LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SAN BONIFACIO. Il sindaco: arriva il Piano casa
Mercoledì 23 Settembre 2009 PROVINCIA Pagina 23 - L'ARENA




Antonio Casu ha annunciato che il prossimo Consiglio comunale affronterà l’argomento, sulla base della legge regionale





Il prossimo Consiglio comunale di San Bonifacio affronterà il nodo del Piano casa regionale. Lo ha promesso il sindaco Antonio Casu, a margine degli incontri per la presentazione del nuovo strumento che dovrebbe, negli intenti della maggioranza che guida la giunta veneta, risvegliare l’edilizia e quindi l’economia.
L’iniziativa è stata organizzata dal Comune e ha visto come primo relatore l'assessore regionale all'Urbanistica, Renzo Marangon, che ha tenuto a sottolineare la finalità sociale della nuova legge, che mira a «risolvere l'attuale crisi edilizia, mettendo in moto subito l'economia, legge che per essere applicata deve essere approvata da ogni singolo Comune entro il prossimo 30 ottobre».
Il consigliere regionale Tiziano Zigiotto, presidente della commissione Urbanistica regionale, ha aggiunto che con la nuova legge sulla casa si darà lavoro a 100mila addetti, senza creare i temuti disastri ambientali perchè è destinata solo a zone già urbanizzate o a edifici vecchi e abbandonati, da realizzarsi anche con criteri di bioedilizia e di risparmio energetico, dando al cittadino, per la prima volta, la possibilità di superare la burocrazia».
Il tecnico regionale Vincenzo Fabris, commissario straordinario per l'applicazione della legge, ha chiarito che «saranno interessate circa un milione di abitazioni, per un giro d'affari superiore a 6 miliardi di euro; che la legge sarà applicabile anche a edifici non residenziali; che rimane escluso l'abusivismo edilizio per cui non sarà una sanatoria; che non faranno volume le pensiline o tettoie coperte di pannelli fotovoltaici, che in ogni caso le distanze tra gli edifici dovranno essere sempre rispettate».
Nell'incontro successivo sullo stesso argomento, organizzato dal circolo del Pd, non sono mancate le puntualizzazioni e anche qualche critica. Il consigliere regionale Franco Bonfante ha contestato «la concessione indiscriminata delle volumetrie a tutte le tipologie di edifici, dalle prime case ai capannoni industriali», ricordando che in altre regioni, come la Toscana, «il Piano casa prevede di aumentare di 70 metri quadri solo le prime case di abitazione». Ha fatto presente poi che «la legge genererà decine di conflitti di vicinato, con conseguenti strascichi legali; che chi vuole aumentare la propria casa a schiera dovrà convincere anche tutti gli altri proprietari ad aumentare la volumetria e così pure per i condomini».
Il sindaco di Mezzane, Antonio Domenico Sella, ha lamentato che il Piano casa veneto è stato «pensato solamente come piano economico e non come piano urbanistico e mette sullo stesso piano territori diversi senza tener conto delle diverse esigenze». Infine, il consigliere comunale Stefano Piccoli ha concluso dichiarando che «il piano casa avrebbe dovuto puntare molto più sulle ristrutturazioni, così da garantire un accesso alla casa da parte delle famiglie di reddito medio-basso e un maggiore coinvolgimento delle piccole imprese artigiane».G.B.





news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news