LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

II progetto del presidente Ciampi: raccontare la storia della nazione in otto mostre
Cesare Mozzarelli
L'ECO DI BERGAMO, 28 MAG 2004



Fratelli d'Italia, state uniti se potete
La festa del 2 giugno diventa sempre pi l'occasione per riscoprire le radici della Patria

Con sguardo lungimirante su impulso del Presidente Ciampi si aprir al Vittoriano di Roma il due giugno la prima di otto mostre che da qui al 2011 dovranno solennizzare i centocinquant'anni dell'Unit d'Italia. Ricordo che in occasione del centenario, nel 1961, furono il Risorgimento e i progressi del paese ad essere sfruttati come motivi forti. Non per nulla la mostra Italia 61 si tenne a Torino, ove si potevano coniugare l'ottocentesca storia politica del progetto dell'Unit e
quella recente della modernit industriale a sua volta produttrice di nuova unificazione, magari nei consumi, certo nell'immigrazione dalle campagne alle citt, dal Sud al Nord. Nazione e lavoro insomma come minimo comun denominatore d'una identit italiana non conflittuale e in quei termini buona per tutti.
Cinquant'anni dopo il boom storia lontana, l'identit italiana un tema di ricerca, e la faccenda molto pi complessa. Per celebrare l'anniversario dell'Unit si propone ora un lungo percorso riassunto attraverso il concetto delle radici della
nazione.
Nel 1961 che fossimo uni di sangue, di lingua, d'aitar pareva ovvio. E le voci dissonanti troppo flebili o marginali per disturbare la festa. Oggi invece tutt'al contrario sono le ragioni dell'unit a dover essere illustrate. Per molti motivi. Qualcuna generale, come la crisi degli stati nazionali, ancora forti di funzioni e poteri ma insidiati dall'esterno dalla globalizzazione e impacciati all'interno nel far fronte al diversificarsi e frammentarsi degli interessi locali.
QUalcuna specifica dell'Italia, ove la dissoluzione politica della prima Repubblica e dei suoi referenti Ideologici ha posto problemi enormi di ricostruzione del senso della nostra storia. La Repubblica nata dalla Resistenza poteva considerare quest'ultima
come un secondo Risorgimento. Quello suggello alla rinascita italiana dopo la secolare vicenda della crisi del Rinascimento, la decadenza secentesca, il predominio straniero, questa come ripetizione novecen-tesca di vicende comparabili pur nella loro breve durata.
La Resistenza, cio, come vittorioso superamento della crisi dello stato liberale, della dittatura, conseguente, dell'occupazione militare e della lacerazione territoriale. Il Risorgimento conquista della libert, la Resistenza della compiuta democrazia. Ma esaurirsi i partiti che di quella visione erano portatori e da essa traevano legittimazione, dai liberali ai comunisti passando per la Democrazia cristiana, acquisito l'antifascismo come patrimonio comune, il metodo democratico pure, andate in crisi le ideologie che avevano supportato un'idea totalizzante di politica, quale prospettiva poteva dare una storia che solo agli esiti della resistenza nel senso detto si affidasse? E che in sostanza risolvesse la storia nazionale nella storia politico-istituzionale?
Se presupponiamo questa
domanda e questo problema allora il progetto della serie di mostre sulle radici della nazione risulta chiaro nel suo significato. Non ci s. pu limitare come cinquan t'armi fa a celebrare il Risorgimento, n ac-
contentarsi d'evocare la Repubblica fondata sul lavoro. Occorre un punto di vista pi ampio, e una prospettiva pi lunga. In risposta alla globalizzazione occorre sottolineare, come si intende fare, l'Italia quale nazione del mondo, vale a dire come realizzatrice nella sua storia di pensieri, eventi e manufatti di rilevanza globale. E per quanto riguarda il senso di una storia comune per gli italiani assumere il tempo lungo della lingua, del diritto, dell'arte e della cultura. Cos che l'unit, che si vuole celebrare e riaffer-
mare come valore, non sia tnto l'esito di un moderno progetto politico, magari contrastato, quanto la conseguenza naturale di una vicenda tanto pi ricca quanto pi articolata, nel tempo e nelle sue manifestazioni.
La grandezza e ricchezza della storia d'Italia, ha spiegato il ministro dei beni culturali Urbani presentando l'iniziativa, sta nel rapporto fra molteplicit e unitariet. Benissimo dunque ricordare assieme San Francesco e gli statuti delle citt medievali, i grandi artisti e i primi testi in lingua volgare, le bandiere di combattimento e i filmati dell'Istituto Luce con la firma della costituzione. In somma, come si detto, le fonti della storia d'Italia. Ci che ha fatto dell'Italia una patria per gli italiani, secondo l'intendimento di Ciampi che del Vittoriano vorrebbe fare il museo della patria stessa.
Arriva cos al grande pubblico, con correzioni e aggiustamenti certo, il disegno proposto agli specialisti trent'anni fa dalla Storia d'Italia Einaudi (si vedano in essa esemplarmente i due volumi dedicati alle fonti, e il primo, sui caratteri originali della storia d'Italia) e frutto a sua
volta della tardiva ricezione delle prospettive della
scuola francese delle An-nales con la sua insistenza sulle vicende di lungo periodo, la storia della civilizzazione nel suo complesso, i dati metaindivi-duali, la storia delle mentalit, e cos via. Nulla di male, se non fosse che il mito di una storia globale tramontato da tempo e che al di l dei dati strutturali ci si resi conto di dover fare i conti, per comprendere la storia, anche con le scelte consapevoli e le responsabilit degli individui e dei gruppi.
Una storia senza conflitto; e senza scelte, oggetti va per cos dire, non si da. Giudicare le intenzioni non sta bene, ma non si pu non vedere come il gruppo degli studiosi, di indubbio valore, cui affidato il progetto sia culturalmente abbastanza omogeneo e marcatamente laico. Questa vicinanza di sentire render loro pi facile, senza dubbio, la realizzazione del progetto, ma l'esclusione di altri punti di vista fa correre il rischio a questa ambiziosa iniziativa di offrire come generale e condiviso un punto di vista che tale non , riconfermando come og-gettive scelte interpretative particolari. Penso, per uscir dal vago, a temi come il ruolo della Chiesa nell'et moderna, i limiti sociali dello stato liberale, il confronto tra lites e masse tra Otto e Novecento. Bene le celebrazioni insomma, purch accompagnate da, ed espressive di, franchi e leali dibattiti.



news

16-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news