castello di Racconigi e responsabile unico del cantiere della cappella del Guarini, ha aperto, al Secolo XIX, le porte di quella che fu la martoriata casa della Sindone. Oggi inaccessibile. Iniziano i lavori entro poche settimane e dureranno due anni: 25 milioni di euro, il finanziamento del ministero dei beni culturali, includendo anche opere di consolidamento gi effettuate, comunque un cantiere su cui sono puntati gli occhi del mondo: per quel che ha rappresentato dato il suo sacro contenuto, per quel destino crudele di devastazione, per le tecniche straordinariamente sperimentali che verranno applicate per restituire quelle stessa fattezze alla seicentesca cappella senza alterarne l'originalit. Un restauro che seguir un corso assolutamente innovativo. Anni di progetti e di studi per arrivare a questo risultato che oggi affronta la messa in pratica. Sar anche un importante e intenso cantiere della conoscenza spiegano gli esperti perch fin qui non c' letteratura n sulla particolare struttura, a canestro con mattoni ancorati a pietre da zanche di ferro, n sullo stravolgimento comportato da quel lungo e violento incendio. Comunque lo spettacolo di tragica bellezza. A causa del fuoco la pietra ha virato il colore, in alcuni punti quasi arancione. Immaginiamo l'abate Guarini, audace sperimentatore, realizzare questo monumento tutto in pietra nera e grigia di Frabosa per imprimere l'atmosfera del sacello funebre, ma la spinta verso l'alto dove la luce tempera il sentimento e alleggerisce la struttura. Un capolavoro che annichil anche i contemporanei. L'incendio ha reso ancor pi lugubre l'effetto, annerendo il nero. Ora si rimessa in moto la cava di Frabosa per cavarne conci che verranno sostituiti dove hanno funzione portante e per rifare le colonne esplose. Si posto subito, e lo si mantiene, un cerchiaggio alla cupola altrimenti sarebbe implosa, e per il paramento murario, laddove si sfaldato come unapelle ustionata, siusermateriale di integrazione lavorato in modo tale che acquisti la rigidit della pietra, ancorandosi a quel che resta dello strato murario originale del Guarini. Di cui hanno schedato 5454 conci e 6000 frammenti, una campagna di indagini capillare i cui dati sono entrati in un sistema informatico a disposizione della collettivit. Torneranno in parte al loro posto assicurano gli esperti della riabilitazione strutturale, staff composto da Paolo Napoli, Giorgio Macchi, Giancarlo Gan con l'architetto Salvatore Esposito.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news