LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA - Monte Ricciu tu sei la mia patria
Giovanni Oliva
Il Manifesto Sardo, 1 luglio 2009

Su Monte Ricciu e la vicina Matteatu, con una decisa operazione della Procura della Repubblica contro labusivismo edilizio nel territorio di Alghero, gravano 89 avvisi di garanzia e 213 procedure di sequestri preventivi. Laccusa lottizzazione abusiva. Lanno scorso scrivevamo che paesaggi culturali significativi e identit diffuse vengono ridotte in frantumi: guardate ad esempio come si trasformato in pochi anni il tratto Olmedo-Alghero dal bivio Uri-Olmedo alla bella citt catalana.. Pochi mesi prima in un articolo sulla Nuova Sardegna poco mancava che venissero esaltate le magnifiche sorti e progressive dellespansione sempre a Monte Ricciu, vero e proprio paradiso di posti letto, energie alternative e percorsi culturali organizzate da capitani coraggiosi. Cosa dir la Regione Sardegna?
Pubblichiamo la parte conclusiva dellintervento che Giovanni Oliva fece al convegno su Antonio Simon Mossa, svoltosi proprio ad Alghero nellottobre scorso. (RED)

La pianificazione come baluardo contro i balordi.
Alla fine degli anni sessanta gli scritti di Antonio Simon Mossa rivelano una posizione sempre pi convinta a favore della pianificazione urbana e territoriale. Nel 1969 in un intervento pubblicato sulla rivista Realt del Mezzogiorno, affronta le tematiche dellurbanistica e della pianificazione paesistica: In Sardegna le risorse paesistiche sono notevoli tanto sulle coste come nellentroterra, cui doveroso aggiungere laspetto dei nuclei abitati ad insediamento antico, che si inserisce stupendamente nelle zone di maggior interesse. Il pericolo di aggressione al paesaggio, dal quale ci si difende con i piani territoriali paesistici, rappresentato dallavanzata del cemento presente in Sardegna tanto sulle cose e nei territori vergini, quanto nei nuclei abitati, ove unedilizia e unurbanistica balorde stando lentamente distruggendo i valori ambientali pi genuini.
La scelta dellaggettivo balorde riferito a una certa edilizia e urbanistica che in quegli anni iniziava a produrre vere e proprie devastazioni merita alcune considerazioni. Letimologia del termine balordo rimanda a una persona vittima di ebbrezza ma soprattutto smemorata. E probabilmente Antonio Simon Mossa imputava ai sardi, che si facevano protagonisti di questa stagione negativa, proprio la perdita della coscienza della propria identit. Nello stesso articolo appunta: La carenza legislativa dellurbanistica italiana si manifesta nellisola in proporzioni ancora maggiori.
Antonio Simon Mossa negli ultimi anni della sua carriera sembra sempre pi consapevole della necessit dellurbanistica e della pianificazione paesistica, piuttosto che come prefigurazione di nuovi assetti spaziali dettati da esigenze di sviluppo economico e modulati per consentire il dispiegarsi di una eccezionale pulsione edificatoria esogena, invece come strumenti culturali per la difesa della genuinit dei luoghi e delle popolazioni, baluardi contro i balordi, Sembra riconoscere allurbanistica e alla pianificazione territoriale una valenza, non in quanto scienze esatte o applicazione di criteri oggettivi, ma piuttosto come impegno militante, elaborazione culturale per la gestione della realt sociale in conflitto.
Il suo ultimo lavoro di pianificazione: Il Piano Territoriale Paesistico di Alghero-Fertilia
Su incarico della Soprintendenza e della Cassa del Mezzogiorno. Antonio Simon Mossa, come coordinatore di un gruppo di lavoro, nel 1971 elabor il Piano Territoriale Paesistico di Alghero Fertilia. Questo in effetti potrebbe essere considerato il primo studio sul territorio di Alghero in cui si ritrovi, anche se solo accennato nella premessa metodologica, il concetto di ecologia del paesaggio e i temi a questo connesso utili per la comprensione integrata del paesaggio.Nella redazione del piano, dal punto di vista metodologico si fa esplicito riferimento agli studi analoghi per alcune aree della Sardegna gi prodotti da Moroli e Insolera e ai piani affini per le coste del Languedoc e del Roussillon in Francia e per le coste slovene e dalmate in Jugoslavia.
Fra le molte scelte ancora oggi interessanti e valide mi sembra che qui merita segnalarne almeno due: la destinazione urbanistica di Maria Pia che, a differenza di precedenti Piani dello stesso Antonio Simon Mossa, totalmente indicata come Zona T (tempo libero) destinata ad attivit sportive e simili con un massimo di 1000 mc edificabili; la salvaguardia integrale di Scala Piccada che prevedeva linedificabilit delle sue falde (!!! oggi si presenta terreno di conquista di lotti edificabili con vista panoramica).
In conclusione credo che si possa senza dubbio parlare di una evoluzione nella storia professionale di Antonio Simon Mossa della sua visione della pianificazione urbana e territoriale di pari passo al radicalizzarsi del suo pensiero politico. Se in una prima fase della sua formazione
intellettuale lurbanistica e la pianificazione hanno avuto un ruolo marginale e egli ha vissuto immerso in una atmosfera ottimistica rispetto ai compiti dellarchitetto, credo che nel corso della sua esperienza professionale e politica Antonio Simon Mossa si sia sempre pi convinto della necessit di progettare alla scala territoriale un valido sistema di difesa dei paesaggi naturali e umani, un antidoto alla smemoratezza,

Oggi: Vorrei fare alcune considerazioni per attualizzare il mio discorso. Quasi per rispondere alla domanda che si poneva lAssessore allUrbanistica del Comune di Alghero. Che cosa direbbe oggi Antonio Simon Mossa vedendo la nostra citt? Sono certo che reagirebbe con forza e userebbe tutta la sua verve polemica se vedesse le trasformazioni in atto nella nostra citt e nel suo territorio. Lo ripeto: sia quelle nellambito urbano che nel suo vasto territorio. E mi voglio riferire qui, per citare solo un caso, a zone del territorio di Alghero (Matteattu e Monte Ricciu) che sembravano fino a qualche anno fa ignorate da tutti (come per esempio la zona di Iscala Mala il cui toponimo sembrava gi proteggerla apotropaicamente), e quindi meno bisognose di tutela, e che oggi, forse a causa proprio del loro essere appartate e indifese, come fanciulle ingenue, sono cadute vittime di
uno stupro, oggetto di un assalto allarma bianca di cui sembra sfuggire il senso (una passione travolgente e incontenibile per quei luoghi? certo non si tratta di amore a vedere come sono stati ridotti) e non si capisce come questo scempio sia stato consentito con permessi o come sia stato reso possibile grazie a disattenzioni, dimenticanze e omissioni. Balordaggine avrebbe detto Antonio Simon Mossa.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news