LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mercanti, aste o banche: tre vie per comprare arte
a cura di Giancarlo Orazioni
Il Sole 24 ore 31-MAG-2004

Dichiarazione dell'interesse culturale. All'articolo 13 del Codice dei beni culturali indicato che con questo atto si accerta la sussistenza delle caratteristiche che fanno rientrare il bene in quelli soggetti a questa disciplina; ne sono escluse le opere di autori viventi o la cui esecuzione non risalga ad oltre 50 anni prima. Viene notificata al possessore od al detentore del bene e contro di essa si pu ricorrere, sempre in via amministrativa ed entro 30 giorni.
Private banking. Offerta di servizi finanziari e non, di alta qualit, a un portafoglio limitato di clienti con bisogni finanziari e non, estremamente complessi in cui l'arte spesso ricompresa
Vincolo. Consiste in una limitazione del diritto di propriet su uri bene ossia nella sua non disponibilit in mancanza di particolari autorizzazioni o di determinate formalit. Pu intervenire sull'esportazione, sul restauro, sulla vendita. Di vincolo si parla in particolare per i beni di interesse artistico, storico, archeologico.
Wealth management. Gestione di un complesso equilibrio tra domanda e offerta di una molteplicit di servizi e prodotti, in cui quelli inerenti all'arte sono sempre present, che si intersecano tra loro e che consentono alla banca di divenire il centro di fiducia della propria clientela top
E soprattutto la voglia di investimento a spingere all'agguato i clienti delle gallerie di arte moderna. Secondo un'indagine sul mercato dell'arte contemporanea commissionata dalla Fondazione Agnelli, questa motivazione nel 1991 rappresentava il 44% dei casi (seguita dal collezionismo al 32% e dall' arredamento al 24%) e oggi arrivata al 51 per cento. Dati avvalorati dal fatto che tra il 1998 e il 2001 la ricchezza in arte detenuta dalle famiglie italiane, al lordo dell’inflazione, pi che raddoppiata, passando da 4.100 a 8.260 euro. Negli ultimi anni, inoltre, il crollo delle attese di elevati rendimenti dovuto a una Borsa estremamente volatile ha trasformato gli orientamenti dei risparmiatori italiani, i quali ora tendono a consolidare le proprie fortune indirizzandole verso investimenti sicuri. E l'arte uno di questi per le sue caratteristiche di bene reale, in grado di conservare il proprio valore anche in fasi di incertezza e instabilit
Ma se una persona vuole acquistare arte, investendo parte del proprio patrimonio in un dipinto, un arredo, un oggetto da collezione, a chi si pu rivolgere con tranquillit? Attualmente i principali attori del mercato dell'arte sono tre: i mercanti (di antiquariato/arte antica e di arte moderna/contemporanea): le case d'asta: le banche. Ecco le principali linee di funzionamento.
I mercanti. I mercanti di antiquariato e di arte antica sono obbligati dalla legge a rilasciare un attestato di autenticit e di provenienza del bene e molti di loro si sono dati un codice deontologico a maggiore tutela dell'acquirente: sono, quindi, responsabili in proprio di ci che vendono e dichiarano. Gli stessi adempimenti valgono per tutti quelli che trattano beni che hanno pi di 50 anni e, quindi, rientrano nella disciplina dei beni culturali, mentre non riguardano chi tratta l'arte contemporanea. Ma attenzione: con il Codice dei beni culturali entrato in vigore il 1 maggio scorso, qualcosa sta cambiando (si veda l'opinione del legale nell'articolo a fianco).
Le case d'asta. Le case d'asta operano come mandatarie dei proprietari delle opere poste in vendita e cosi non acquistano diritti n assumono obblighi in proprio: le sedute di vendita sono precedute dall’esposizione delle opere e accompagnate da un catalogo, che pu rappresentare un ausilio all'acquisto.
Dopo l'aggiudicazione non sono ammesse contestazioni per quanto riguarda l'autenticit e l'esatta attribuzione delle opere vendute, fatto salvo il caso provato, entro termini stabiliti, di contraffazione.
Talvolta le case d'asta agiscono anche in qualit di proprietarie del lotto o di parte di esso.
Il bene viene poi aggiudicato definitivamente al pagamento dell'ammontare totale del dovuto, ossia il prezzo relativo al lotto venduto in asta, pi la commissione d'acquisto e le eventuali spese di imballaggio e di spedizione.
consigliabile quindi conoscere bene la natura dell'acquisto per cui si vuole competere, leggere attentamente il catalogo della vendita, soprattutto le sezioni del glossario, delle commissioni e delle condizioni di vendita.
Le banche. Recentemente si sono affacciate sul mercato alcune banche che forniscono il servizio di ari advisory nella gamma di quelli offerti dal private banking: circa il 40% delle banche attive nella gestione patrimoniale avanzata dichiarano di farlo.Ma sono poche quelle che vanno al di l di una collaborazione con case d'asta o altri consulenti e che offrono un art advisory strutturato simile a quello tradizionalmente presente nelle pi blasonate case d'investimento estere.
bene anche qui informarsi in maniera approfondita su chi fa che cosa.
Uart advisory deve offrire la migliore sintesi tra passione collezionistica ed esigenze patrimoniali e necessita quindi di alta professionalit su ambedue i versanti.
Non solo sul rendimento si basa la convenienza
Per chi si vuole avvicinare r all'investimento in arte pu essere interessante avere un'idea delle dimensioni di questo importante comparto che non solo culturale ma anche economico. Giro d'affari. A livello globale si parta di una cifra intomo agli 8 miliardi di euro — spiega Stefano Stanzani responsabile del Laboratorio sul commercio dei Beni artstici di Nomisma — ma l'Italia ha poco peso in relazione alia enorme quantit di opere d'arte prodotte: una stima approssimativa del mercato nazionale porta a rilevare un movimento di circa 500 milioni di euro. C' da tenere comunque presente che la quota
che viene investita in opere d'arte nel mondo valutata intomo al 10% del totale degli investimenti.
Rendimento. E quanto pu rendere? Il tasso di rendimento pu essere ricompreso prudenaaimente tra lo 0,5 e il 10% ma i beni d'arte hanno altre caratteristiche che li rendono interessanti: non devono essere denunciati nella dichiarazione dei redditi, i liberi professionisti possono detraine le spese d'acquisto come rappresentanza analogamente alle aziende che ne possono chiedere la detrazione come costo di produzione, privati e societ non sono
soggette a tassazione sulle plusvalenze. Tra l'altro gli studi economici riconoscono una stretta correlazione tra i cicli del mercato dell'arte e quelli del mercato borsistico: La motivazione pi plausibile il disinvestimento di ricchezze finanziarie prodotte sulle piazze azionar! che vengono trasferite su mercati paralleli, tra cui quello artistico.
Nel quadro generale i mercanti sono in netta maggioranza rispetto alle case d'asta. Sui 500 milioni di euro — osserva Stanzani — 370 sono fatturati dai primi e 130 dalle case d'asta, di cui 52 sono attribuibili alle prime 10.
II gestore
Dall'art advisory una consulenza complessiva
I private banking italiano si sta sempre pi evolvendo e gli operatori pi dinamici hanno colto fin da subito l'opportunit di completare il servizio per la loro clientela primaria con l'art advisory. una consulenza che completa in maniera ottimale il cerchio costruito intorno all'investitore per la gestione completa del patrimonio in un'ottica di wealth management spiega Luca Mariani, componente del team dell'unit centrale private banking del gruppo Bipielle, particolarmente attento alle esigenze della clientela pi sofisticata tanto da dare vita anche un'apposita "boutique", la bresciana Banca Valori. I clienti pi facoltosi — continua Mariani — sono vicini ai beni artistici per vari motivi: eredit, investimento, status, passione. Ma spesso non hanno la visione complessiva dell'aspetto patrimoniale di questi asset il nostro ruolo, come consiglieri globali, valorizzare al meglio anche questa parte di ' fortuna, rivolgendoci sia ai privati sia alle aziende sia clienti istituzionali, con opzioni studiate e applicate su misura. Ma quali sono i servizi offerti dall'art advisory? il nostro gruppo ha un accordo con Artservice (societ per l'art advisory degli antiquari italiani) — continua Mariani — strutturato in modo da dare risposta a tutte le esigenze della clientela: stima e consulenza sui beni posseduti, proposte d'investimento personalizzato, cura delle operazioni di disinvestimento (anche con modalit complesse nel caso di valori ingenti che prevedano l'individuazione dell'acquirente e la messa a punto di strumenti finanziari ad hoc), conservazione, trasporto, esportazione, valorizzazione dei beni artistici. Il gruppo Bipielle ha anche realizzato un apposito programma di formazione per il personale che permette ai private banker di dare una prima risposta ai quesiti della clientela con curiosit artistiche. L'investimento in arte — conclude Mariani — consigliabile in un'ottica di bene reale e quindi di medio/lungo periodo, ma va evitato il fai-da-te: l'art advisory nato proprio per garantire affidabilit e trasparenza agli investitori e incentivare il mercato dell'arte perch raggiunge anche il risparmiatore che punta a un solo pezzo e poco impegnativo, cio chi, pur amando l'arte, teme di awicinarvisi in altri modi.
Novit anche per gli acquirenti dal Codice dei beni
Molte e importanti sono le novit contenute nel testo del Codice dei beni culturali entrato in vigore il 1 maggio scorso. Quali sono gli aspetti che riguardano pi da vicino gli acquirenti di beni artistici? Lasciando stare altri tipi di beni culturali — spiega Lavinia Savini che segue da tempo le problematiche legali del mercato dell'arte, a livello nazionale e intemazionale — l'articolo 11 a occuparsi di opere di pittura, scultura, grafica e di qualsiasi oggetto d'arte di autore vivente o la cui esecuzione non risalga a oltre 50 anni prima. Queste opere possono essere esportate (mentre le altre no) richiedendo l'autorizzazione all'apposito ufficio delle Sovrintendenze e dimostrando che sono dell'autore indicato e sono sfate eseguite nell'ultimo mezzo
secolo. C' da tenere comunque presente che per molti aspetti, anche di un certo rilievo, si rimanda a un decreto ministeriale che dovr essere pubblicato. Per quanto riguarda gli altri beni, cio quelli non esportabili se non per brevi periodi e soggetti a dichiarazione d'interesse culturale (si veda il glossario) sulla notifica del vincolo l'articolo 16 da 30 giorni di tempo per ricorrere, per motivi di legittimit o d merito; il ministero deve rispondere entro 90 annullando o riformando l'atto se accoglie le motivazioni presentate.
Un esempio di vincolo? L'articolo 71 (attestato di circolazione temporanea) impone un percorso ad ostacoli a chi voglia far varcare i confini nazionali a un bene culturale anche per fini non commerciali
(ad esempio una mostra): oltre a ottenere il permesso di uscita temporanea, il proprietario ha l'obbligo di assicurare il bene per un valore che il ministero ritiene congrue e di attivare una polizza fideiussoria a favore dell'amministrazione statale (oltre il 10% al valore accettato) che viene incassata se il bene non rientra nel termine stabilito.
Interessante la parte dedicata al restauro: Gli interventi di manutenzione e restauro sui beni culturali mobili e sulle superfici decorate di beni architettonici {cio gli affreschi) sono ora riservati in via esclusiva a chi riveste la qualifica di restauratore ai sensi della normativa vigente. Peccato che il disegno di legge per la riforma dell'insegnamento del restauro sia ancora al vaglie del Senato.




news

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news