LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La denuncia che prima non c'era
Corrado Sforza Fogliani*
Il Sole 24Ore, 26/5/2004

Il nuovo Codice dei beni culturali (in vigore dal 1 maggio) ha stabilito che debbano essere denunciate alle Soprintendenze per i beni culturali e per il paesaggio le locazioni di unit immobiliari situate in immobili storico artistici: le nuove locazioni, ma anche secondo un'interpretazione prudenziale quelle in corso (infatti, se ci fosse una ragione giustificativa per le prime, non si vede alla luce di quale argomentazione tale ragione si potrebbe non ritenere sussistente per le seconde: n, sotto questo profilo, vale all'evidenza l'osservazione che una ragione giustificatrice non c', in realt, n per le prime n per le seconde!).
A proposito di queste denunce (il cui modello con le relative istruzioni reperibile sul sito della propriet immobiliare www.confedilizia.it), comunque venuto alla ribalta con l'occasione il problema se l'obbligo di denunciare le locazioni in questione sussistesse anche nel passato (prima, cio, del nuovo Codice). E la risposta negativa: per una ragione storica, e per una ragione di interpretazione normativa.
La ragione storica che, per ben pi di mezzo secolo (dalla legge 1089 in
poi), nessuno ha mai denunciato le locazioni, nessuna Soprintendenza lo ha mai preteso, nessun Soprintendente mai stato denunciato per omissione d'atti d'ufficio (per non aver denunciato i reati di omessa denuncia scoperti in occasione di sopraluoghi ad unit immobiliari locate e non denunciate).
Questa ragione interessando, come si detto, un cos lungo ordine di anni sarebbe di per s sufficiente. Ma depone nello stesso senso (della ragione storica), anche la normativa via via vigente per il settore. Infatti, l'articolo 30 della legge 1 giugno 1939 n. 1089 precitata (che prevedeva la denuncia dei trasferimenti della de-tenzione) era superato dalla (pur temporalmente precedente) normativa di cui all'articolo 56 Rd 30 gennaio 1913 n. 363, proprio siccome Regolamento di attuazione della normativa in questione (e questo Regolamento che si ritiene tacitamente abrogato con l'uscita delle normative esaustive rappresentate dai Decreti legislativi, e cio dal 1999 in poi limitava la denuncia ai trasferimenti, per quanto qua ci interessa, del "possesso"). L'articolo 58, comma 2, del Dlgs 29 ottobre 1999 n. 490 (comunque non legittimato, dalla legge delega, a modificare la previgente normativa) limitava poi l'obbligo di denuncia ai casi di "alienazione" (e, non a caso, stato "corretto" nel nuovo Codice) mentre non si pu, all'evidenza, attribuire valore determinante di interpretazione autentica - al tenore letterale della norma sanzionatoria dello stesso decreto. Per concludere, diremo solo che sia il Senato che la Camera avevano consigliato di non istituire col nuovo Codice l'obbligo di denuncia delle locazioni (e lo avevano fatto su espresso suggerimento della Confedilizia). Ma il Ministero competente non si sa perch ha fatto orecchio da mercante e ha ritenuto di istituire l'obbligo, pur non avendo mai di fatto preteso, come visto, le denunce. Una contraddizione insanabile, al minimo.

* Presidente Confedilizia



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news