LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Degrado, restauri e manutenzione. Lallarme di Piero Giovanni Guzzo, che ha appena lasciato la Soprintendenza
FRANCESCO ERBANI
GIOVED, 01 OTTOBRE 2009 LA REPUBBLICA - Cultura







"Si creano luoghi-spot governati con poteri straordinari"


I cani randagi? Sono ancora l e scorrazzano. Ma un anno e mezzo fa stato istituito un commissario per gli scavi di Pompei che doveva fare tante cose, e anche mandare via i cani. Invece sono ancora l, insiste Piero Giovanni Guzzo, che fino ai primi di settembre a Pompei era soprintendente. E il commissario? Il commissario ha realizzato un impianto di illuminazione, ha installato qualche fontanella e ha sottoscritto un accordo per acquistare i biglietti su Internet. Molti turisti se ne saranno serviti. Credo siano stati venduti nove o dieci biglietti.
Dopo quindici anni Guzzo, archeologo di grande fama, ha lasciato la Soprintendenza di Pompei (nel frattempo unificata con quella di Napoli). Non sono serviti gli appelli sottoscritti: Guzzo ha compiuto 65 anni e 40 di servizio e, nonostante ci fosse la possibilit che il ministro lo trattenesse al lavoro, questa possibilit Sandro Bondi non lha neanche considerata. Il ministero si sta orientando su programmi per i quali noi vecchietti non siamo affatto funzionali.
Quali programmi?
Quello della valorizzazione, per la quale stato chiamato un manager come Mario Resca. E quello dei commissariamenti. Mi sembra che il primo programma sia pi soft. Molto pi hard il secondo.
Vale a dire?
I commissari tendono a sostituirsi alle soprintendenze, le quali, contemporaneamente, vengono svuotate.
Nominando soprintendenti ad interim, accorpando uffici...
S, ma soprattutto non assumendo nuovo personale, con concorsi sempre pi rari e sempre pi lenti. Nei nostri uffici la media det supera i cinquantanni.
E con i commissari che cosa succede?
Le procedure vengono semplificate. Si introducono criteri discrezionali nella distribuzione di appalti e consulenze, in deroga alle norme vigenti. Insomma si creano postazioni che godono di maggior fiducia e politicamente molto utili.
Lei ha vissuto il commissariamento di Pompei.
Si era detto che Pompei era in condizioni di degrado assoluto. E si nominato un commissario. Il quale per non aveva fondi propri e per ogni iniziativa ha attinto da quelli della Soprintendenza. Il primo commissario, Renato Profili, ha in buona parte adottato il programma di lavori gi avviato dalla Soprintendenza, che dunque non stato considerato tanto sballato. Per esempio, si completata la ristrutturazione dellAntiquarium. Poi per, con 100 mila euro della Soprintendenza, il commissario ha potenziato lilluminazione su via di Villa dei Misteri, per evitare, si detto, che fosse affollata di prostitute. Il fatto che quella strada fuori dellarea archeologica. Dunque, con i soldi della Soprintendenza abbiamo finanziato il Comune di Pompei.
Dopo Profili arrivato Marcello Fiori, dirigente della Protezione civile, gi impegnato per il termovalorizzatore di Acerra e poi per la ricostruzione a LAquila.
Fiori lho visto tre, quattro volte.
Si dice che gli portassero la posta di Pompei a LAquila, che lui la firmava e poi tornava a Pompei. Inoltre con Profili collaboravano cinque persone, lo staff di Fiori arriva a dodici unit.
cos.
Ma i cani continuano a scorrazzare.
La competenza sui cani randagi regionale. Poi trasferita al Comune. Noi abbiamo proposto di costruire un canile, ma non si andati avanti perch la legge impedisce di costruire un canile se non in un luogo sgombro per un raggio di 500 metri. E a Pompei non cera nessun luogo simile.
Mi scusi, ma di fronte a questa e ad altre forme di degrado, lei non si mai sentito responsabile?
Quando stata istituita la Soprintendenza autonoma, a me stata lasciata la competenza scientifica. Ed stata istituita la figura del city manager cui erano affidati i compiti di gestione dellarea archeologica. Questa duplicazione delle responsabilit ha prodotto molti problemi: sono arrivato anche a presentare le dimissioni allallora ministro Francesco Rutelli.
Poi per le ha ritirate.
Fu il ministro a chiedermelo. Promise di risolvere la questione, ma poi non se ne fece nulla.
Con il Comune di Pompei avete avuto rapporti molto tesi. Come con il Santuario della Madonna.
Continuano a essere tesi. Noi avevamo avviato lo sfratto per morosit di chi aveva in concessione il ristorante. Ma non eravamo riusciti a ottenerlo. Profili ci riuscito con i carabinieri. Ma il concessionario ha fatto ricorso. E sa chi lo difende? Un avvocato che tutela il Santuario e lattuale sindaco di Pompei.
E da questa vicenda che considerazioni trae?
Sono arrivato a Pompei nel 1994. Da allora gli scavi sono tornati a essere un luogo di fruttuose ricerche, sono arrivati archeologi da tutto il mondo, abbiamo ricostruito la storia pi antica della citt. Ma il sito vive in una realt fra le pi difficili del paese. uno dei principali datori di lavoro e scatena interessi e appetiti. I dipendenti sono settecento, tre quarti dei quali sono custodi, che per non sono assunti dalla Soprintendenza, bens vengono dai ranghi del ministero. I criteri di selezione sono spesso clientelari o di tipo familistico. Se il commissario riesce a rompere questi meccanismi, ben venga. Ma mi pare che si sia fatto ben poco. A Pompei sono arrivati consulenti del commissario del tutto estranei alla tutela di un bene culturale, come larchitetto che aveva proposto di realizzare dei percorsi pedonali in tek. Ma siamo allaperto, abbiamo replicato, e poi striderebbero con il contesto. Lui, per la verit, ha cambiato opinione. Per non questo il contributo che ci si aspetta dal commissario.
Ma quali sono le priorit per Pompei?
Restauro e manutenzione. Andrea Carandini ha denunciato che ogni giorno si perdono 10 centimetri di Pompei. Non so se sia cos, ma comunque la salvaguardia il nostro compito fondamentale. Per il quale, per, ci scontriamo con una farragine di norme che prevede decine e decine di passaggi e con la sproporzione assoluta tra le risorse finanziarie e professionali e le necessit che abbiamo.
Servono finanziamenti e nuove procedure. A Pompei come altrove. cos?
Soldi e il tempo necessario per programmare gli interventi. Poi quale sia il soggetto appaltante secondario, limportante che ci siano competenze tecniche e standard da rispettare. Invece il ministero procede isolando una serie di luoghi-spot, da governare con i commissari, lasciando senza una linea precisa tutto il resto del patrimonio.
Sulla valorizzazione, per, il ministero ha investito.
A Pompei hanno proposto un accordo con Google per realizzare una "street view": si monta una telecamera su un mezzo che cammina per le strade della citt e cos chiunque, si dice, pu fare il suo viaggio virtuale a Pompei.
Serve a diffondere le bellezze degli scavi. O no?
Ma le bellezze di Pompei sono gli interni. La Casa del Fauno vista da fuori sembra una casa come le altre. Insisto: la valorizzazione di Pompei comincia con la messa in sicurezza di tutta larea archeologica.



news

23-06-2017
La Rassegna Stampa aggiornata al giorno 23 GIUGNO 2017

21-06-2017
Lettera aperta a Franceschini sulle demolizioni nel centro storico di Cosenza

17-06-2017
Presa di posizione dei Comitati tecnico-scientifici Mibact su stadio Roma e abrogazione vincolo

14-06-2017
Emiliani ricorda Olivetti

07-06-2017
Avviso per la selezione di un'associazione di volontariato

31-05-2017
Musei negati ai pensionati poveri, perch?

30-05-2017
Ne lavoce online si parla di musei

27-05-2017
A Giuliano Volpe il Premio Troccoli Magna Grecia

22-05-2017
ARCHITETTURA E DEMOCRAZIA - Incontro con Settis al Salone del Libro

15-05-2017
Al voto la nuova legge sulle demolizioni. E scatta l'allarme: "Si rischia l'abusivismo legalizzato"

11-05-2017
Appello urgente: Stanno demolendo la via Alessandrina

05-05-2017
RADIO 24 su economia dei musei

27-04-2017
Question Time di Franceschini

26-04-2017
Circolare n.15/2017 SG: Decreto del Presidente della Repubblica 13 febbraio 2017, n. 31, recante: Individuazione degli interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura semplificata.

26-04-2017
L'esportazione del patrimonio artistico della nazione e le post verit del ministro Franceschini, di Tomaso Montanari

24-04-2017
ELENCO DEI TECNICI DEL RESTAURO

21-04-2017
Un musical non valorizza il patrimonio

18-04-2017
CUNSTA - Patrimonio e calamit: la parte degli storici dellarte

15-04-2017
TERRITORIALMENTE - rassegna stampa

14-04-2017
REGIONE TOSCANA - nuova legge sulle agevolazioni fiscali per la cultura

14-04-2017
REGIONE TOSCANA - nuova legge sui distretti rurali

11-04-2017
Il DPCM per le nuove 200 assunzioni al MIBACT

11-04-2017
Sul sito di Emergenza Cultura, un intervento di Giovanni Losavio sull'art. 68 del ddl per concorrenza e mercato

05-04-2017
Impediamo che lo Stato ceda il patrimonio culturale italiano al mercato internazionale

02-04-2017
Legge annuale per il mercato e la concorrenza. Patrimonio culturale nazionale a grave rischio

01-04-2017
Sulla Digital Library affidata allICCD per decreto ministeriale: posizione di AIB, ANAI, Associazione Bianchi Bandinelli, AIDUSA, SISBB

28-03-2017
Trieste. NO al Parco del Mare: ultime news e chiusura della petizione

26-03-2017
Rete dei Comitati per la difesa del territorio - rassegna stampa 14-20 marzo

25-03-2017
Mozione del Consiglio Superiore dei BC: "Il patrimonio culturale il futuro dei territori colpiti dal terremoto"

19-03-2017
Reportage dalla zona del sisma: un patrimonio che muore

Archivio news