LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Imprenditori della bellezza
Umberto Agnelli
Il Sole 24 ore 30-MAG-2004

Impresa e Cultura un tema che pu essere affrontato da tante diverse angolature. Molti di noi ricordano il dibattito che si era sviluppato in Italia sul finire degli anni Cinquanta tra gli intellettuali che gravitavano intorno alla rivista La Civilt delle Macchine. Oppure intorno all'esperienza olivettiana e a "Comunit". Un dibattito davvero "alto", forse una delle pagine migliori dell'Italia che usciva dalla ricostruzione e si avvicinava al miracolo economico. In cui le differenti posizioni politiche non si scontravano in polemiche faziose, ma riuscivano a delineare un certo nucleo di obiettivi condivisi. Democrazia industriale e programmazione economica erano i grandi temi. Prendevano parte i pi bei nomi della cultura italiana dell'epoca. Non pochi di loro erano stati convinti da Adriano Olivetti entrare in fabbrica, a fare impresa. I pi giovani, sono tuttora esponenti di spicco dell'ambiente culturale del nostro Paese. Anche se di industria e cultura non si sono, probabilmente, mai pi interessati. un peccato che quel dibattito sia venuto meno proprio in questi ultimi decenni, in cui non pochi dei valori dell'impresa — l'efficacia, il merito, la flessibilit, l'attenzione al cliente e ai costi — hanno permeato anche altri ambienti e altre organizzazioni. Sarebbe eccessivo dire che siano divenuti un patrimonio comune, ma certo che alcuni di questi valori sono oggi pi accettati e pi apprezzali. indubbio che, da questo punto di vista, l'impresa ha in qualche modo contribuito a "fare cultura". A fare cultura diffusa. Dedicher onesto intervento soprattutto al patrimonio artistico e al modo in cui il privalo e l'impresa possono contribuire alla sua conservazione e valorizzazione. sufficiente osservare come si stiano trasformando i musei e confrontarli con la situazione di vent'anni fa. Per rendersi conio che questo un mondo in cui, pur lentamente, la ricerca di una maggiore efficienza e redditivit, l'attenzione alle esigenze del visitatore stanno cominciando a farsi strada. Va riconosciuto che, nel trascorso decennio, non solo cresciuta la sensibilit collettiva e istituzionale nei confronti della tutela del patrimonio. Ma anche vi stato un dibattito vivace sulla sua salvaguardia e promozione. Per di pi, dalla legge Ronchey in poi, si assistito a una fertile produzione normativa con caratteristiche innovative.
Si deve per constatare che a fronte di un ricco dibattilo sui beni culturali e la loro promozione, di un atteggiamento favorevole all'intensificazione della collaborazione tra pubblico e privato, di una legislazione che ha introdotto positive novit — pur se qualche volta tra loro contraddittorie e spesso prive di regolamenti attuativi — le trasformazioni concrete sono ancora molto, molto lente. Di questa contraddizione dobbiamo prendere atto e cercare di uscirne fuori con ragionevole rapidit e buon senso. Il patrimonio culturale ben valorizzato e ben gestito una delle carte migliori dell'Italia del futuro, della sua immagine e anche della sua economia.
Uno dei fenomeni che testimonia la maggiore sensibilit di opinione pubblica e istituzioni verso il patrimonio storico artistico la nascita di molti nuovi musei locali. Una tendenza che emersa con forza
nell'ultima met degli anni Novanta : che prosegue con vigore anche aggi. Tendenza assolutamente positiva, perch dimostra un rinnovato attaccamento alle proprie radici, al territorio e alla sua promozione. Promozione come stimolo al turismo, anche se, non di rado, quella del turismo un'aspettativa alquanto sopravvalutata, specie per piccoli e non troppo originali musei. Promozione del territorio, soprattutto, verso un pubblico provinciale e regionale: come strumento d'uso intelligente del tempo libero, coinvolgimento di scuole, rafforzamento dell'identit e del senso d'appartenenza alla comunit.
Premesso dunque che ottima cosa l'apertura di nuovi musei locali o di piccoli musei volti a valorizzare nicchie particolari del "come eravamo" (collezioni di oggetti artistici o semplicemente "curiosi" lasciale da singoli privali), appare altrettanto evidente che si porranno, in breve tempo, problemi non piccoli di costi, di manutenzione, di afflusso decrescente di visitatori. Se non si tralla di musei di impresa, piuttosto difficile trovare un privalo che sia mecenate o sponsor di piccoli musei locali. verosimile che l'onere ricada principalmente sugli enti locali. Il rischio , in primo luogo, che questi musei minori, pur se realizzali con grande impegno, spesso con entusiasmo e notevole onere economico, conducano una vita asfittica. Per circoscrivere questo rischio l'unica via dimenticare i campanilismi e dare rapidamente vita a sistemi museali di area.
Il pi antico sistema museale inglese. Ha oltre un secolo di vita e riguarda la contea del Somerset: un territorio non pi vasto della Valle
d'Aosta. Nel Somerset non c' la Tate Gallery.
Ci sono una dozzina di musei minori: di cultura materiale alcuni, pi un museo archeologico e la collezione di un Ammiraglio nativo del luogo. Eppure il sistema funziona e ha acquisito una tale capacit di promozione da giustificare un impiego stabile per le 22 persone che vi operano. E un pubblico di visitatori che proviene da tutta l'Inghilterra.
Esempi concreti cominciano a esistere anche da noi. A Torino con la rete degli eco-musei provinciali e, pi di tutto, con l'abbonamento annuale a tutti i musei dell'area, grandi e piccoli, famosi o quasi sconosciuti, statali o comunali o privali. Che ha moltiplicato le presenze. In Umbria, dove il sistema museale regionale esiste da diversi anni e, oltre ad altre caratteristiche, ha quella di fornire i cataloghi e le pubblicazioni a ciascun museo della rete. In Friuli e pi specificamente in Gamia: dove tutte le raccolte espositive sono collegate da un biglietto forfettario e, ci che pi conta, collegate nella stagione estiva da un servizio di autobus-navetta. In Toscana, dove si stanno realizzando il sistema della Valle Cornia, del Mugello, di San Miniato, della Valdera.
Per non parlare di esempi stranieri, a cominciare da quello della Norvegia: che gestito dal ministero dell'Istruzione e dalle sue articolazioni decentrate e che ha raggiunto — nel 2000 — un risultato che ha dell'incredibile. I visitatori dei musei norvegesi — scuole in primo luogo — hanno quasi eguagliato il totale della popolazione norvegese: circa cinque milioni. Oppure dal sistema museale delle Fiandre, con la catalogazione unificata di tutte le collezioni della regione e con gli standard minimi di servizi che ogni museo deve garantire per fare parte della rete o usufruire dei fondi pubblici. O il sistema dei Castelli dei Paesi Catari in Francia. il cosiddetto sistema del Ping Pong, dove ogni sito "rilancia" il visitatore su un altro castello, con un biglietto unico e l'illustrazione di affinit storielle e differenze architettoniche o artistiche che lo caratterizzano.
Ciascuna delle 100 province italiane ha un patrimonio museale ben pi rilevante della Contea del Somerset. Si tratta di organizzare e collegare i musei, di farlo presto e di dare a ciascuna rete di musei un motore promozionale e organizzativo efficiente. I 3.500 musei italiani sono tanti. Ma il know how di chi sa gestire bene imprese di servizi pu essere prezioso per formare, anche da noi la figura del "promoter" che sa progettare e condurre reti museali di area o di settore, coordinare il merchandising, le pubblicazioni, le facilit di accesso e trasporto. Questo ultimo accenno introduce al problema della gestione imprenditoriale dei beni culturali. Sono sempre stato abbastanza prudente sul tema della gestione dei musei da parte dei privati. I musei, anche i pi celebri, difficilmente si reggono economicamente su basi di solo mercato. In ogni caso il "grande" privato potrebbe eventualmente avere un interesse a condurre un "grande" museo o un bene culturale di grande spicco internazionale. Pi per prestigio e immagine che per redditivit.
il caso di Palazzo Grassi. Potrebbe essere il caso dei 3-4 nuovi grandi musei da realizzare in Italia, secondo una proposta che periodica-mente riemerge, per poi essere dopo poco dimenticata. Sono invece assolutamente convinto del fatto che tutti i beni culturali, musei "in primis", debbano essere gestiti in termini imprenditoriali.
Il museo deve creare eventi. Deve cogliere le opportunit che si offrono. Deve attrezzare la propria offerta non solo per segmenti di pubblico, ma anche ricercare le nicchie di potenziali fruitori. Deve creare circuiti: sia di opere d'arte, sia di visitatori. certamente un discorso di formazione. In America i Master in "Business Management of the Arts” esistono da vent'anni. Anche da noi corsi di laurea in beni culturali e specializzazioni in gestione dei beni culturali sono sorti numerosi in questi ultimi sette-otto anni. Mi auguro che diano un'ottima preparazione. Non solo una formazione per partecipare ai concorsi per le Soprintendenze.
Il rapporto pubblico-privato in questi anni in Italia ha fatto passi avanti notevoli. I casi realizzati sono gi significativi: si pensi, tra i tanti esempi possibili, al Fai, al museo castello di Rivoli per l'arte contemporanea o al "Pecci" di Prato. Si sono attuati, nonostante le condizioni al contorno fossero difficili. Perch, fino a oggi, l'intervento dei privati ha assunto la forma di contributo manageriale alla gestione, oppure di donazione, mecenatismo, qualche volta di sponsorizzazione
(si pensi agli interventi della Consulta di Torino per i restauri di edifici e monumenti di rilevanza storica). Senza cio alcun incentivo fiscale o con incentivi minimi.
Questo il motivo per cui alcuni pur ottimi meccanismi operativi predisposti dalla legislazione dei passati governi per favorire la collaborazione dei privati — cito, tra gli ultimi in ordine di tempo, le fondazioni di partecipazione — hanno prodotto risultati modesti. Per non dire molto modesti.
Oggi pare delinearsi una grande opportunit, aperta dalla nuova legge che amplia le possibilit di defiscalizzazione per i contributi dei privati al "non profit" e, principalmente a cultura, arte, musei. Ho sempre sostenuto che il vero salto di qualit nel rapporto impresa-cultura sarebbe avvenuto quando l'Italia si fosse dotata di una legislazione in materia in qualche modo simile a quella degli Usa. Dove anche grandi ospedali e grandi universit sono finanziate dai privati: che, su queste risorse messe a disposizione dell'interesse collettivo, non pagano tasse. Mi pare che il momento sia giunto.
Il 21 novembre 2001, a Mantova, era una sera di nebbia. Umberto Agnelli era atteso al Teatro Bibiena per una conferenza sul tema Impresa e Cultura, nell'ambito delle manifestazioni promosse dal Festivaletteratura. L'appuntamento cadeva nel pieno delle discussioni sull'articolo della legge finanziaria che prevedeva l'ingresso dei privati nella gestione dei musei. Ma le proibitive condizioni atmosferiche costrinsero l'aereo di Agnelli a invertire la rotta e tornare a Torino.
Dopo la scomparsa del presidente della Fiat, pubblichiamo il testo di quella conferenza, che tocca temi ancor oggi al centro del dibattito politico. In particolare, i problemi dei musei locali in Italia e all'estero, il rapporto tra pubblico e privato nell'ambito dei Beni culturali, la formazione del personale dirigente dei musei e il regime fiscale degli investimenti in cultura.



news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news