LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Condono, mega-fallimento a spese del cittadino
Maria Zegarelli
L'Unit, 25.05.2004


Con 221 voti favorevoli e 157 contrari marted la Camera ha approvato definitivamente il decreto di proroga del condono edilizio. Quindi i termini del condono slittano dal 31 marzo al 31 luglio, trascinandosi dietro anche le date entro cui pagare per gli abusi commessi: la seconda rata scade il 30 settembre, la terza il 30 novembre. Compatto il voto favorevole del centrodestra - Tremonti non avrebbe perdonato -, compatto anche quello del centrosinistra, contrario, come sempre.

Il mostro. Di fatto siamo al terzo condono partorito dal governo Berlusconi: un mostro che supera per gravit ed inutilit i suoi fratelli maggiori, il primo del 1985, il secondo del 1994 e il mostriciattolo senza capo n coda venuto fuori nei mesi scorsi, i cui termini sono desolatamente scaduti senza che arrivassero le migliaia di domande di sanatoria che i tecnici di Tremonti avevano preventivato per tenerlo in piedi. Un flop spaventoso.

Cos, dato che la Consulta sta per pronunciarsi sui ricorsi presentati dalle otto regioni contrarie al condono, il governo spera che tutto andr liscio e che gli abusivi dItalia si facciano coraggio e depositino le loro domandine, paghino il necessario per conquistarsi il paradiso e amen. Lobiettivo del superministro alle Finanze Giulio Tremonti fissato a 3mila e 800 miliardi di euro di introiti. Non certo che le cose vadano cos: il 22 marzo scorso, secondo i dati diffusi dallAdnkronos, le domande di condono presentate a Milano erano 350; 280 a Napoli; 100 a Bologna e 200 a Torino. In Sicilia nel comune di Palermo sono state 412.

Il dossier. Ma proviamo a immaginare che vada come previsto dalla maggioranza. Secondo uno studio realizzato da Anci e Cresme nel settembre 2003 le risorse acquisibili dalle sanzioni, sarebbero pari a circa 5,1 miliardi di euro. I costi di urbanizzazione svetterebbero invece a 8,7 miliardi di euro che dovrebbero sborsare i Comuni. Il Cresme nel 2004 ha preventivato per i Comuni - a fronte di un introito dello Stato per la copertura della Finanziaria 2004 di 3,8 miliardi di Euro - una spesa di oltre 9,6 miliardi. Sono stati stimati anche i costi indicativi di completamento dellurbanizzazione per abitazione in area intensiva (che riguarda circa il 30% delle opere): 18mila euro, che diventano 27mila in area estensiva e comprendono il 70% delle opere abusive. Da qui si arriva ai 24mila euro di spesa media per le opere di urbanizzazione che ogni comune deve affrontare e che generano quei 9,6 miliardi di cui sopra.

Ancora qualche altro dato, frutto di un lavoro certosino del deputato Ds Fabrizio Vigni, aiuta a capire di cosa stiamo parlando. A Roma le entrate frutto dei due condoni precedenti sono state pari a 447 milioni di euro. Le uscite complessive sono state di 2.992 milioni di euro. Fatti i conti ogni cittadino ha versato una somma pari a 1.157 euro per interventi a vantaggio degli abusivi.

Attualmente sul condono appena prorogato pende lesame della Corte Costituzionale: ci sono ben 15 ricorsi su cui sta lavorando la Consulta. Otto le questioni di costituzionalit sollevate da Basilicata, Campania, Marche, Lazio, Toscana, Emilia Romagna, Umbria, Friuli Venezia Giulia; le cinque sollevate dal governo contro le delibere di giunta della Campania e contro le leggi regionali antiabusivismo di Toscana, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Marche.

Rispetto al passato la novit che sembra aver caratterizzato questa nuova spinta in avanti di mattone selvaggio (ad ogni annuncio di condono corrispondono migliaia di nuove abitazioni) la localizzazione dei manufatti abusivi: non pi nei centri urbani gi edificati in maniera intensiva, ma uno spostamento, nel 70% dei casi, verso le aree di scarsa densit. Un particolare di non poco conto, perch portare le opere di urbanizzazione in una zona periferica non densamente abitata si traduce per le amministrazioni locali in un aumento vertiginoso delle spese.

Tutti abusivi. Secondo il rapporto Ecomafia di Legambiente, levasione fiscale collegata allabusivismo edilizio dal 1994 al 2002 superiore ai 6 miliardi di euro. Grosso modo nello stesso periodo, (1994/2003), secondo una ricerca Legambiente-Cresme-Si le costruzioni abusive sono state 402.676. In un anno le costruzioni abusive sono state 40mila. Gli ambientalisti hanno trovato un nome per questa nuova citt abusiva figlia del condono: Berlusconia. Sar la prima, vera - e forse unica - grande opera del premier.

Il fallimento. Un fallimento per le casse dello Stato, un danno devastante allambiente ed alla legalit: ecco i risultati del condono edilizio che il governo ha voluto a tutti i costi prorogare, commenta a votazione appena avvenuta Fabrizio Vigni, capogruppo Ds in commissione Ambiente. Aggiunge: Dei 3 miliardi e 800 milioni di euro previsti, lo Stato ha incassato ad oggi poco pi del 10%. Intanto, per effetto della politica del governo, tra il 2001 ed il 2003 labusivismo tornato a crescere, con un impressionante aumento del 41%. Per Roberto Della Seta, presidente di Legambiente, dopo il regalo arrivato anche il premio per i furbi, mentre Antonio Di Pietro, leader dellItalia dei Valori, si chiede: Ma possibile che il governo Berlusconi non sappia fare altro che leggi per i furbi ed evasori?. E aggiunge che, mentre lopinione pubblica era presa da altre tragedie, la guerra e il terrorismo, il premier ne ha approfittato per prorogare il condono.

Luana Zanella avvisa il centrodestra: Saranno gli elettori a giudicare la maggioranza anche per questo ennesimo regalo a chi calpesta la legalit. Dal governo arriva una parola di speranza, per bocca del ministro per i Beni e le Attivit culturali, Giuliano Urbani: Nel caso dei Beni culturali il condono non scatener labusivismo, come ritiene lopposizione. Questa legge sul condono, che personalmente non ho approvato e che ho riconosciuto essere un provvedimento di emergenza, per quanto riguarda i beni culturali porta due importanti novit: non sar possibile alcun condono nelle aree protette e saranno demoliti tutti gli edifici costruiti nelle vicinanze delle aree protette. Ma si pu sanare quanto costruito sulle aree demaniali.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news